Sviluppatore: Spaces of Play Publisher: Spaces of Play Piattaforma: PS4 Genere: Avventura Giocatori: 1 PEGI: 7 Prezzo: 19,99 €

“L’unica regola del viaggio è: non tornare come sei partito. Torna diverso”.
Anne Carson

Il mondo dei videogiochi cerca da sempre un modo per innovarsi proponendo idee nuove o rielaborando concetti classici, per evitare che le pubblicazioni si riducano solamente a sparatutto e giochi di guida. Titoli come Heavy Rain (in positivo) e Wander (in negativo) sono riusciti a regalare esperienza decisamente “particolari” ai giocatori, stesso ambizioso obiettivo che si pone Future Unfolding.

Sogno o son desto?

Leggere la semplicistica descrizione di Future Unfolding, definito un’avventura d’azione ed esplorazione, potrebbe far pensare al solito titolo open world in cui il nostro personaggio dovrà saltare di missione in missione eliminando nemici a raffica e raccogliendo quanti più drop possibile.

Nulla può però essere più lontano dalla realtà visto che, eccezion fatta per il concetto di open world, tutto troveremo all’interno dell’opera di Spaces of Play tranne che avversari da eliminare e oggetti da raccogliere.

Una volta iniziata l’avventura verremo infatti calati senza troppi indugi nei panni del nostro alter ego virtuale che si muoverà all’interno di scenari surreali e da sogno ricchi di vari tipi di ambienti e di una quantità di animali diversi tra loro.

In tutto questo iniziale sbalordimento una delle peculiarità di Future Unfolding che si noterà fin dalle prime battute sarà l’assenza totale di qualsivoglia spiegazione o tutorial: tutto verrà lasciato all’immaginazione e alla voglia di scoperta del giocatore, a partire dai tasti da utilizzare per arrivare fino allo scopo del nostro pellegrinaggio.

Ben lontano dall’essere un mero simulatore di camminata infatti il titolo nasconde al suo interno un’anima da esplorativo vero con una spruzzata di puzzle che non guasta mai, oltre a rendere decisamente interessanti le nostre escursioni nel variopinto mondo di gioco.

Sbaglia solo chi fa

Come vi abbiamo accennato, Future Unfolding è un titolo totalmente privo di qualsivoglia guida per il giocatore che sarà in un certo senso “costretto” a scoprire da solo le potenzialità del personaggio che muoverà all’interno del mondo di gioco.

Oltre alla possibilità di muoversi infatti il nostro eroe, se così possiamo chiamarlo, avrà la possibilità di interagire con alcuni degli oggetti e degli animali che lo circondano per scatenare le reazioni più disparate: la prima volta che un coniglio darà vita a un cespuglio fiorito rimarrete piacevolmente sorpresi.

Spostandoci nell’universo onirico creato da Spaces of Play avremo poi modo di passare dalla foresta al deserto, nuotare all’interno di vasti laghi ed esplorare buie caverne alla ricerca di segreti, fiori da far sbocciare e dei vari tipi di animali che popoleranno le zone.

Proprio gli altri esseri viventi saranno fulcro dell’avventura; alcuni di essi infatti saranno decisamente amichevoli e ci permetteranno di superare zone impervie grazie alle loro abilità oppure di risolvere determinati enigmi che ci bloccheranno la strada.

Altri invece, decisamente meno socievoli, saranno pronti a farci la pelle; leoni e lupi non vedono l’ora di vedere il loro sonno disturbato per fare un sol boccone del nostro personaggio ed eliminarlo, trasformandoci in alberi e obbligandoci a ripetere da zero la zona.

Nessuna vita e nessun game over comunque, così come nessuna arma per difenderci o nessuna lifebar a segnare il nostro stato di salute. Future Unfolding è prima di tutto un gioco minimalista privo di qualsivoglia interfaccia o hub a fornirci dati, eccezion fatta per una piccola mappa.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
CONDIVIDI
Articolo precedentePokémon GO: in arrivo il primo pokémon leggendario?
Prossimo articoloL’evento estivo di Killing Floor 2 è finalmente disponibile
Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare numerosi gruppi di recupero e svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi Stefano ha 26 anni e scrive per il Bit, non perchè abbia una scelta, ma perchè se no il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All Stars Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia ai trofei di Platino, con scarsi risultati.