I migliori giochi da tavolo per divertirsi in vacanza – Speciale

Con l’avvento dell’estate arriva anche il periodo tendenzialmente più rilassato dell’anno: i giovani studenti possono infatti godersi le vacanze estive, mentre la maggior parte dei lavoratori può puntare alle ferie per staccare dagli impegni e godersi un viaggio verso mete esotiche o più semplicemente per allontanarsi dal solito tran tran.

Quale momento migliore quindi per dedicarsi a dei giochi da tavolo, siano essi in compagnia di amici, della propria dolce metà oppure addirittura con persone appena conosciute? Se non sapete ancora quali board games mettere in valigia prima di partire, noi di PlayStationBit siamo qui per svelarvi le più interessanti uscite dell’ultimo periodo.

Vi proponiamo infatti alcune delle novità, con brevi specifiche relative al gameplay. Se poi volete saperne di più e scoprire tanti altri giochi da tavolo, vi ricordiamo che potete consultare la nostra sezione dedicata alle recensioni, in cui trovate tantissimi altri titoli per qualsiasi tipologia di giocatore. Se invece volete imparare rapidamente a giocare, potete visitare il nostro canale YouTube, già ricco di tantissimi tutorial e in continua espansione, per aiutare tutti gli amanti dei board games. E ora non vi resta che sfruttare l’estate per giocare!

Frantic

Partiamo con un titolo di dimensioni ridotte, che sarà perfetto per qualsiasi valigia, borsa mare o zaino per escursione. Stiamo parlando di Frantic di DV Games, gioco di carte semplicissimo da imparare e perfetto per un gruppo di amici. Giocate le carte con lo stesso numero o colore dell’ultima scartata e cercate di svuotarvi la mano. Occhio però ai malus che i vostri avversari vi lanceranno e agli eventi attivati dai numeri neri.

Frantic è il classico card game “rovina amicizie”, in cui il senso di rivalsa è amplificato dalla possibilità di giocare le nostre carte più cattive contro chi vorremo (e non necessariamento contro il giocatore dopo di noi in turno). Perfetto in qualsiasi situazione, poco voluminoso e senza bisogno di particolari supporti. Un vero e proprio must have per la vostra estate.

RecensioneTutorial

Harmonies

Se siete invece tra coloro che anche in trasferta non vogliono rinunciare a un po’ di strategia, potete affidarvi a una delle novità presentata da Asmodee nel corso di Play Modena. Stiamo parlando di Harmonies, board game sviluppato da Libellud in cui dovremo creare il nostro ecosistema. La scatola non è esageratamente ingombrante, così come il setup. Basteranno un tavolino e un po’ d’ingegno per organizzare tutte le componenti.

Harmonies è un tile placement in cui fino a un massimo di 4 giocatori si sfidano nel creare un ecosistema dinamico dove collocare i propri animali. A ogni turno si pescheranno tre tessere da piazzare: dovremo collocarle in modo da ricreare specifici habitat, come richiesto dalle carte animale. Harmonies mischia tattica a un pizzico di fortuna, permettendo a giocatori di qualsiasi livello di divertirsi. Da non sottovalutare la presenza di una modalità solitaria, qualora voleste ingannare l’attesa nei momenti più rilassati.

RecensioneTutorial

Cards Vs Gravity

Passiamo ora a un party game puro e duro come Cards vs Gravity. Il titolo di Giochi Uniti e Big Potato Games si presenta con una scatola coloratissima, carte plastificate e un disco in metallo. Nella scatola troviamo anche un tappo magnetico che si adatterà a qualsiasi bottiglia: il tutto resiste ad acqua, sabbia, terra e chi più ne ha più ne metta.

Scopo del gioco è semplice: a turno si pesca la prima carta del mazzo cercando di agganciarla alle altre eventualmente già presenti nella stessa zona di colore. Chi rompe l’equilibrio facendo cadere le carte, paga pegno. Sarà possibile giocare sfruttando una qualsiasi bottiglia da bevanda, per sfidarsi davvero dovunque. E ovviamente più sarete, più vi divertirete: se ci giocherete sotto l’ombrellone, tutti i vostri vicini non potranno che invidiarvi!

