Letter Quest: Grimm’s Journey Remastered – Recensione

Sviluppatore: Publisher: Piattaforma: Genere: Giocatori: PEGI: Prezzo:

Publisher: Bacon Bandit Games Developer: Bacon Bandit Games
Piattaforma: PS4 (disponibile anche per PS Vita) Genere: RPG Giocatori: 1 PEGI: Prezzo: 9,99 €

Pensando ad un genere come quello degli RPG vengono in mente milioni di modi diversi di intendere la stessa cosa. In principio furono i giochi dotati di Active Time Battle come i vari capitoli della saga di Final Fantasy, poi la struttura dei combattimenti prese una direzione più action, per meglio adattarsi allo stile “frenetico” dei giochi moderni. La sfaccettatura del genere scelta però dai ragazzi di Bacon Bandit Games per il loro Letter Quest: Grimm’s Journey è qualcosa di davvero particolare, rendendo interessantissimo il viaggio all’interno di questo simpatico RPG.

Le Tasse e la Morte

Il povero Death voleva solo gustarsi una fetta del suo cibo preferito, la pizza, in compagnia della sua amica Rose. Ancora non si spiega il motivo per cui gli attuali inquilini del cimitero, compresi fantasmi e strani mostri, stiano tentando di ostacolarlo. Ma ormai è tardi per cercare spiegazioni, l’unica cosa che la nostra piccola morte incappucciata può fare è sfoltire le fila nemiche a suon di colpi di falce per arrivare al tanto agognato quanto succulento alimento visto che, come indicato dal suo cellulare, la prima pizzeria si trova a chilometri di distanza. Questo il breve e semplice incipit di Letter Quest, in cui interpreteremo il Tristo Mietitore e la sua controparte femminile intenti a decimare una serie di strambe creature con una meccanica tutta particolare.

letter quest remastered 3

Come si può intuire dalla trama comunque i ragazzi di Bacon Bandit hanno puntato sulla simpatia anziché sul gotico, tema decisamente meno facile da sviluppare considerato che il protagonista è nient’altri che la Morte, fattore rispecchiato anche dalla grafica del titolo. Death, Rose e tutti i suoi nemici, così come anche mappa e fondali, sono stati creati con un design cartoon che punta più a divertire che spaventare, elemento che verrà apprezzato tanto dai più grandi che dai giocatori più giovani, così come anche il comparto audio sempre all’altezza con melodie coinvolgenti e mai monotone. Vediamo però più nel dettaglio la particolare metodica di gioco di Letter Quest, già accennata durante l’introduzione, che rende questo titolo davvero unico nel suo genere.

letter quest remastered 4

Ne uccide più la penna che la spada

Se siete abituati a titoli hack’n’slash a scorrimento, allora non avete ancora visto Letter Quest. La meccanica alla base del gioco è semplice, si tratta infatti di un RPG che basa gli attacchi sul componimento di parole di senso compiuto. All’interno di semplici livelli con scorrimento orizzontale automatico la nostra Morte si troverà a dover fronteggiare una serie di avversari in sequenza, per terminare con successo lo schema. L’unico modo che però avrà per arrecare danno ai suoi nemici sarà sfruttare una sorta di paroliere, posto nella parte centrale bassa dello schermo, al cui intero si andranno a collocare una serie di lettere, necessarie per creare parole quanto più lunghe possibile che decurteranno un numero variabile di punti ferita dalla life bar del mostro di fronte a noi.

letter quest remastered 1

Dopo ogni nostro colpo ne subiremo uno da parte dell’avversario, dopodiché le lettere da noi utilizzate verranno rimpiazzate da altre e saremo nuovamente chiamati a scervellarci per individuare il sostantivo che utilizzi il maggior numero di caratteri tra quelli presenti sotto i nostri occhi, con una meccanica che agli appassionati di giochi da tavolo non potrà non ricordare il classico Scarabeo o il meno noto Maxi Paroliere. Nel malaugurato caso in cui ci ritroveremo senza possibilità di creare parole potremo poi sfruttare una comoda opzione di rimescolamento dello schema, che metterà a nostra disposizione una serie tutta nuova di lettere obbligandoci però a saltare un turno, rimanendo quindi in balia dell’avversario. Per poter fronteggiare nemici sempre più grandi occorrerà però un equipaggiamento sempre migliore, ed ecco che entra in gioco l’altra grande componente RPG di Letter Quest

letter quest remastered 2

Scialaqua figlio mio, scialaqua!

