Publisher: Sony Computer Entertaiment Developer: Sumo Digital, XDev Europe
Piattaforma: PS3, PS4 Genere: Platform Release Date: 26 novembre 2014

Sony ha colto l’occasione della Milan Games Week conclusasi ieri per presentare alla stampa italiana LittleBigPlanet 3, titolo in arrivo il prossimo 26 novembre. L’ottimo Gennaro Favatà ce ne aveva già parlato in occasione della GamesCom, ma il Senior Producer di SCEE Tom O’Connor e il Lead Designer di Sumo Digital Jonathan Christian, in visita nel Bel Paese, hanno aggiunto qualche interessante dettaglio al quadro generale. Di seguito trovate l’anteprima di Colonia opportunamente “potenziata”, rivista e ampliata!

LittleBigPlanet 3

Sackboy ha ospiti

LittleBigPlanet 3 racconta l’avventura dell’ormai celebre Sackboy sul pianeta Bunkum. In questo mondo di meraviglie e stravaganze, gli abitanti vivono in una condizione di felicità assoluta. A rompere le uova nel paniere sarà Newton, un folle creatore che ritiene di essere la mente più geniale di tutto Bunkum. In realtà le cose non stanno proprio così, e un misto di impazienza ed arroganza, unito a un piano malvagio per liberare tre antichi Titani e assorbire tutta la creatività, fa sì che Sackboy si rivela l’unico in grado di salvare la situazione. Ma non è un’impresa che può affrontare da solo e chiede aiuto a Toggle, OddSock e Swoop. Questi nuovi personaggi sono certamente la più grande novità di LittleBigPlanet 3.
Nello specifico, OddSock è un cagnolino velocissimo che riesce a saltare da un muro all’altro, grazie alla sua velocità incredibile; Swoop è un pappagallo che può volare verso zone inaccessibili per tutti  e trasportare piccoli oggetti; Toggle può cambiare peso e dimensioni, da quelle più infime a quelle più esagerate. Abbiamo potuto vedere alcune delle diverse specialità dei protagonisti, rendendoci conto che la varietà di personaggi risulta essere veramente azzeccata e ben concepita: le nuove abilità permettono di inserire nuovi enigmi nei livelli, così da permettere la creazione di stage più complicati e particolareggiati in cui sarà necessario l’utilizzo combinato della collaborazione di ogni singolo personaggio.

LittleBigPlanet-3-007

LittleBigPlanet è stato pioniere e si basa sul principio dello “user generated content”, ovvero un sistema di “produzione” dei contenuti che permette di personalizzare il proprio gioco e di creare interi livelli di gioco da condividere con la community. Questa peculiarità ha reso LittleBigPlanet uno dei franchise più di successo della storia PlayStation con 5 differenti versioni sulle diverse console Sony e oltre 8,5 milioni di livelli creati e condivisi tra gli utenti della community. Anche LittleBigPlanet 3, ovviamente, si basa su questo principio, ed è dunque perfetto per sfruttare le caratteristiche tecniche di PlayStation 4 grazie al tasto Share, che così tanto successo ha avuto e sta avendo.

A questo proposito, un’altra feature fondamentale introdotta nel titolo da Sumo Digital è il supporto alle creazioni del secondo capitolo: infatti non solo potremo riutilizzare tutti i livelli condivisi con la community, ma potremo modificarli utilizzando tutti i nuovi strumenti del terzo gioco. Un segnale di continuità dagli sviluppatori, che dimostrano di voler dare tutto il supporto possibile all’enorme community di LittleBigPlanet formatasi nel corso degli anni sulle console Playstation. Per creazioni intendiamo, oltre ai livelli, anche i personaggi, che in questo titolo saranno completamente modificabili, non solo esteticamente: utilizzando tutte le nuove funzioni si potranno cambiare a proprio piacimento le movenze dei personaggi, modificarne il peso e la grandezza o magari dargli un modo di volare e di nuotare personalizzato.

LittleBigPlanet-3-008

Si potranno anche creare nuovi strumenti/armi da utilizzare in qualsiasi occasione: ad esempio, un pugno gonfiabile che oltre a darci la possibilità di colpire i nemici ci permetteva di planare dopo un salto. Un’espansione dell’editor fantastica, che permetterà a tutti di scatenare la propria fantasia per creare oggetti sempre nuovi per gli utilizzi più disparati.
Un’altra delle novità introdotte è relativa al numero di layers utilizzabili, che nel secondo capitolo si fermavano a tre e ora sono addirittura sedici grazie alle potenzialità dell’hardware di PlayStation 4. Una novità che permetterà di creare livelli molto più profondi e personalizzabili secondo le proprie idee ed esigenze, visto che il limite dei livelli sarà dato solo dallo spazio disponibile sull’ hard-disk della console Sony. Infine c’è da segnalare la possibilità di utilizzare il touchpad del DualShock 4 per gestire al meglio tutte le funzioni dell’editor e di pubblicare video dei propri livelli direttamente su Youtube, proprio grazie al suddetto tasto Share.