Tag Articoli taggati come "arcade"

arcade

di -
0 51
Publisher: PQube Developer: Microids 
Piattaforma: PS4 Genere: Racing Arcade Giocatori: 1-2 (Online: 2-10) PEGI: 7 Prezzo: 39,99 €

1998, io e mio fratello ci dilettiamo in campionati  all’ultimo sangue sia su strada che su sterrato, ma direttamente dal salotto di casa, grazie a Moto Racer 2 e una fiammante PlayStation 1.

2016, dopo aver saltato a piè pari Moto Racer 3, esclusiva PC, e Moto Racer DS, arriva Moto Racer 4; una volta scaricato ed avviato, leggo nel menù principale l’opzione Split-Screen, la storia si ripete. Sono passati 18 anni da quando ho messo per l’ultima volta le mani su Moto Racer, e quando Microids ha annunciato il suo ritorno su console casalinghe, non potevo fare altro che esultare, purtroppo però, pad alla mano, il titolo non è così eccezionale come mi aspettavo e seppur dopo un inizio promettente, dopo poco tempo alcuni difetti del titolo sono venuti a galla, uno su tutti: la ripetitività

Moto Racer 4 è un progetto a basso, bassissimo budget, Microids ha cercato di riportare in auge una delle pietre miliari dell’epoca della prima PlayStation e, per quanto il fattore nostalgia colpisca all’istante, un intero gioco non può e non deve basarsi esclusivamente su quella.

moto-racer-4-001

Un tuffo nel passato

Una volta avviato Moto Racer 4 non c’è nessun tutorial ad iniziarci al gioco, questo perché il titolo è un Arcade puro, non esiste un minimo di simulazione di guida, il che equivale a dire che già dopo mezzo giro conosciamo i comandi a memoria, e siamo subito pronti a gettarci nella mischia della Carriera; qui le cose però si fanno già un po’ problematiche.

Durante la Carriera abbiamo una serie di 10 capitoli, per sbloccarli bisognerà ottenere delle stelle che guadagneremo ad ogni gara vinta, per ottenere il massimo delle stelle ad ogni corsa dovremo “puntare” sull’obiettivo da raggiungere, si va da un minimo di una ad un massimo di tre stelle totali per ogni gara; in caso di sconfitta o abbandono, riceveremo tre stelle negative e per rimuovere l’onta sarà necessario completare la gara con un risultato positivo. Ad ogni ripetizione comunque, il risultato precedente verrà cancellato, se quindi in avete già ottenuto le tre stelle e volete migliorare il vostro tempo, c’è sempre la possibilità di perdere tutto.

Alla fine di ogni evento oltre alle stelle vi sarà dato anche un punteggio “Stile”, questo verrà calcolato in base alla vostra pulizia di guida, alle acrobazie, i turbo attivati o le auto sfiorate; raggiunto l’obiettivo vi verranno assegnati una medaglia e anche due bonus per migliorare le varie moto disponibili, inutile dirvi che potenziare le moto al massimo è cosa buona e giusta per avanzare nella carriera.

moto-racer-4-002

All’inizio abbiamo solo 3 piloti su 10 disponibili, e quasi ad ogni campionato vinto, ne sbloccheremo uno nuovo che avrà la sua moto personalizzata e, ovviamente, i suoi punti di forza e non, come turbo, velocità, accelerazione e manovrabilità. Grazie ai punti Stile possiamo migliorare questi aspetti fino ad un certo limite, riuscendo così ad essere competitivi con ogni pilota disponibile e, soprattutto, riuscire a completare la modalità principale, cosa veramente difficile, se non impossibile, senza le dovute migliorie.

Publisher: Infinite Dreams Inc. Developer: Infinite Dreams Inc.
Piattaforma: PS4 (disponibile anche per PS3 e PS Vita) Genere: Shoot’em Up Giocatori: 1-2 PEGI: 7 Prezzo: 9,99 €

“Lassù non hai il tempo di pensare, se pensi sei morto”

Maverick – Top Gun

Nato da pochi anni ma già giunto al suo terzo capitolo, Sky Force Anniversary arriva su PlayStation sotto forma di porting da iOS, dove fu pubblicato nel lontano 2014. Il titolo, che ben si adatta alle meccaniche mordi e fuggi legate al mondo degli smartphone e dei tablet, tenta la scalata anche sulle console Sony: vediamo quindi assieme com’è stato questo volo di prova.

sky-force-anniversary-logo-001

Faccio parlare le mani

Trattandosi di un gioco originariamente destinato a partite rapide, Sky Force Anniversary non può vantare una trama degna di kolossal hollywoodiani: tutto quello che ci verrà detto è che il nostro ruolo sarà quello di eroe senza macchia e senza paura che, a bordo del suo aereo, lotterà contro un malvagio comandante.

