Publisher: Double Fine Productions Developer: Double Fine Productions
Piattaforma: PS4 (Disponibile anche per PS Vita) Genere: Avventura Grafica Giocatori:PEGI: 3 Prezzo: 14,99€

Nell’ormai lontano 1987 Lucasfilm Games (che solo successivamente sarebbe diventata LucasArts) pubblicò Maniac Mansion, innovando il genere delle avventure grafiche con una nuova interfaccia, scene di intermezzo, finali multipli e personaggi dall’umorismo irresistibile. Visto il grande successo, nel 1993 LucasArts pubblicò Maniac Mansion: Day of the Tentacle, ennesima pietra miliare della casa editrice ormai fallita dal 2013. Quasi ventitre anni dopo, Double Fine ha deciso di riportare in auge l’avventura con un’operazione simile a quella vista per Grim Fandango Remastered. Stabilito che ci troviamo di fronte ad un titolo strepitoso, tra i migliori di sempre, la domanda che ci poniamo ogni volta che recensiamo una rimasterizzazione è: ne vale la pena? E’ l’ennesima operazione nostalgia pensata esclusivamente per i fan o qualcosa di effettivamente valido, indirizzato a tutti i videogiocatori? Non vi resta che scoprirlo proseguendo con la lettura.

Day_of_the_Tentacle_004

Giorno del Tentacolo

Anche se Day of the Tentacle è uscito più di vent’anni fa, eviteremo spoiler, visto che il lavoro di Double Fine è un tributo ai nostalgici ma anche un’occasione per far conoscere anche ai più giovani una delle avventure grafiche più belle di sempre. Dopo aver bevuto dalle acque inquinate dal dottor Fred Edison, il Tentacolo Viola creato dallo stesso dottore viene mutato geneticamente acquisendo due braccia e l’intelletto, che assieme alla sua malvagità gli permetteranno di conquistare il mondo. Durante l’avventura impersoneremo Bernard Bernoulli, Hoagie e Laverne, aiutandoli a tornare indietro nel tempo per evitare che il Tentacolo Viola beva l’acqua contaminata e prenda possesso della Terra. Naturalmente durante il viaggio, gli scanzonati protagonisti dovranno superare tutta una serie di imprevedibili contrattempi che li porteranno a dividersi in diverse epoche tra presente, passato e futuro.

Day_of_the_Tentacle_007

Anche se lodare la qualità narrativa di Day of the Tentacle è un po’ come scoprire l’acqua calda, è impossibile non farlo ogni volta che se ne parla: nonostante il gioco sia rimasto invariato dal ’93, l’umorismo è ancora d’attualità e molto originale, così come i vari colpi di scena che incollano il giocatore allo schermo e strappano risate in abbondanza. La caratterizzazione dei personaggi principali e delle comparse, il design delle ambientazioni spesso al limite del surrealismo, i dialoghi sempre fuori dalle righe, tutto è vivo e unico nel mondo creato ai tempi da LucasArts e i pregi che hanno contraddistinto questa produzione, sono rimasti invariati anche dopo ventitre anni e una rimasterizzazione completa.

Day_of_the_Tentacle_003

Un gameplay rispolverato

Per quanto riguarda il gameplay, i ragazzi di Double Fine hanno svolto un lavoro di ammodernamento che possiamo considerare perfettamente riuscito. Pensando a tutti i nuovi utenti, che magari mai si sono avvicinati a un punta e clicca, gli sviluppatori hanno semplificato e reso più fruibile il gameplay. Il punto di riferimento in questo caso è senza dubbio la rimasterizzazione dei primi due Monkey Island: l’accesso ai menù e ai verbi è stato molto più veloce e l’interfaccia è mobile, a differenza dell’edizione originale in cui metà schermo era dedicato al menù e all’inventario. Effettuando lo switch tra versione originale e rimasterizzata, possibile in qualsiasi momento con la pressione di un solo tasto, la differenza è tangibile ed estremamente apprezzabile.

Day_of_the_Tentacle_002

Se però le avventure grafiche non vi affascinano, difficilmente riuscirete ad apprezzare Day of the Tentacle: risolvere enigmi, combinare oggetti, parlare con ogni personaggio ed interagire con l’ambiente ci consegnano un tipo di gameplay molto statico, che è passato un po’ di moda e non tutti potrebbero apprezzare al massimo. Comunque, tutto ciò non si traduce in basso livello di difficoltà: ogni volta verremo sfidati a pensare, più o meno logicamente, osservando attentamente tutto ciò che ci circonda. Per proseguire dovremo aguzzare l’ingegno, ma anche la fantasia e questo è senz’altro uno dei punti di forza di Day of the Tentacle.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
9/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteThe Binding of Isaac: Afterbirth, ecco la data di uscita ufficiale
Prossimo articoloYoshida: “Non so se ci sarà una possibile PlayStation 5”
Gennaro Favatà
Detto anche "Giovanni", dagli amici di Ubisoft. Newser, inviato, grafico e se sei fortunato lo trovi anche sul forum di PlayStation Bit. Ama alla follia fumetti, cartoni animati, videogiochi e quanto di più colorato e non-sense ci sia, non disdegnando però generi più dark come l'horror e il noir. Inoltre, come ogni eroe che si rispetti, sa trattenere il fiato per 10 minuti.