Publisher: Namco Bandai Developer: From Software
Piattaforma: PS3 Genere: Action Giocatori: 1-10 PEGI: 12

Chiunque abbia vissuto negli anni ’90 o ami quell’epoca, guardando cartoni come Jeeg Robot d’Acciaio o Gundam, non può non essere mai stato attratto dai mech, enormi robottoni pilotati da esseri umani che si danno battaglia in zone di guerra in un futuro forse non troppo lontano. Nonostante ciò non sono molti i videogiochi di questo genere arrivati in Europa (mentre in Giappone hanno, ovviamente, un enorme successo). I fan dei mech, però, hanno sempre avuto l’opportunità di pilotarne uno grazie ad una delle serie più longeve che la storia videoludica ricordi: stiamo parlando di Armored Core, che presenta al suo attivo oltre 15 titoli tra quelli della saga principale e spin-off su varie piattaforme. Questa saga ha contribuito, tra alti e (molti) bassi, a rendere famosa la software house giapponese From Software, molto prima del ben più noto alla massa Dark Souls. Armored Core: Verdict Day si propone, almeno per gli sviluppatori, di riportare agli antichi fasti la saga. Ci sarà riuscito?

armored_core_verdict_day_001

Spara, spara e… spara ancora, purtroppo

Appena inserito il gioco nella console e avviata la modalità singleplayer si notano le prime mancanze. La trama è ridotta davvero al minimo e non fa altro che peggiorare ulteriormente quel poco di buono che il suo predecessore aveva messo in campo. Impersoneremo, infatti, dei mercenari dalle dubbie qualità morali e soprattutto dalla biografia davvero poco interessante impegnati in diverse missioni durante un conflitto globale che ha messo in ginocchio il pianeta Terra ed in cui tre mega-corporazioni si contendono le ultime risorse disponibili. Dal punto di vista di puro gameplay ciò si riduce semplicemente a missioni (10 principali che saranno integrate da 5 “blocchi” di missioni secondarie ciascuna) tutte molto simili tra loro e che spesso si riduranno ad un banalissimo “uccidi tutto ciò che vedi muoversi su schermo”.
A rendere tutto ciò ancora più noioso di quello che è, ci pensano fondamentalmente tre fattori: il primo, un sistema di controllo davvero intransigente e spesso quasi incomprensibile nelle sue meccaniche fin troppo restrittive (ma in fondo i From sono famosi per questo tipo di giochi), che costringe ad utilizzare tutti i tasti del DualShock 3 anche in diverse combinazioni per specifiche azioni che, accompagnato da un menù abbastanza complesso, non permetterà ai neofiti di apprezzare a pieno il titolo se non dopo un lungo periodo di rodaggio. Il secondo, una telecamera che chiamarla ballerina è davvero riduttivo, soprattutto nelle situazioni più caotiche. Infine il terzo elemento è un’intelligenza artificiale degli alleati che ha tutto esclusa l’intelligenza (e scusate il gioco di parole, però necessario). E questo è proprio uno dei difetti più grandi del gioco. Ciò porta al fatto che, anche in situazioni in cui gli obiettivi permetterebbero almeno in teoria di approcciarsi ai nemici in modo differente dall’attacco diretto, in pratica si ottiene che il piano studiato per cogliere di sorpresa i nemici venga rovinato da un compagno impazzito che si fionda sugli avversari senza una tattica ben definita, riducendo di nuovo il tutto ad un nuovo conflitto aperto e, dunque, ad un nuovo spara-spara senza sosta.

Armored Core: Verdict Day

Dieci cannoni per me, posson bastare!

Alla fin fine, ciò che veramente colpisce della campagna singleplayer è la possibilità di personalizzare in qualunque (e con qualunque intendo davvero qualunque) modo il proprio mech. Sbloccando i pezzi necessari, infatti, il giocatore con una vena ingegneristica un po’ più marcata può davvero sbizzarrirsi con la fantasia e creare il proprio mech in modo da renderlo agile come una scheggia sul campo di battaglia o enorme e possente per resistere a qualunque tipo di attacco. Tutto ciò è reso quasi necessario proprio perché nel gioco c’è un complesso calcolo dei danni e delle resistenze che costringe a preparare bene la propria “macchina” prima di una missione che altrimenti diventerebbe molto complessa. Ovviamente, per i meno pazienti o coloro che vogliono lanciarsi direttamente sul campo di battaglia, From Software ha inserito tutta una serie di mech predefiniti selezionabili liberamente. Infine, per i fan della saga, è possibile anche importare i salvataggi del proprio mech di Armored Core V.

Armored Core: Verdict Day

1 COMMENTO

  1. […] NAMCO BANDAI Games Europe annuncia oggi l’uscita di ARMORED CORE: VERDICT DAY per PlayStation 3 e Xbox 360. Il mondo è sprofondato nel caos e le fazioni rimaste si contendono le poche risorse naturali, necessarie alla propria sopravvivenza, combattendo attraverso letali unità corazzate, gli Armored Core. Ma è inutile sprecare troppe parole visto che il nostro Gian Marco Orlando ha scritto una bellissima recensione ancora prima che il gioco uscisse, e che vi invito a leggere per saperne di più! […]

Comments are closed.