RecensioneTutorial

Le 5 Torri

Torniamo nel mondo dei card games con Le 5 Torri. L’opera di Ghenos Games e Deep Print Games è un semplice gioco di scommesse, in cui dovremo aggiudicarci le parti delle titolari cinque torri per crearne di più alte possibili. Ogni carta riporta un pezzo di torre numerato: potremo però collocarle solo in ordine decrescente. A turno i giocatori scommettono su quanti pezzi potranno piazzare: chi vincerà dovrà metterne il numero dichiarato.

Un gioco semplice e rapido, con un setup compatto ma che necessita comunque di un minimo di spazio in piano per poter piazzare le proprie carte. Grande vantaggio è offerto dalla dimensione ridottissima della scatola, che sta praticamente in ogni borsa o zaino (o persino in alcune tasche). In questo modo potrete portare Le 5 Torri dovunque ed essere sempre pronti a sfidare i vostri amici.

RecensioneTutorial

Abluxxen

Se quello che cercate è la compattezza unita alla giusta dose di cattiveria, allora nella vostra valigia non può mancare Abluxxen. Recentemente riproposto da Giochi Uniti in una nuova, scintillante edizione, il titolo di Wolfgang Kramer e Michael Kiesling metterà a dura prova le vostre abilità. Giocate quante carte volete dello stesso numero, ma attenzione: se un giocatore calerà la stessa quantità di carte ma con una cifra di valore più, alto, abluxxerà le vostre e vi esporrà ad altri attacchi.

110 carte e un piccolo regolamento, racchiuse in una scatola 10×13 cm. Se volete un gioco tascabile con cui sfidare i vostri amici per ore e ore, allora non potete perdervi Abluxxen. Le carte plastificate inoltre resisteranno anche agli utilizzatori meno delicati. Consigliamo però di giocare Abluxxen radunando almeno tre partecipanti, dato che in due sarà necessario aggiungere un automa che farà perdere brillantezza alle partite.

RecensioneTutorial

P per Pizza

Se i numeri non sono il vostro forte, allora potreste decidere di cimentarvi in qualche sfida verbale. Il classico Scarabeo è forse un po’ troppo ingombrante in viaggio, quindi meglio optare per P per Pizza, il saporito gioco di Asmodee. Se l’avete visto sugli scaffali dei negozi, la scatola a forma di fetta di pizza non può non avervi colpito.

Lo scopo del gioco è semplice: essere i più veloci ad abbinare una lettera a una categoria. Il mazzo di carte triangolari si appoggia ovunque, mentre davanti a voi potrete collocare le carte vinte (a patto di averne) anche senza particolari appoggi. A trionfare sarà il giocatore a ricreare per primo la sua personale fetta di pizza, raccogliendo un totale di 9 carte. Attenzione però: più andrete avanti, più le categorie si faranno complesse!

RecensioneTutorial

Disney Lorcana Avventure degli Illuminatori: Problema negli Abissi

Chiudiamo la nostra rassegna con un prodotto recentissimo di Ravensburger. Se seguite le nostre recensioni, allora non vi sarete sicuramente persi quella di Disney Lorcana Avventura degli Illuminatori: Problemi negli Abissi. Un set speciale dell’espansione Il Ritorno di Ursula, che aggiunge una inedita modalità cooperativa. Nella scatola troviamo infatti tutto ciò che servirà a due giocatori per sfidare la malvagia strega del mare, che verrà gestita in maniera automatica.

Se non volete rinunciare a qualche partita al TCG di Ravensburger anche in vacanza, si tratta di un prodotto imperdibile. E anche dopo che sarete tornati, potrete sedervi e sfidare Ursula con i deck precostruiti oppure con i vostri mazzi preferiti. La presenza di quattro livelli di difficoltà permetterà inoltre di adattare la sfida a qualsiasi giocatore. E non dimenticatevi la speciale bustina premio dorata riservata ai vincitori: se volete scoprire cosa contiene, non vi resta che affrontare Ursula!

Recensione

Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.