Sviluppatore: Housemarque Publisher: Housemarque Piattaforma: PS4 Genere: Sparatutto Giocatori: 1 PEGI: 12 Prezzo: 19,99 €

Ormai lo sappiamo, quando Housemarque annuncia un nuovo titolo, ci sale sempre una voglia incredibile di provarlo il prima possibile. Dopo averci portato perle come Resogun, Dead Nation e Alienation, questa volta è il turno di Nex Machina, twin-stick shooter sviluppato in collaborazione con Eugene Jarvis, padre di Robotron: 2048.

Veniamo quindi lanciati in un futuro pieno di macchine assassine e il nostro “semplice” compito sarà quello di sterminarle tutte.

Adrenalina a più non posso

Se avete giocato anche un solo titolo dello studio finlandese, allora saprete già che non bisognerà mai stare fermi, nemmeno per un secondo, e in Nex Machina questo chiodo fisso è ancora più accentuato. Il gioco è composto da soli cinque livelli, più uno segreto, in ogni livello ci saranno 15 aree da completare e, ognuna di esse, sarà ricolma di nemici, ma non solo; questa volta oltre ai singoli nemici da distruggere ci sarà anche un vero inferno di proiettili da schivare, ed esclusa la modalità principiante sarà davvero difficile portare a termine il gioco, soprattutto alle difficoltà più elevate.

Nex Machina, nel puro stile Housemarque, è davvero semplice da padroneggiare; con la leva sinistra muoveremo il nostro personaggio, mentre quella destra sarà dedicata al fuoco, il tasto L1 verrà utilizzato per lo scatto, garantendoci una piccola finestra di invulnerabilità, e il tasto R2 viene dedicato all’arma secondaria. Con soli quattro tasti sarà possibile portare morte e distruzione in qualsiasi angolo del mondo, senza mai un attimo di pausa.

Bullet hell

Nex Machina si divide sostanzialmente in tre modalità: Arcade, Arena e Mondo Singolo; i livelli saranno sempre gli stessi, ma con alcune regole differenti. In modalità Arcade sarà infatti necessario completare l’intero gioco in una sola run e quindi possiamo già farci un’idea della longevità base del titolo; possiamo infatti completare Nex Machina in circa un’ora senza troppi problemi. Passiamo poi alla modalità Arena, sicuramente la più divertente fra le modalità messe a disposizione. Affronteremo sempre gli stessi livelli, questa volta però con alcuni regolatori, come velocità di gioco aumentata, sfide a tempo e sopravvivenza; ogni volta che completeremo un livello il nostro punteggio ci piazzerà in una classifica online che comprende anche le altre piattaforme, come il PC. Sarà inoltre possibile salire di livello, potenziando il nostro eroe, e, tramite alcuni gettoni che andremo a guadagnare battendo i record, potremo anche modificare l’estetica del piccolo personaggio.

Infine troviamo il Mondo Singolo che, come facilmente intuibile, ci darà l’occasione di giocare singolarmente uno dei cinque livelli presenti in gioco, senza il peso di alcuna sfida o il dover completare l’intero gioco con una sola volta. Per sbloccare i livelli però è necessario portare a termine la modalità Arcade in qualsiasi livello di difficoltà, altrimenti ci ritroveremo a rigiocare sempre l’unico livello sbloccato.

Come avrete notato, non esiste una modalità storia, Housemarque ha infatti puntato tutto nel ricreare nel miglior modo possibile l’esperienza di una sala giochi direttamente a casa, e ci è riuscita alla perfezione. Una piccola trama di base, come per tutti i coin-op, è presente: gli umani sono diventati completamente dipendenti dalle macchine e queste, nel frattempo, hanno raggiunto un livello di intelligenza dieci volte superiore alla razza umana (come se ci volesse molto… saluta Andonio docet NdD). Divenute la razza dominante sul pianeta, le macchine decidono di sterminare l’intero genere umano, toccherà quindi a noi salvare la razza umana e distruggere ogni forma di vita meccanizzata sul pianeta.

1 COMMENTO

Comments are closed.