Un semplice pretesto quindi per spingerci a salire a bordo del nostro velivolo e sparare a qualsiasi cosa si muova, in quella che è la versione moderna di un classico shoot’em up verticale, come se ne vedevano anni ed anni fa nei vecchi cabinati e che riportano alla mente Aero Fighters ed il più recente Shoot1UP.

Lo stile sfrontatamente arcade di questo titolo si sposa alla perfezione con le meccaniche scelte per superare i vari livelli: partiremo infatti con un’aereo base che potremo potenziare man mano che proseguiremo nella nostra avventura, ottenendo alla fine di ogni livello o dopo la nostra morte prematura un certo quantitativo di punti da spendere in potenziamenti.

sky-force-anniversary-recensione-playstation-6

Audio e grafica, decisamente più moderni dei vecchi coin-op, sono di pregevole fattura e, soprattutto per quanto concerne il comparto video, ben risaltano sia sul piccolo schermo di PlayStation Vita, sia sul televisore qualora stiate giocando su console fissa grazie alla funzione cross-buy implementata nel titolo.

Carica il cannone della pace

Come accennato il nostro velivolo sarà dotato di armi il cui scopo sarà ovviamente eliminare i nemici che ci si pareranno davanti e spianarci la strada fino al covo del malvagio comandante. Il nostro eroico pilota sarà però decisamente squattrinato e, dopo un rapido tutorial in cui sperimenteremo una potenza stratosferica, saremo catapultati nella dura realtà.

La nostra nave infatti avrà in dotazione un solo cannone (per giunta abbastanza lento) e zero difese, mentre i nemici saranno armati, pericolosi e pronti a tutto: per riuscire a proseguire nella nostra breve avventura quindi dovremo farci le ossa spaccando una serie decisamente alta di aerei ed accumulando punti da spendere per sbloccare i vari potenziamenti disponibili.

sky-force-anniversary-recensione-playstation-2

Come in un RPG infatti al termine di ogni livello, sia con esito positivo che negativo della nostra missione, riceveremo una certa somma di stelle (la moneta del gioco) da spendere nel negozio per apportare migliorie permanenti al nostro aereo oppure aggiungere nuove parti, come ad esempio cannoni laterali, scudi e molto altro ancora.

Quello che si potrà notare sin dalle prime battute sarà però una curva di costo decisamente elevata, che richiederà quindi un sacco di “farming”, per usare un termine trofeistico, per poter avere le risorse necessarie ad acquistare i potenziamenti desiderati e magari necessari a proseguire serenamente l’avventura.

Come ogni buon arcade che si rispetti infatti, Sky Force Anniversary non guarda in faccia a nessuno e, dopo una breve sequenza di livelli preparatori, ci da dentro senza paura per quanto riguarda la difficoltà e rende gli schemi avanzati decisamente complicati da superare, soprattutto senza le giuste migliorie.

di -
0 70

Da qualche ora Blizzard ha reso disponibile l’aggiornamento 1.5 per il suo Overwatch che, tra le altre cose, aggiungerà il nuovo personaggio giocabile Sombra al già nutrito roster di combattenti.

L’update, come visibile anche nel changelog ufficiale, aggiungerà oltre alla fanciulla anche una nuova mappa denominata “Eco Point” e soprattutto la modalità arcade, che ci consentirà di affrontare varie tipologie di scontro a rotazione per accumulare ricompense e punti esperienza extra.

Se non vedete l’ora di provare tutte queste novità quindi vi consigliamo di correre a scaricare l’aggiornamento, rimanendo comunque con noi per tutte le novità del caso.

di -
0 45

Ubisoft annuncia che l’aggiornamento gratuito per TrackMania Turbo VR è ora disponibile per i possessori del frenetico gioco di corse arcade. È inoltre disponibile gratuitamente a tutti una demo con quattro tracciati per poter scoprire questa nuova esperienza.

A questo link potete scoprire cosa ne pensiamo di questo (ottimo, ve lo anticipiamo) titolo, mentre di seguito è disponibile il trailer ufficiale rilasciato insieme all’annuncio. Buona visione!

