Publisher: Atlus Developer: Eden Industries
Piattaforma: PS4 (disponibile anche per PS Vita) Genere: Gioco di Ruolo Giocatori: 1 PEGI: 12 Prezzo: 14,99 euro

“Se volete vedere cosa accadrà, guardate il passato con gli imperi che nascono e muoiono ed ecco, avrete visto anche il futuro”; mentre in ambito videoludico potremmo dire: “Se volete vedere cosa giocheremo, guardate il passato con le sue produzioni hardware e software, avrete visto anche il futuro”. Abbiamo scomodato Napoleone Bonaparte giusto per dire che vi sono alcuni capisaldi in ogni settore, che ciclicamente vengono ripresi e riproposti, perché collaudati e vincenti ma soprattutto divertenti. Ed ecco anche spiegata la notevole diffusione di prodotti rimasterizzati, che soddisfano ben due categorie, i nostalgici di un determinato genere e i neofiti dello stesso; quest’ultimi difficilmente andrebbero a ricercare classici, magari con tanto di console originale, ma in questo modo si ritrovano un concept sconosciuto assaporandone, spesso inconsapevolmente, le seppur datate ma sempre valide meccaniche, inserite in un contesto nuovo e tecnicamente migliorato.

citizens-of-earth-000-600x338

Un parto difficile

Questo titolo rischiò seriamente di non uscire, vivendo una crescita travagliata, se non nell’aspetto tecnico sicuramente in quello economico; Eden Industries, infatti, dopo aver visto sfumare la campagna Kickstarter, fu intenzionata ad abbandonare lo sviluppo, ma fortunatamente intervenne il publisher Atlus – che gli appassionati dei JRPG ben conoscono – consentendo la conclusione dei lavori per questo particolare prodotto, che possiamo ritrovare non solo sullo store digitale di casa Sony, ma anche in quello Nintendo e Steam.

citizens-of-earth-001

Giuro solennemente di sostenere e difendere la Terra

L’inizio della nostra storia appare più come un epilogo: ci ritroveremo a riposare nella nostra stanzetta, il giorno successivo la vittoria alle elezione del, nientepopodimeno che, “Vice Presidente della Terra”. Verremo svegliati dalla nostra amorevole mammina che, come si farebbe per un ragazzino, ci invita ad alzarci e vestirci, in quanto un corteo di manifestanti contesta la nostra autorevole figura. Il nostro neoeletto protagonista passa attraverso il letto, come fosse un albero – animazione tipica per molti classici 2D – per ritrovarsi già nel suo nuovo completo. Allo stesso tempo arriva nostro fratello, un fattorino della FedUPS venutosi a complimentare con noi per la carica ottenuta e al quale concederemo il privilegio di chiamarci “semplicemente” Signore.

Screenshot di gameplay di Citizens of Earth

Quanto appena descritto basterebbe da solo, a renderci chiaro il quadro che si sta pian piano dipingendo sotto i nostri occhi, un titolo ironico e dissacrante come fossimo in un episodio dei Simpson. Alla stessa maniera metterà in discussione ogni “importante” decisione presa da “pomposi” esponenti politici e non, grazie a una comicità semplice ma che si presta a diverse chiavi di lettura; il buffo aspetto e le semplici battute celano degli indiscutibili fondi di verità. Ma torniamo nella nostra Città Natale – è proprio questo il suo nome! – insieme a nostra madre e nostro fratello, che si accoderanno a noi, seguendoci in ogni dove e formando il primo party.

Screenshot di gameplay di Citizens of Earth

I membri massimi che lo andranno a comporre saranno tre e li gestiremo attraverso un tablet; ognuno di loro avrà, oltre a delle abilità specifiche derivanti dal proprio ruolo o mestiere, dei talenti speciali attivabili al di fuori dei combattimenti, e delle volte in determinati ambienti. Ad esempio nostra madre potrà darci dei consigli in perfetto stile tutorial, nostro fratello – considerando il lavoro svolto – ci consentirà di ritirare risorse, i cui tempi di consegna cambieranno in base alla “rarità” dell’oggetto in questione; mentre personaggi come il fornaio, potranno realizzare alimenti – previa consegna dei giusti ingredienti – ma solamente all’interno del loro negozio. Un’altra utilissima possibilità ci verrà offerta dalla mascotte della scuola, ossia cambiare il livello di difficoltà, consentendoci di diminuirlo nel caso ci trovassimo di fronte nemici molto ostici, o aumentarlo se questi ultimi fossero oramai troppo deboli, in modo da poter ottenere comunque un buon quantitativo di esperienza.

1
2
3
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteLista trofei ufficiale di Dragon Ball Xenoverse in italiano
Prossimo articoloAperto il sito ufficiale di Tekken 7
Pietro Cardaci
Appassionato di videogiochi e tecnologia da ormai tanti anni, si dedica da autodidatta allo studio, analisi ed utilizzo di software e hardware. Scevro da pregiudizi, si accosta ad ogni genere di titolo, non solo brand famosi ma anche prodotti indipendenti, senza farsi mancare nostalgici tuffi nel passato. Non disdegna, circostanze favorevoli permettendo, la lettura o la visione di un buon film, specie quelli che riescono a saziare il suo famelico spirito d'osservazione. Conosce un paio di barzellette niente male che sfodera nei momenti migliori...

3 COMMENTI

Comments are closed.