E’ certamente l’argomento più discusso del momento: le critiche espresse contro le microtransazioni e le loot box in Star Wars Battlefront II hanno investito tutta la società, inficiando in questo modo le vendite di esso, almeno in UK. Lucasfilm, celebre casa di produzione cinematografica, era al corrente di tutto? Effettivamente sì, come dichiara il boss Douglas Reilly in un’intervista rilasciata a VentureBeat:

Lavoriamo molto per capire come funzionino questi sistemi e che cosa stiano cercando di raggiungere, come utilizzano il brand e come influenzano l’esperienza del consumatore. Penso che la sfida, ed è quello che tutti si trovano ad affrontare in questo settore sia che l’esecuzione di servizi in live richieda ottimizzazione e migliorie e a volte non si ottengono risultati esatti al primo tentativo, una volta che li metti nelle mani di centinaia o migliaia o milioni di giocatori. Puoi continuare a imparare da come loro reagiscono a ciò che hai prodotto, ma ti imbatti anche in aspetti che devi modificare durante il percorso. Purtroppo è questa la difficile realtà di realizzare giochi con una componente live.

Reilly ha aggiunto che Lucasfilm si reca spesso direttamente da Electronic Arts o da uno degli studi specifici che lavorano ai titoli di Star Wars, almeno una volta ogni trimestre, per provare le ultime build e parlare di ciò che si potrebbe fare in futuro per migliorare il titolo, prima che venga rilasciato.

Lo stesso ha poi continuato dicendo che le conversazioni tra gli sviluppatori e Lucasfilm possono variare da cose banali, come riferimenti relativi ai personaggi di Star Wars o veicoli che vorrebbero aggiungere al gioco, per spostarsi a conversazioni più profonde, su come l’intero gioco si collocherà nel complesso universo di Guerre Stellari. Loro obiettivo finale è assicurarsi che i videogiocatori abbiano una grande esperienza con Star Wars.

Ricordiamo che Star Wars Battlefront II è uscito lo scorso 17 novembre per PlayStation 4, PC e Xbox One e se non siete ancora informati su come si sia espressa in merito la stampa straniera, abbiamo raccolto i voti che il gioco ha ricevuto.