Publisher: TicToc Games Developer: TicToc Games
Piattaforma: PS4 Genere: Platform pixelcratico Giocatori: 1 PEGI: 7 Prezzo: 13,99 €

Di sicuro, ultimamente, non sono mancati i giochi che hanno voluto fare dello stile “retrò” un proprio punto di forza. Che poi questo più che a una stretta scelta artistica vada attributo ad una più pragmatica assenza di grosso budget, beh, questo è un altro discorso. Rimane il fatto che Adventures of Pip con questo richiamo al passato ci gioca, lo prende in giro, ne fa una feature del gameplay, riuscendo a ritagliarsi un proprio spazio nel vastissimo mondo dei platform bidimensionali.

adventures-of-pip-001

Sei povero, sei un pixel

Pip, il nostro eroe, come nel più classico dei casi, è un “signor nessuno”, che verrà presto chiamato a compiere un’impresa eroica. Più che un un signor nessuno, in realtà, il protagonista di cui vestiremo i panni è solamente un pixel, poiché nel mondo in cui vive una maggiore risoluzione corrisponde ad un migliore status sociale, cosicché re, regine, principesse, principi e altra cianfrusaglia del genere vantino dei bellissimi sprite. A chi invece è stata destinata una sorte “comune”, nel migliore dei casi avrà una bassa qualità grafica, mentre nel peggiore sarà solamente un pixel – come è il caso di Pip. Fatto sta che un bel giorno, la malvagia Queen De Rezzia rapisce la principessa del nostro regno, e toccherà (logicamente) a noi salvarla. Come evidente la trama non si discosta più di tanto dalla banalità in cui è quasi sempre costretto il genere, così come la struttura di gioco.

Adventures-of-Pip_003

Avremo infatti una grossa mappa contenente diverse decine di livelli, piuttosto brevi e nemmeno numerosissimi, a dire la verità, suddivisi tra loro in mondi che a loro volta presentano il classico boss finale, fino a giungere a quello definitivo (in onestà nessuno dei nostri antagonisti ci è sembrato poi così memorabile, ma i diversi scontri si diversificano bene e risultano appassionanti da affrontare). Nemici da sconfiggere saltandoci sulla testa, piattaforme, ostacoli da evitare e interruttori da premere sono ciò che ci attende. Niente fin qui citato, ne converrete, appare degno di nota; se non fosse per una precisa caratteristica del gameplay che impreziosisce non poco il tutto, e di cui già si è parlato brevemente. Ci riferiamo alla possibilità di Pip di aumentare la propria risoluzione sconfiggendo specifici nemici, per un totale di tre forme diverse, così come a quella di abbassarla, procedimento questo effettuabile in totale autonomia, senza l’aiuto di terzi, con la pressione del tasto L2. Ma, attenzione, non sempre avere una maggiore qualità vorrà dire essere maggiormente preparati a ciò che ci aspetta.

Infatti mano a mano che ci evolveremo aumenteremo la nostra forza fisica, ma saremo penalizzati, in maniera direttamente proporzionale, in termini di agilità. Tanto per parlare chiaro: quando saremo un pixel ci ritroveremo in una forma di fatto semi-inoffensiva, a patto di non saltare sopra il proprio nemico, per contro potremo effettuare salti decisamente più lunghi del normale tramite la pressione prolungata del tasto “X”; nella forma intermedia potremo tirare calci e pugni, invece, ma verrà meno la capacità di rimanere per un breve lasso di tempo sospesi per aria, sostituita dal potere rimanere fissati ad una parete e rimbalzare tra due nel caso fossero vicine e perpendicolari; infine la forma definitiva ci regala l’utilizzo della spada, capace di abbattere muri e scagliare anche palle di fuoco con uno specifico potenziamento, ma ci penalizza molto in termini di rapidità, dato che saremo più lenti e i salti saranno più corti. Aggrapparsi alle pareti, beh, quello nemmeno a parlarne.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteMOBIUS FINAL FANTASY, aggiornamento gratuito per festeggiare i 3 milioni di download
Prossimo articoloL’ala finale di Una notte a Karazhan per Hearthstone è aperta!
Dario Caprai
Ormai legato anche affettivamente a PlayStationBit, predilige tutto quello che punti alla semplicità e che magari non costringa a decine di ore di subquest, considerato il tempo libero sempre più scarso (Batman Arkham e Fallout permettendo). Filosenecano, crede che non esista cosa migliore del dedicare tempo a sé stessi e alle proprie passioni. Last but not least: adora le notizie trash.