 

di -
0 41

Nella giornata di oggi Square Enix, ha svelato ufficialmente a tutti che Sephiroth entrerà nel roster di Dissidia Final Fantasy.

Per accompagnare l’annuncio la software house, ha pubblicato un nuovo trailer che mostra alcune scene di combattimento tra Sephiroth e Cloud in una midgar ormai distrutta e rasa al suolo.

Come sempre vi invitiamo a rimanere con noi, per eventuali aggiornamenti in merito ad un possibile arrivo su PlayStation 4.

In allegato il trailer di presentazione che introduce Sephiroth:

di -
0 52

Overwatch è il gioco del momento per Blizzard, infatti fra i vari annunci fatti alla BlizzCon è sicuramente quello che ne guadagna di più. Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa ci verrà offerto:

Oltre al già citato nuovo personaggio Sombra, annunciato ufficialmente ieri, avremo a disposizione delle nuove modaità di gioco e finalmente non più squadre di 4 Hanzo o 4 Bastion in Partita Rapida. Nel menù principale verrà sostituita l’opzione “Rissa” al suo posto verrà aggiunta l’opzione “Arcade”, qui avremo a disposizione svariate modalità tra cui:

  • 1vs1 Mystery Duel: Si giocano diversi round, ogni round i due giocatori devono usare lo stesso personaggio, scelto a caso. Vince chi arriva prima a 5 round vinti. Un round finisce quando uno dei due personaggi muore.
  • 3vs3 Eliminazione: Si possono scegliere i personaggi come si vuole, ma non è possibile scegliere lo stesso personaggio all’interno della stessa squadra. Ogni volta che una squadra viene eliminata, si vince il round. Vince chi arriva a 5. Non è possibile cambiare personaggio durante un round, ma solo tra un round e l’altro.
  • 6vs6 Mystery Heroes: Partita identica alla Rapida, ma con personaggi scelti casualmente.
  • 6vs6 Nessun Limite: Come le Rapide, ma questa volta non ci sarà nessuna restrizione nella scelta dei personaggi.
  • Rissa: Qui sono raccolte tutte le risse settimanali uscite finora, è possibile rigiocarle tutte. Quando una rissa finisce, i giocatori ne cominciano automaticamente una diversa, scelta a caso.

Non è finita qui, perché le due modalità 1vs1 e 3vs3 si svolgeranno sulla nuova mappa Echo Point Antarctica, una mappa molto più piccola sviluppata appositamente per questa modalità. Inoltre una nuova mappa di conquista è in sviluppo chiamata Oasis, arriverà a dicembre sul PTR e per l’inizio del 2017 sarà pubblicata ufficialmente. Con l’arrivo della modalità Arcade “6vs6 Nessun Limite” nelle partite Rapide si potrà scegliere un solo personaggio per squadra, proprio come nelle classificata, quindi addio team da 6 Mei, Bastion, Hanzo, ecc…

Per chiudere si è anche parlato dei “Forzieri” o “Loot Box“, con l’arrivo dell’Arcade sarà infatti più facile guadagnarli infatti ogni volta che c’è una modalità nuova si riceve un loot box la prima volta che la si vince, e ogni settimana ogni tre vittorie in qualsiasi modalità dell’arcade si riceverà un loot box, fino a tre (quindi fino a 9 vittorie).

Per il momento queste sono tutte le novità che verranno aggiunte su Overwatch (se giocate su PC la modalità Arcade arriverà la prossima settimana sul PTR insieme a Sombra), restate con noi per tutte le news su Overwatch e mi raccomando, restate sul Payload!

di -
0 66

La storica saga dedicata alle motociclette, nata su PlayStation 1 nel lontano 1997, si prepara a tornare sulla console di casa Sony con il suo quarto capitolo, dopo un’ultima apparizione riservata esclusivamente al mondo PC.

Il nuovissimo trailer diffuso in rete ci informa che Moto Racer 4, sviluppato da Microids, uscirà su PlayStation 4 il 3 novembre 2016.

Siete pronti ad un po’ di sano arcade su due ruote?

di -
0 169
Publisher: Will Sykes Games Developer: Will Sykes Games
Piattaforma: PS4 Genere: Arcade Giocatori: 1-4 PEGI: 7 Prezzo: 9,99 €

Perfect Universe è senz’altro qualcosa di diverso rispetto a quanto già presente nell’attuale panorama indie game: lo stile grafico monocromatico e la particolarità della fisica di gioco, rendono la produzione Will Sykes Games molto interessante, almeno a prima impressione. Abbiamo quindi deciso di dare una possibilità a Perfect Universe, provandolo e recensendolo per voi; ennesimo titolo casual o piacevole sorpresa?

