Publisher: Hollow Ponds Developer: Hollow Ponds
Piattaforma: PS4 Genere: GDR, Avventura, Roguelike Giocatori: 1 PEGI: 7 Prezzo: 14,99 €

I roguelike sono un genere videoludico che dall’alba dei tempi ha sempre diviso il mondo dei videogiocatori in due fazioni: chi lo ama e chi lo odia. Per chi non conoscesse il genere, il roguelike è un termine che indica una particolare tipologia di videogiochi di ruolo, caratterizzata da elementi comuni: mappe casuali, morte permanente e movimenti a turni. Loot Rascals rientra in questa tipologia, e gli adoratori del genere non potranno più farne a meno, ecco perché.

Loot Rascals

Sei pronto a morire varie e più volte?

Sembra la premessa di un qualsiasi souls-like ma Loot Rascals non ha niente dello stile cupo e teso del genere, anzi, lo stile grafico e narrativo riprende molto quel delicato trash che potrebbe essere di un qualsiasi titolo Katamari. Nonostante lo stile scanzonato Loot Rascals è un gioco che non perdona, che farebbe scomunicare qualsiasi cristiano, perché non sono ammessi errori, perché in questo piccolo e perverso capolavoro di Hollow Ponds la morte comporta il ripetersi dell’intera partita dall’inizio dell’avventura, tutto questo senza possibilità di caricare nessuna partita: i save data non esistono.

Se non siete scappati dopo questa premessa, allora siete pronti a immergervi in quello che è un piccolo gioiello dai toni indie. Nei panni di un astronauta siamo stati incaricati di indagare sui malfunzionamenti di una specie di villaggio turistico spaziale, il problema è evidente quanto gigantesco: una forma aliena divina omni-dimensionale sta presidiando il corpo celeste e in pochi attimi diventeremo le sue pedine. Scopo finale dell’avventura è fuggire dalla minaccia spaziale, cosa più difficile a farsi che a dirsi, infatti nonostante siano previsti “solo” cinque livelli di gioco, raggiungere la fine non è affatto facile, sia per il tasso di sfida che si impenna man mano che ci avviciniamo alla meta e sia per il tempo, che, a conti fatti, è il nostro più acerrimo nemico.

Insalate di matematica

Il gameplay di Loot Rascals è molto semplice, ci muoviamo su una mappa a “nido d’ape”, ogni movimento fa si che si scopra una porzione della mappa, scopo è cercare il portale per la zona successiva. Di base tutto qui, ma andiamo a vedere gli elementi di contorno.

Ogni azione che sia il movimento su una casella, la raccolta di un oggetto o l’uso di una abilità costituisce un turno di gioco, i turni sono intervallati da 5 turni di giorno e 5 turni di notte e scorreranno a ogni azione. Importante è il distinguersi delle fasi di notte e di giorno poiché da esse verrà determinato chi attaccherà per primo durante la fase di combattimento; ogni nemico, infatti, guadagnerà la priorità di attacco a seconda che nel cielo splenda il sole o brilli la luna. Avremo circa 250 turni prima che compaiano mostri sempre più forti fino al punitivo arrivo del mostro denominato Morte Spaziale con una potenza di 100 capace di ucciderci con un colpo solo.

Loot Rascals

Passiamo al nostro personaggio, esso è definito da quattro parametri specifici: Salute, Attacco, Difesa e Denaro. I nemici invece saranno caratterizzati solo da un parametro, la Potenza che corrisponde anche al loro stato di salute. Qui è necessario, purtroppo, un po’ di matematica.

I Punti Salute sono il numero di danni che potremo subire prima di essere definitivamente morti e ricominciare la partita, il Denaro è utilizzato per acquistare punti salute nella Cupola, ovvero la safe zone e punto di partenza di ogni livello. Questo è abbastanza facile, invece attacco e difesa funzionano in maniera più complessa: il nostro potere di attacco determina di quanto verrà ridotta la Potenza dei nemici quando subiranno uno dei nostri attacchi, ad esempio se abbiamo Attacco 10 e il mostro Potenza 15, il risultato sarà che al prossimo turno il mostro avrà una potenza di 15-10 = 5; la Difesa influenza la probabilità di bloccare i colpi dei nemici o di ridurre i danni subiti. Queste due meccaniche seguono una formula ben precisa, la probabilità di essere colpiti è data dalla rapporto tra potenza del mostro e difesa dell’eroe: se la potenza del nemico è 6 e la nostra difesa è 12, la possibilità di essere colpiti è data da 6/12 ovvero 0,5 che in percentuale equivale al 50% di probabilità di essere colpiti. La riduzione del danno segue la stessa identica formula, supponiamo che stavolta il nemico abbia potenza 12 e noi difesa 6, la formula è sempre 12/6 = 2, ovvero il nemico ci infliggerà 2 punti di danno, un enormità considerando che noi avremo solo 5 punti ferita totali.

Loot rascals

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteNioh: arrivano nuove informazioni su DLC e sequel!
Prossimo articoloDrawn to Death, tutto su Cyborgula
Vincenzo Ficetola
Salernitano DOC, romano per adozione, lavora nell'ambito della formazione e consulenza inquinando il mondo imprenditoriale con le sue idee. Appassionato di videogiochi già in tenera età, si diletta a mipiacciare, cinguettare e scrivere dove gli capita, anche sui muri.