Sviluppatore: Monster Games Publisher: Dusenberry Martin Racing Piattaforma: PS4 Genere: Corse Giocatori: 1 (Online: 2-40) PEGI: 3 Prezzo: 29,99 €

Il brand NASCAR, famoso da diversi anni, stacca un po’ la spina dalla consueta serie annuale e prepara uno spin-off con uno scenario automobilistico diverso da quanto siamo stati abituati a vedere.

NASCAR, per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, è una corsa tipica americana, dove quaranta vetture si affrontano in percorsi prettamente ovali, con 30-40 o anche 50 giri, sempre in senso orario. Le gare possono durare anche 6 o 7 ore, quindi chi ha maggior riflesso e resistenza, vince la gara.

Pronti? Via. Ma occhio alla curva!

NASCAR Heat Evolution si presentava come un titolo automobilistico spaccamascella, che doveva addirittura cambiare in modo totale la serie NASCAR. Ma cosa hanno fatto precisamente gli sviluppatori?

Heat Evolution è un titolo a tutti gli effetti Arcade con zero simulazione. I precedenti NASCAR non erano veri e propri capolavori come fu NASCAR ’13, uscito esclusivamente su PC, ma erano comunque godibili ed avevano il suo perché. Heat Evolution ha anch’esso il suo perché, ma gli sviluppatori hanno sbagliato binario dando al pubblico qualcosa che, a detta degli americani, c’entra ben poco con lo stile NASCAR. Lo stile Arcade, comunque sia, non dispiace, ma dopo aver percorso dieci giri circa, vedremo che qualcosa non torna.

Avviando il gioco, troviamo diverse modalità tra cui la famosissima Race, Championship, Carriera, il Multiplayer e la novità: le Challenge.

Prima di iniziare una gara, possiamo scegliere tra uno dei tanti piloti e percorsi ufficiali NASCAR, poiché Heat Evolution ha tutte le licenze ufficiali. Possiamo scegliere tra quindici piloti e ogni percorso sarà sbloccato aumentando di livello.

La Carriera è il punto forte di ogni titolo NASCAR. Oltre ai soliti campionati, sponsor e così via, adesso troviamo una personalizzazione del personaggio. Prima di iniziare la Carriera infatti, possiamo scegliere il look del nostro personaggio, con tanto di tinta, baffi e barba. Possiamo anche scegliere il numero con cui correremo tutte le gare e scegliere successivamente la squadra con cui affrontare tutto il campionato.

Il Multiplayer, con server deserti forse è la peggiore aggiunta di questo Heat Evolution. Quando si riesce a fare una partita comunque, fa il suo dovere. Salendo di livello si può cambiare skin al personaggio, colore auto, vestiti; sempre se durante un partita i server non collassino.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
5/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteEcco il dietro le quinte di The Surge, l’action RPG di Deck13
Prossimo articoloE3 2017: annunciate le date delle conferenze
Michele Faraone
Videogiocatore sin da piccolo. Più precisamente da quando sotto l'albero di Natale ricevette il Super Nintendo con Mortal Kombat II e Super Mario World. Appassionato di film e scettico su diversi fronti. Amante della natura e della "lore" che la circonda.