Dopo aver completato i primi, semplici schermi di gioco il nostro Death incapperà in uno strano vecchio alla costante ricerca di quella che si rivelerà essere la moneta del gioco, ossia i Cristalli. In cambio delle preziose gemme però l’ottuagenario è disposto a condividere con il nostro protagonista tutta una serie di potenziamenti che andranno ad influenzare i nostri attacchi. Sarà quindi possibile potenziare attacco, difesa e vitalità così come anche acquistare dei power-up temporanei per noi o per il nostro paroliere. Come in ogni buon gioco di ruolo a turni che si rispetti infatti ci sarà possibile potenziarci per infliggere più danni, resistere agli attacchi o creare delle super tessere che, se inserite in una parola, genereranno straordinari effetti.

letter quest 4

Dal canto loro i nemici non staranno a guardarci come se nulla fosse, ma contrattaccheranno spaccando alcune delle lettere a nostra disposizione rendendole sì utilizzabili, ma con un valore di attacco pari a zero. Questo ci porta a vedere anche la meccanica, di per sè molto intelligente, che regola la quantità di danni inflitti: le lettere infatti saranno contrassegnate da un determinato numero di pallini, che indicheranno la rarità del carattere e dunque la sua potenza di attacco, così una parola contenente una “X” o una “Q” avrà un potenziale di attacco ben maggiore rispetto ad una composta da lettere semplici come “A” ed “E”. Se a questo aggiungiamo mostri molto particolari, che potranno ad esempio essere danneggiati solo da parole lunghe almeno 4 lettere, e la presenza di bauli che potranno essere aperti solo risolvendo un puzzle in stile Gioco dell’Impiccato, allora Letter Quest si rivela essere un titolo decisamente interessante per tutti gli appassionati di giochi di ruolo e soprattutto di parole.

letter quest remastered 5

Du iu spick itelien?

Fin qui Letter Quest Remastered si è rivelato un RPG solido che si differenzia dagli altri esponenti del genere grazie ad una meccanica di gioco che punta sulle conoscenze letterali del giocatore. L’idea di creare un gioco in cui gli attacchi siano subordinati all’ampiezza del nostro vocabolario è un’attrattiva sia per gli adulti, che dovranno comunque fronteggiare fornito di sfide davvero ardue, come ad esempio dei livelli speciali sparsi per la mappa di gioco, sia per i giocatori più giovani, che avranno modo di imparare giocando.

letter quest remastered 6

Qui però si insinua il più grande problema di Letter Quest, dato che, inspiegabilmente, il titolo di Bacon Bandit non è stato geolocalizzato in italiano. Siamo ovviamente abituati ad avere tra le mani videogiochi importati che non godono del doppiaggio né scritto né parlato nel nostro idioma, come ad esempio tutti gli esponenti della saga di Neptunia, ma in linea di massima tale assenza di traduzioni non va ad intaccare il gameplay. Qui ovviamente, trattandosi di un gioco in cui verrà richiesto di creare delle parole, il problema si fa più serio, dato che chi non mastica in maniera fluida l’inglese si ritroverà a conti fatti a inserire sempre le solite parole, composte da quattro, cinque lettere massimo, per non parlare di chi proprio non si raccapezza con l’idioma anglosassone, che dovrà rinunciare a provare un titolo ben realizzato e divertente sia su PlayStation 4 che su PlayStation Vita, con la seconda che gode della benefica influenza del porting del gioco da smartphone.

Trofeisticamente parlando: la Morte sua

I dodici trofei che compongono l’elenco di Letter Quest Remastered sono tutt’altro che facili da ottenere e vi richiederanno di padroneggiare alla perfezione il gioco, terminare la maggior parte dei livelli (sia normali che speciali) e soprattutto arrivare alla mirabolante somma di 3.000 parole create. Se tutto ciò non vi bastasse, sappiate che tra gli altri vi sono anche trofei che vi richiedono di uccidere un dato numero di mostri o terminare un livello senza subire danno, a completamento di una lista in cui ottenere il 100% sarà tutt’altro che semplice.

VERDETTO

Letter Quest: Grimm's Journey Remastered è un ottimo RPG, che riesce a proporre i temi classici del genere, come i combattimenti a turni e l'equipaggiamento migliorabile, inserendo però anche un sistema di attacco decisamente fuori dal comune, che farà la felicità degli amanti dello Scarabeo e dei giochi di parole. I ragazzi di Bacon Bandit Games hanno creato un titolo divertente e coinvolgente, che soffre però in maniera terribile la mancanza della lingua italiana, che renderà Letter Quest complicato o addirittura impossibile da giocare per molti. Se però non avete problemi con la lingua inglese non fatevi sfuggire questo piccolo gioiellino.

Guida ai Voti

Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.