Sviluppatore: 12 Hit Combo Publisher: Excalibur Games Piattaforma: PS4 (disponibile anche per PS Vita) Genere: Azione Giocatori: 1-4 PEGI: 7 Prezzo: 7,99 €

Sono pochi gli studi che ormai provano a inventare generi nuovi o a migliorarli. A volte questo ruolo, ultimamente, è rivestito da publisher di portata globale quali Ubisoft, Electronic Arts e Bandai Namco. Ma più spesso questo è il caso delle software house minori, o indipendenti; nello specifico parliamo dei ragazzi di 12 Hit Combo, studio che porta sul mercato un genere quasi estinto su PC e raro su console. Si tratta del genere beat ‘em up, che sostanzialmente prevede un combattimento tra il protagonista e un improbabile numero di avversari.

Distruggi, scappa, distruggi

Un tempo c’erano soltanto i sette Overlord, antiche forme capaci di plasmare galassie; il più malvagio tra loro, Kesedihan, per impadronirsi degli Intipati, scelse di tradire questi ultimi intrappolandoli in una sorta di stasi temporale. Ma che cosa sono questi Intipati? Bene, si tratta di frammenti d’essenza creatrice dell’universo posseduti dagli altri Overlord. Roba che scotta, ne converrete. Ciò non cambia che un giorno gli Overlord imprigionati decisero di prendersi la rivincita.

Una storyline, quella alla base di Space Overlords, priva di svolte narrative e presentata quasi esclusivamente attraverso i dialoghi, anch’essi abbastanza semplici, che intervalleranno a cadenza regolare le sessioni di gioco. All’inizio della partita selezioneremo uno tra i quattro Overlord disponibili con tanto di tutorial, che ci permetterà di entrare in contatto con l’estrema semplicità delle meccaniche di gioco – distruggere palazzi e minacce che ci troveremo di fronte, e poco altro.

Ognuno dei quattro Overlord disponibili sarà caratterizzato da quattro statistiche principali: Speed, che indicherà la velocità di movimento; Corsa, dote utilizzabile per schiacciare gli edifici passandoci sopra; Strength determinerà la potenza degli attacchi, divisi in alto e basso; infine troviamo Defense, rappresentante le potenzialità difensive, e il parametro Super, che farà riferimento alla potenza dell’attacco speciale.

Solo io posso distruggere quello che ho creato

Per ogni pianeta che ci troveremo a visitare, la solfa non cambierà. Per tutto il tempo non dovremo far altro che sferrare fendenti a destra e a manca senza alcun motivo valido, se non quello di radere al suolo le strutture presenti sul nostro cammino. L’unico elemento da tenere in considerazione sarà quello del numero di edifici distruttibili presenti sul pianeta, con la basilare differenza che quelli più deboli potranno essere distrutti a suon di cazzotti, mentre quelli più potenti richiederanno invece l’utilizzo dell’attacco speciale.

Un gameplay molto essenziale, troppo, che renderà monotone le vostre sessioni di gioco e soprattutto nelle fasi iniziali farà crollare a picco il senso di sfida. Non riesce a migliorare la situazione nemmeno la cooperativa, con quattro diversi tipi di gioco, con otto pianeti speciali esclusivamente in multigiocatore.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
6/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteUn gameplay per Gran Turismo Sport direttamente dal Tokyo Game Show
Prossimo articoloVIEW Conference: Torino sarà capitale mondiale del digitale
Michele Faraone
Videogiocatore sin da piccolo. Più precisamente da quando sotto l'albero di Natale ricevette il Super Nintendo con Mortal Kombat II e Super Mario World. Appassionato di film e scettico su diversi fronti. Amante della natura e della "lore" che la circonda.