Perfect_Universe_003

Gioca con la gravità

Perfect Universe non ha un comparto narrativo: subito dopo aver avviato il gioco infatti, ci si rende conto di essere davanti ad una sorta di grande contenitore di minigiochi. Per quanto riguarda il single player, avremo a disposizione tre modalità: la prima in cui controlleremo un umano, la seconda in cui dovremo far muovere un bizzarro alieno bipede e la terza nella quale ci ritroveremo a pilotare una navicella. In tutte e tre i casi, il nostro obbiettivo sarà quello di raccogliere degli oggetti (diamanti, foglie e razzi) sparsi per i vari livelli entro un certo limite di tempo. Insomma a dirlo così sembrerebbe tutto molto lineare, quasi banale: la verità è che a rendere diversa l’intera esperienza di gioco è la bassa gravità presente nei vari livelli di gioco. Questa caratteristica è centrale in Perfect Universe, dato che ogni stage, oltre ad avere un level design molto particolare e studiato per proporre nuove soluzioni di gameplay, ha la sua gravità in base alla quale dovrete regolare le vostre mosse.

Perfect_Universe_000

Inoltre la struttura “mordi e fuggi” delle missioni, considerata la loro breve durata, non fa altro che esaltare tutte le buone idee di Perfect Universe e massimizzare il divertimento. Buona anche la difficoltà, con un grado di sfida mai troppo alto, ma comunque neanche troppo semplice in caso vogliate ottenere il punteggio massimo. Guardando l’altra faccia della medaglia però, ci sono diversi problemi da tenere in considerazione: a partire dalla longevità che, senza considerare le ore spese in multigiocatore, si traduce in poco più di un paio di sessioni di gioco per completare tutto, nonostante il buon numero di livelli disponibili. Proprio a proposito di livelli, a volte neanche la gravità e il level design riescono ad evitare sezioni un po’ troppo simili e lineari.

Perfect_Universe_002

Da solo o in compagnia

Una delle feature più importanti di Perfect Universe è il multigiocatore, rigorosamente offline: dalla palla avvelenata, al golf spaziale, passando per gare di astronavi e finendo con partite di pallavolo con gravità alterata, giocare in locale è sempre piuttosto appagante. In alcuni giochi più che in altri (la pallavolo in doppio è devastante) il divertimento e le risate sono assicurate, a causa delle improbabili movenze dei nostri avatar e degli inaspettati effetti gravitazionali. Non parliamo di un party game vero e proprio, sia chiaro, ma di una simpatica raccolta di minigiochi capace di regalarvi un divertimento a volte quasi inaspettato, seppur limitato dalla quantità delle modalità disponibili e dalla loro profondità.

Pang Adventures
Publisher: DotEmu Developer: DotEmu
Piattaforma: PS4 Genere: Arcade Giocatori: 1-2 PEGI: 3 Prezzo: 9,99 €

Per i nostalgici dei cabinati anni ’80 ecco che torna alla ribalta Pang, esatto, quel giochino in cui muniti di arpione dovevamo far esplodere delle sfere rimbalzanti. Sono passati vent’anni e oggi, per opera di DotEmu, il gioco ritorna sotto una nuova veste grafica e con graditi ritocchi nel gameplay; riuscire ad ammodernare un gameplay che ha affascinato un’intera generazione e far contenti invece i nuovi giocatori è una operazione assai difficile, vediamo quindi se la software house è riuscita nell’intento.

Gli alieni sono tornati!

La trama non è mai stata importante per chi, come il sottoscritto, entrava in una sala giochi, inseriva parte della sua paghetta nel cabinato e iniziava a giocare, la storia era superflua, noi volevamo giocare immediatamente. Il nuovo Pang Adventures non fa differenze, vi è solo una sottile trama usata come pretesto per iniziare a giocare: gli alieni sono tornati e hanno invaso il mondo con le loro sfere letali, tocca quindi ai fratelli Pang viaggiare per il mondo ed annientare la temibile minaccia. Pang include tre diverse modalità con cui giocare da soli o in compagnia: la Modalità Tour ossia la storia principale, in cui dovremo viaggiare in sei ambientazioni diverse in giro per il mondo, ognuna intervallata da 15 stage ciascuno, la novità è che ora sono presenti delle boss fight da affrontare sul nostro aereoplano mentre ci muoveremo di continente in continente, nulla di particolarmente originale in quanto i boss successivi si differenziano solo per il numero di tentacoli da distruggere; poi è presente la Modalità Punti in cui dovremo riaffrontare i livelli dell’avventura principale con sole tre vite, e infine la modalità Panico nella quale si affronteranno 99 livelli senza tregua con difficoltà sempre crescente.

