Sviluppatore: Zen Studios Publisher: Sony Computer Entertainment/Zen Studios Piattaforma: PS4 (disponibile anche per PS3, PS Vita e Mobile) Genere: Pinball Giocatori: 1-4 (Online: 2-4) PEGI: 12 Prezzo: 3,99 €

Dopo gli ottimi risultati ottenuti con il pack Bethesda, Marvel e Alien, il team di Zen Studios ci riporta nella sala giochi di nuova generazione per testare con mano il nuovo tavolo ispirato alla pellicola A Star Wars Story: Rogue One. Incuriositi e tenendo conto dell’esperienza maturata dal team grazie a tavoli rilasciati tempo fa sempre a tema Star Wars, ci siamo lasciati trasportare nuovamente nel mondo creato da George Lucas, mondo che, in ogni sua trasposizione, riesce sempre e comunque ad affascinare grandi e piccini.

One more ball!

Il nuovo tavolo a tema Rogue One: A Star Wars Story trae ispirazione dalla battaglia finale del film, battaglia che vedrà la squadra ribelle, capitanata da Jyn Erso, sfidare le truppe del governatore imperiale Tarkin (senza scordarci Krennic) sulle spiagge di Scarif, location di primaria importanza per questo tavolo. Sarà nostro compito dunque proseguire attraverso le varie missioni della storia, vincere lo scontro e infliggere un duro colpo all’Impero attraverso dieci differenti missioni.

Il tavolo sin da subito si mostra come estremamente essenziale nella sua struttura a causa della presenza di pochi percorsi disponibili per le sfere di metallo, così come poca è la varietà dei singoli power-up. Due corsie laterali dove fare scorrere la biglia, e i bumper nel cuore del tavolo; in alto, tutte quelle componenti con cui è possibile fare procedere la storia: più clasico di così, si muore, ne converrete. La nuova offerta del team di Zen Studios risulta infatti ben congegnata ma estremamente lontana dall’avere un buon tasso di rigiocabilità. Ciononostante, il filone principale della trama scorre senza troppi problemi presentando al giocatore numerose scene e situazioni tratte dal film: vedremo infatti modelli di stormtrooper, X-Wing, caccia TIE, la Morte Nera e altro ancora alternarsi sulla piattaforma centrale, tutti pronti per interagire con la protagonista, aumentando così, seppur non sempre a dovere, il senso di immedesimazione nei riguardi dello scontro.

Meglio dell’originale?

Nonostante i presupposti discreti, dobbiamo ammettere che il nuovo pacchetto dedicato a Rogue One: A Star Wars Story non sia minimamente paragonabile ai tavoli già presenti (sempre con licenza Star Wars e non). Durante le partite basate sulla saga principale o sul penultimo film Star Wars: il Risveglio della Forza il tasso di sfida e l’atmosfera stavano a un livello superiore; più in generale si poteva riscontrare maggiore cura nei dettagli, tanto che la sensazione di combattere accanto alla fazione dei ribelli per liberare la galassia dall’oppressione degli imperialisti era più che tangibile e proprio per questo, ci dispiace ammetterlo, Zen Studios ci ha deluso abbastanza con quest’ultimo capitolo.

Come se tutto ciò non bastasse, un altro punto a sfavore di Rogue One risiede nell’assenza di un sistema di salvataggio che, a differenza di come Zen Studios ci aveva ormai abituati, costringerà il giocatore a cominciare dall’inizio ogniqualvolta che quest’ultimo schiaccerà il tasto play. Un peccato, perché il tavolo è certamente più alla mano di altri, ma per scoprirne tutti, ma proprio tutti i segreti ci vorrà comunque una certa dose di pazienza.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
6/10
CONDIVIDI
Articolo precedentePlayStation 4: disponibile ora il firmware 5.53
Prossimo articoloGTA Online: arriva la settimana del contrabbando
Appassionato di videogames, musica di tutti i generi, film e serie TV. Specializzato nel settore informatico riguardante sistemi operativi, modding, iOS e assemblaggio PC. Vivo seguendo il motto tanto semplice e mai banale "Ad Maiora!"