Sviluppatore: Blue Mammoth Games Publisher: Blue Mammoth Games Piattaforma: PS4 Genere: Picchiaduro Giocatori: 1-4 (Online: 2-8) PEGI: 7 Prezzo: Free-to-play

La terra delle opportunità

Brawlhalla però non è solo divertimento senza sosta ma anche competizione; Blue Mammoth Games ha puntato sin da subito al mondo degli eSport, infatti, oltre alla modalità Competitiva 1vs1 e 2vs2, sarà possibile giocare anche offline in locale o creare partite personalizzate online in modo da poter affrontare i più svariati tornei. Brawlhalla è infatti protagonista di molte competizioni in giro per il mondo nel circuito degli eSport, complice anche la sua uscita su PC da oltre un anno.

Ma non è tutto qui, perché Brawlhalla non si ferma alla semplice modalità brawl. Avendo la possibilità di creare partite personalizzate sia online che offline gli sviluppatori hanno ben pensato di aggiungere una valanga di modalità competitive come il basket (con l’ausilio di un pallone bisognerà colpire il bersaglio avversario); il football, dove dovremo portare la palla nella meta avversaria; il beach volley, la lotta con le palle di neve e molte altre. Insomma, il divertimento non accennerà mai a fermarsi una volta entrati nel mondo di Brawlhalla.

Trofeisticamente parlando: un Platino leggen… dario!

In ambito trofei Brawlhalla diventa assai più punitivo rispetto a ciò che vediamo in gioco, raggiungere il trofeo di Platino non è certo un’impresa semplice e vi costerà un gran quantitativo di ore. Il titolo prevede un totale di 40 trofei Platino compreso, ma per ottenerlo sarà necessario portare non solo il vostro livello account al 40,  dovrete anche raggiungere il livello 10 con ogni tipologia di leggenda, senza contare il dover vincere (eh sì, proprio vincere) la bellezza di 250 partite e lanciare giù dal ring 1.000 avversari.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
9/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteAnnunciato One Piece World Seeker per PlayStation 4
Nicola Raiola
All'interno del mondo del Bit fin dal suo stato embrionale di UPSBlogit. Ha iniziato a giocare alla tenera età di 4 anni. Appassionato a quasi ogni genere videoludico, segue con passione oltre a videogames, anche film, anime e manga, questo purtroppo è causa della sua instabilità mentale.