Pang Adventures

Con Crystal Ball ci puoi giocare

La formula di gioco è rimasta invariata: i fratelli Pang, armati di arpioni, dovranno colpire le bolle che a loro volta si divideranno in bolle più piccole, fino a debellarle completamente, a contatto con il nostro personaggio sarebbe Game Over immediato; anzi, a dire il vero una cosa è cambiata in questo passaggio, l’ultimo stadio, quello delle bolle più piccole è scomparso, quelle maledette microbolle che tanto andavano a pesare sulla difficoltà del titolo. Anche se a prima vista il titolo, quindi, potrebbe risultare più semplice rispetto al passato, gli sviluppatori hanno inserito delle varianti di bolle molto più letali che faranno dimenticare la mancanza delle microbolle.

Pang Adventures

Ecco quindi che nascono delle sfere di diverso tipo ed effetto; ci sono ad esempio bombe a tempo che sono utili da far scoppiare vicino alle altre per polverizzarle tutte in un colpo, vi sono sfere che rilasciano lava una volta colpiti o addirittura dei fulmini, vi sono sfere protette da cristalli difficili da distruggere e tante altre, inoltre vi sono un numero discreto di elementi scenici che interagiscono in maniera intelligente con il gameplay aiutando o mettendo in difficoltà il giocatore, ad esempio i granchi aiutano nella distruzione delle bolle mentre i gabbiani rilasciano un “regalino” che rallenterebbero il giocatore se colpito.  A risollevare l’ago della bilancia che pendeva verso una difficoltà estenuante vi sono una serie di power up davvero incredibili, ecco che con il giusto power up il nostro spara-arpioni diventa un lanciafiamme, un mitra, un fucile a pompa, uno shuriken o perfino un blaster alieno: sarà necessario quindi scegliere il giusto power up al giusto momento per ribaltare le sorti della partita.

di -
0 57

Sulle pagine del PlayStation Blog è stato annunciato My Night Job, un action dalle forti tinte horror e arcade che si appresta ad arrivare durante l’anno su PlayStation 4. Di seguito potete leggerne la presentazione, con in allegato anche un video di gameplay.

L’azione di gioco è veloce e fluida in puro stile arcade. Non esiste una linea narrativa o livelli in successione. Vi trovate dentro a una grande villa, dovete evitare che i mostri invadano le stanze e le distruggano, salvare almeno 100 superstiti e andarvene al più presto da lì prima che sia troppo tardi!
Durante il processo creativo volevo realizzare un gioco arcade basato sul punteggio, in cui dovevano predominare le meccaniche e l’equilibrio, però tenevo sempre in mente i bei film horror che guardavo da giovane e soprattutto la loro tensione inquietante e dozzinale. Da qui è nata l’ambientazione del gioco: una casa enorme piena di riferimenti a più di una trentina di film, insieme alla sensazione familiare di un’infinita fuga notturna da un labirinto, con una fievole speranza riservata solo ai più abili e coraggiosi.
Avrete a disposizione più di 60 oggetti progettati per essere usati come armi, per cui vi ritroverete a usare in combattimento coltelli, vecchi controller di videogiochi, asce dorate, pesci o ombrelli. Inoltre se riuscite a portare all’elicottero certi superstiti nascosti, potrete ricevere oggetti speciali come, ad esempio, un gattino che annienta tutti i mostri di una stanza, una siringa per la rianimazione e molto altro ancora. I film horror hanno rappresentato una cospicua fonte di ispirazione.
I trofei PSN sono davvero utili nel gioco! Dentro la casa c’è una stanza dei trofei in cui vengono mostrati dieci dei brillanti trofei che avete ottenuto. Potete attivarne o disattivarne due allo stesso tempo, ognuno dei quali innescano a loro volta modificatori dell’azione di gioco in tempo reale: velocità di corsa potenziata per voi o per i superstiti, 50% di salute in più, invincibilità temporanea quando siete trasformati in un clown demoniaco (ebbene sì: potete trasformarvi in un clown demoniaco per qualche secondo) e così via.

Fonte: PlayStation Blog

SOSTIENICI SUI SOCIAL

344Iscritti+1
776FollowersSegui