Dopo il grande successo dell’evento è tempo di bilanci. Modena Nerd, nella sua seconda edizione, ha superato abbondantemente i risultati dell’anno scorso, facendo registrare quasi ventimila presenze.

Tante le attività che hanno attirato il pubblico e tanti i contest, tra i quali spicca il Brick-Art-Gallery di cui trovate alcune immagini in calce alla notizia. Di seguito vi riportiamo il comunicato ufficiale degli organizzatori:

E’ decisamente positivo il bilancio della seconda edizione di Modena Nerd, la manifestazione dedicata a videogiochi, fumetti e youtuber che lo scorso fine settimana ha sfiorato le 20mila presenze (poco più di 14mila quelle della prima edizione).

L’evento organizzato da ModenaFiere è stato dunque promosso a pieni voti da appassionati, curiosi, addetti del settore ma anche dalle tante famiglie con bambini al seguito che hanno affollato i padiglioni del quartiere fieristico modenese, per una due giorni coinvolgente e all’insegna del divertimento. Una manifestazione che ha attirato un folto pubblico anche da regioni limitrofe come Lombardia e Toscana, e che si avvia a diventare un vero e proprio punto di riferimento a livello nazionale. Un risultato che ripaga lo straordinario impegno profuso dagli organizzatori.

Da sottolineare infine il bellissimo gesto dei primi tre classificati al contest Brick-Art-Gallery dedicato ai mattoncini LEGO che hanno deciso concordemente di lasciare le proprie opere all’associazione organizzatrice, che le metterà a disposizione per un’asta benefica a favore di una raccolta fondi per la Pediatria del Policlinico di Modena.

Il concorso a cui hanno partecipato giovani di tutte le età, dai bambini agli adolescenti agli adulti, richiedeva di personalizzare un calco in gesso bianco che riproduce una figurina che fa parte del colorato mondo Lego. La vittoria è andata alla riproduzione di Zio Paperone realizzata da un ragazzo di 15 anni, mentre il secondo e il terzo posto sono rispettivamente stati assegnati ad una signora trentenne che ha dedicato la sua creazione a Wonder Woman e a un ragazzo di soli 20 che ha proposto una sua personalissima interpretazione del cattivissimo Jason Voorhees della serie cinematografica horror ‘Venerdì 13’.