Publisher: RecoTechnology Developer: RecoTechnology
Piattaforma: PS4 Genere: Platform/Bestemmie Giocatori: 1-2 PEGI: 7 Prezzo: 19,99 €

La recensione di Kyurinaga’s Revenge è stata un mezzo calvario, non ve lo nascondiamo. Il perché è presto detto: per una serie di problemi tecnici che non staremo qui a spiegare, in Italia e in Spagna principalmente non era possibile salvare il gioco, cosicché, a meno di non finirlo in una sola sessione, oppure di non tenere accesa la console per diversi giorni per la gioia dello spreco di energia, raggiungere l’epilogo è stato per noi impossibile. Per fortuna o purtroppo, però, con la diffusione capillare di internet si è evoluto anche il mondo console, che permette agli sviluppatori di mettere mano alle loro opere dopo la release ufficiale.

kyurinagas-revenge-002

Storia di due eroi (vegetali)

Così, raggiunta la versione 1.03 e informati direttamente dagli sviluppatori che i problemi segnalati sono stati risolti, Kyurinaga’s Revenge è diventato, se non altro, fruibile. Ci siamo dunque lanciati in compagnia del fidato Kaoru Tamanegi, una cipolla samurai, e del combattente da strada Broccoli Joe a cercare la nostra vendetta nei dieci livelli ambientati in quel del Giappone Feudale, di cui è composta la modalità principale. Contro chi? Ma contro Kyurinaga, ovviamente, cattivone nonché nostro antagonista contro il quale si svolgerà la battaglia finale. Sarebbe superfluo stare qui a raccontare i dettagli del nostro rancore, un po’ perché la trama è tutto sommato simpatica e potreste avere piacere a scoprirla da soli, un po’ perché, prevedibilmente, il tutto è un pretesto per procedere nel gioco. Ad onor di cronaca c’è pure un predecessore uscito anche su PlayStation 4, è un hack ‘ n ‘ slash e si chiama Yasai Ninja, che espande questo universo tutto vegetale, in virtù del suo metascore pari a 23, faremo un po’ come se non esistesse.

Kyurinaga’s Revenge non è un taglia e affetta ma un platform, per quanto a tratti cerchi di distaccarsi da questo genere. Il fatto è che nell’ultima fatica di RecoTechnology per la maggior parte del tempo salterete tra una piattaforma bidimensionale (in realtà si tratta dell’ormai classico 2.5D) e l’altra, su questo non c’è dubbio, ricorrendo a tutte le sfumature che gameplay di questo tipo comportano, come doppi salti, rimbalzi e via dicendo. Non mancano dei livelli in cui saremo inseguiti dal classico nemico a tutto schermo pronto a schiacciarci, o a divorarci, nel caso in cui sostassimo troppo a lungo, così come semplici puzzle o stravaganti boss fight, basate sempre su tempismo e precisione nei salti, oltre che sulla nostra arma di offesa, selezionabile con il tasto Quadrato. Ma quello che distingue Kyurinaga’s Revenge rispetto ai colleghi è senza dubbio la presenza di spezzoni interamente basati sui Quick Time Event (QTE), utili a sottolineare l’enfasi delle più disparate battaglie, probabilmente.

kyurinagas-revenge-003

Le idee e pure una certa varietà di fondo non mancano, dunque, ma ora rimane da vedere come queste siano state sviluppate. Per tutto ciò che attiene le fasi platform, più o meno il 95% del gioco, segnaliamo una certa solidità delle meccaniche di gioco, accompagnate però da un game design piuttosto scarno, che difficilmente colpirà il giocatore, anche quelle meno avvezzo al genere. A mescolare le carte in tavola ci pensano le abilità differenti assegnate al duo: Kaoru Tamanegi potrà disseminare bombe e spostare enormi casse, mentre Broccoli Joe brilla per la sua destrezza con i kunai, che può lanciare per tagliare corde che intralciano il passaggio, ad esempio. Ciò non basta però a rendere davvero interessante il gioco, che presto potrebbe fare insorgere in voi la tanto temuta monotonia. I QTE non riescono nell’intento di dare brillantezza, poiché troppo esasperati ed estremamente poco cinematografici. Tali sezioni consistono nel posizionamento dei due protagonisti al centro dello schermo; questi saranno attaccati dai nemici provenienti dai lati, e tutto ciò che dovremo fare sarà azzeccare la giusta sequenza di tasti per sconfiggerli, pena la perdita di punti vita che, per essere recuperati, obbligheranno il giocatore ad una forsennata pressione di L1 e R1 alternativamente.

Quanto fino ad ora descritto corrisponde alla descrizione di un gioco mediocre, ma non disastroso, ed è più o meno questo il nostro giudizio in merito. Altri fattori utili a farvi un’idea migliore di Kyurinaga’s Revenge sono un tasso di sfida elevato anche alle difficoltà più basse, che spesso, in quelle più alte, sfocia tranquillamente nella frustrazione, specie perché un errore vuol dire morte certa e ripartenza da uno degli ultimi checkpoint raggiunti – che non sono poi molti, tra l’altro. In single player questo potrebbe essere inteso come un omaggio ai giochi che furono, assolutamente meno accomodanti di quelli di oggi, motivo per cui non ci sentiamo di condannare il titolo almeno sotto questo aspetto.

1 2 Succ
Verdetto
Voto - 6/10
Dario Caprai
Ormai legato anche affettivamente a PlayStationBit, predilige ormai tutto quello che punti alla semplicità e che magari non costringa a decine di ore di subquest, considerato il tempo libero sempre più scarso (Batman Arkham e Fallout permettendo). Filosenecano, crede che non esista cosa migliore del dedicare tempo a sé stessi e alle proprie passioni, con buona pace di successi universitari, imperdibili Erasmus e brillanti carriere lavorative. Last but not least: adora le notizie trash.