Publisher: Compile Heart Developer: Compile Heart
Piattaforma: PS Vita Genere: JRPG Release Date: 27 agosto 2014

Annunciato a fine marzo, sta per arrivare nei negozi americani ed europei uno dei titoli RPG più celebri visti su PlayStation 3, completamente rinnovato e riadattato per le nostre Playstation Vita. Per chi non lo sapesse, stiamo parlando di Hyperdimension Neptunia Re:Birth 1, remake per console portatile del primo capitolo della serie, sviluppato dai ragazzi di Compile Heart, già autori sulla piccola di casa Sony dello splendido Monster Monpiece.

hyperdimension_neptunia_rebirth-001

Passato e futuro

Per chi non ne conoscesse la storia, Neptunia è una parodia della Console War in atto ai tempi tra Playstation, Xbox e Wii, e si ambienta nel mondo di Gamindustri, diviso in quattro regioni protette da altrettante dee. Il giocatore, al comando di Neptune, una delle quattro CPU del gioco, dovrà sventare gli attacchi della malvagia dea Afroire in una lunga e intricata avventura carica di ironia, humor e soprattutto di tante donzelle in abiti succinti.
Questa incredibile storia viene narrata magistralmente, alternandosi a sessioni in puro stile JRPG, con tutti i suoi elementi tipici, come i combattimenti a turni, la personalizzazione dell’equipaggiamento dei personaggi, l’esplorazione di dungeon e tanto altro.
Ma in cosa Re;Birth 1 si distingue dalla sua controparte per PlayStation 3? I fattori in questo senso sono molti, e sono anche la ragioni per cui un fan del genere non può farsi scappare questo titolo. Prima di tutto avremo modo di confrontarci con nuovi dialoghi e un nuovo finale: Idea Factory ha completamente rivistole sequenze narrative all’interno del gioco, modificando e aggiungendo qua e là delle chicche, oltre ad aver introdotto un finale segreto nuovo di zecca, che permetterà anche a chi aveva finito il gioco anni fa di godersi un ending completamente diverso.

Il sistema “Remake” permetterà ai giocatori di personalizzare e cambiare il mondo di gioco grazie a quelli che vengono chiamati “Plans” (ossia progetti). Tali oggetti vi potranno essere donati dagli abitanti o lasciati dai mostri sconfitti, e completando le richieste di ogni Plan potrete cambiare l’esperienza di gioco in base ai vostri gusti. Potrete quindi aumentare la forza dei nemici, indebolirli, aumentare i dungeon, cambiare i drop e così via. Un po’ come succedeva in un altro titolo simile, ossia Disgaea, solo che in quel caso bisognava rivolgersi a un poco amichevole tribunale.

Il Disc System, con cui i giocatori collezioneranno dei dischi vergine in cui masterizzare delle abilità, così da sbloccare equipaggiamenti unici con cui dotare le proprie eroine. Questo ovviamente aggiunge un fattore in più da considerare nelle battaglie, infatti il giusto potenziamento può rivelarsi la chiave vincente per uno scontro altrimenti complicato. Tutto questo ovviamente esalta il particolare stile di gioco, legato come detto prima alla “Console War”.

Il sistema dei combattimenti è stato completamente rivisitato. Ora ai giocatori sarà concesso di muoversi per l’arena in totale libertà per sfruttare a proprio vantaggio distanza, posizioni e tanto altro che non stiamo a svelarvi.

Conclusione

Insomma i motivi per rigiocarlo o per iniziare a lasciarvi catturare da questa meravigliosa saga sono veramente tanti, e non basterà certo quest’anteprima a raccontarveli tutti. Dovrete aspettare la recensione, in arrivo molto presto, per sapere tutti i retroscena. Il nostro consiglio, comunque, se siete appassionati del genere e avete la fortuna di possedere una PsVita, prenotate questo titolo, in arrivo il 22 Agosto, senza esitazioni!

Hyperdimension Neptunia ReBirth 1

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa vita è strana per Square Enix
Prossimo articoloSconti sui giochi “Anime” in arrivo nella giornata di domani
Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare numerosi gruppi di recupero e svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi Stefano ha 26 anni e scrive per il Bit, non perchè abbia una scelta, ma perchè se no il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All Stars Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia ai trofei di Platino, con scarsi risultati.