Home Primo Piano X-Morph: Defense – Recensione

X-Morph: Defense – Recensione

0
101

Fin dagli esordi del cinema contemporaneo, la Terra è stata il corpo celeste per eccellenza dove le più disparate razze aliene avrebbero voluto insinuarsi e regnare dall’alto della loro sapienza, servendosi delle risorse presenti e schiavizzando l’intero genere umano. Incredibilmente, la razza umana ha sempre avuto la meglio sugli invasori, anche se la fine sembrava essere continuamente molto vicina.

Il giorno tanto atteso per la resa dei conti è giunto direttamente su PlayStation 4, e saranno i conquistatori extraterrestri a riprendersi la rivincita sugli uomini. Il team polacco Exor Studios ci presenta questo titolo, sorprendentemente tenace e vivace.

Incontri ravvicinati del terzo tipo

Diversi presunti asteroidi stanno scannerizzando il sistema solare per identificare il migliore pianeta su cui approdare per insediarsi ed estrarre energia geotermica. L’obiettivo selezionato sembra essere il globo terrestre e i vari meteoriti fluttuanti nello spazio, che si scopriranno essere navicelle aliene, approcciano il mondo umano e cominciano la fase di atterraggio entrando nell’atmosfera, pronti per lanciare un’offensiva dalle dimensione epiche.

Il genere umano ignora, in un primo momento, le reali intenzioni degli alieni. Le unità militari, tra cui fanteria, mezzi corazzati e supporto aereo, procedono a passo sicuro per investigare sul luogo dell’impatto. A difendere il nucleo dell’astronave, trasformatosi in un’infrastruttura in grado di scandagliare il suolo e raccoglierne l’energia, ci sarà solamente una piccola navicella armata di strumenti balistici all’avanguardia, garantendo supporto corazzato in prima linea per contrastare gli attacchi dei difensori e distruggere qualsiasi minaccia in grado di interrompere la colonizzazione aliena.

Per ostacolare ulteriormente l’avanzata degli uomini, la navicella potrà schierare particolari torrette d’assalto. Piazzate intelligentemente in luoghi efficaci e capaci di creare un labirinto, così da costringere la milizia a seguire un percorso prestabilito, faranno fuoco su chiunque osi avvicinarsi al nucleo terra-formatore alieno. E’ una battaglia all’ultimo sangue; il destino dell’umanità è, purtroppo, già segnato.

L’invasione degli ultracorpi

L’innovazione per questo titolo non la ritroviamo solo nella forma a livello di trama, ma anche nella giocabilità. La peculiarità di X-Morph: Defense è il fatto di poterlo etichettare come un ibrido tra un classico tower defense, categoria tipica e abituale dei giochi presenti sugli smartphone di nuova generazione, e un comune twin-stick shoot’ em up, ovvero uno sparatutto che sfrutta due levette analogiche, una per il movimento e l’altra per fare fuoco a 360 gradi. Il risultato è un coinvolgente incrocio tra i due generi, dove astuzia e frenesia sono costrette, obbligatoriamente e costantemente, a coordinarsi tra loro.

Le scatenate azioni che dovremo intraprendere al comando della navicella d’assalto saranno semplici da gestire durante i primi minuti di gioco. Portandosi avanti tra le varie missioni, la messa a punto delle nostre potenzialità sarà leggermente più complicata da dominare a causa di varietà e alternanza di truppe d’assalto che dovremo eliminare.

Ogni truppa è debole a un determinato tipo di attacco della navicella e delle torrette; la fanteria è debole all’artiglieria leggera, gli elicotteri e i jet subiscono ingenti danni dai missili e dalla contraerea, mentre i mezzo corazzati pesanti vengono pesantemente danneggiati dai laser e dalle bombe. In più, se due torrette adiacenti sono abbastanza vicine, potranno collegarsi tramite una barriera energetica che bloccherà il passaggio alle truppe, provocando un ricalcolo del percorso e allungando la strada che dovranno affrontare gli avversari per arrivare al nucleo. Portando a termine particolari livelli, si dovranno affrontare alcune boss fight che si riveleranno più ardue di quanto si possa immaginare, dovendo ricorrere a tutti i nostri armamenti ed equipaggiamenti.

I molteplici power-up per navicella e torrette, insieme all’incessante aumento di nuovi avversari per quantità e qualità, offriranno un’esperienza sempre varia a ognuna delle 14 missioni che dovremo affrontare per sottomettere il pianeta. Il più grande ostacolo per la conquista del territorio sarà conoscere a fondo le nostre capacità balistiche e strategiche.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
Articolo precedenteMonster Hunter: World, elenco trofei disponibile
Prossimo articoloLa Pro League di Tom Clancy’s Rainbow Six Siege cambia faccia
Appassionato di videogiochi di nuova generazione e collezionista di giochi retrò che hanno fatto di PlayStation il prodotto d'eccellenza che conosciamo oggi. Sono un nerd a 360 gradi: oltre ai videogiochi, apprezzo tutto ciò che è arte per gli occhi. Adoro guardare anime preferibilmente in giapponese, leggere manga di ogni genere, amante del cinema cult e fanatico della fotografia.