OlliOlli World – Recensione

Sviluppatore: Roll7 Publisher: Pivate Division - Take Two Interactive Piattaforma: PS5 (disponibile anche per PS4) Genere: Sport Giocatori: 1 PEGI: 3 Prezzo: 29,99 € Italiano:

Le ginocchia sbucciate e i gomiti consumati non sono stati un ostacolo nella realizzazione della recensione di OlliOlli World. Il terzo capitolo della saga di Roll7 si candida come uno dei migliori prodotti dedicati alle tavole a quattro ruote presenti sul mercato. Mettetevi le giuste protezioni e preparatevi a una grande avventura a Radlandia.

Skateboard, amore mio

La serie di OlliOlli ha fatto la sua comparsa nel lontano 2014 su PlayStation Vita. A differenza però della sfortunata console Sony, l’opera di Roll7 ha raccolto un numero incredibile di fan, desiderosi di cimentarsi in un gioco bidimensionale punitivo e impegnativo. A dispetto di uno stile e di comandi relativamente semplici, infatti, OlliOlli è un arcade duro e puro, in cui ogni minimo errore costa caro.

Proprio il grande successo del titolo ha spinto il team a creare OlliOlli 2: Welcome to Olliwood, un more of the same che seppur apprezzato ha lasciato ai giocatori la sensazione che mancasse qualcosa per arrivare a un nuovo livello. Questo quid in più arriva con OlliOlli World: il nuovo capitolo sbarca su PlayStation 5 con una serie d’importanti novità, a cominciare da una grafica che introduce la tridimensionalità.

Vogliamo subito rassicurare gli appassionati della serie, in quanto OlliOlli World non si trasforma nel nuovo Tony Hawk’s Pro Skater, ma introduce molto più sensatamente una grafica in 2.5D. I livelli sono sempre a scorrimento orizzontale, ma vantano qualche ramificazione e una sensazione di profondità mai provata prima. Nessuno stravolgimento nella formula che ha fatto innamorare gli appassionati skateboard, ma piuttosto qualche doveroso aggiustamento per plasmare il titolo sui desideri degli utenti.

Altra novità che si palesa subito è il ricchissimo editor in cui creare un alter ego virtuale da far correre sulla tavola da skate. Tantissimi oggetti come capi d’abbigliamento, tavole decorate e persino ruote e ponti colorati, per creare e modificare in qualsiasi momento il proprio look e rendere il proprio eroe diverso da qualsiasi altro nel mondo. Deciso il nostro aspetto, è il momento di correre e saltare.

Benvenuti a Radlandia

La trama di OlliOlli World, per quanto molto semplice, è perfetta per contestualizzare le sfide del gioco. La divinità dello skateboard Chiffon ha deciso di abbandonare il suo posto, che non può però rimanere vacante. La maestra di skate e i suoi bizzarri compagni si mettono quindi alla ricerca di un eletto che con la giusta guida possa raggiungere il Gnarvana.

Manco a dirlo, questi eletti siamo noi, sportivi della tavola alle prime armi dotati però di una potente aura e di un’incrollabile fede nei nostri mezzi. Il gruppo parte dalle basi, spiegandoci come eseguire i primi di una serie di complicati trick, per metterci sulla via dell’illuminazione. L’intera storia è narrata tramite una serie di dialoghi doppiati in un eccellente italiano, presenti all’inizio di ognuno dei livelli che compongono le cinque aree in cui è divisa Radlandia. Questi biomi (per usare un termine moderno) sono realizzati con una grafica che richiama in maniera importante opere come Adventure Time, uno stile cartoon che calza sul gioco come un guanto.

Ogni mondo ha le sue peculiarità e una serie di schemi di difficoltà crescente da affrontare a suon di trick. Dapprima, come detto, viene spiegato al giocatore come eseguire numeri semplici, poi via via più complessi. Il trickzionario, una raccolta dei numeri completati, si va così ingrandendosi in maniera direttamente proporzionale alle abilità del giocatore. Questa scalabilità è una vera e propria novità per la serie, famosa per un approccio tutt’altro che user friendly. OlliOlli World riesce invece ad adattarsi sia ai neofiti che agli skater con più di una cicatrice sulla pelle, risultando divertente a ogni livello.

Let’s grind the world

I comandi di OlliOlli World sono come da tradizione molto semplici e immediati. Muovendo verso il basso la levetta analogica è possibile caricare un salto, eseguibile rilasciandola. A quel punto è possibile eseguire i numeri, armeggiando sulle due levette analogiche e magari atterrando su rampe per lunghi grind. Tutte le mosse possono essere concatenate per fruttuose combo, sfruttando magari rapidi grab oppure lunghi manual tra una pedana e l’altra.

L’aumento della spettacolarità va di pari passo con la crescita di abilità e confidenza del giocatore, che si trova molto presto a eseguire spettacolari wall-ride sulle pareti e a saltare tetti di case e scalinate altrimenti letali. Nonostante questo, i fallimenti sono sempre dietro l’angolo e sono parte dell’esperienza. Cadere è un evento all’ordine del giorno, ma non è assolutamente un dramma: tramite pressione di un tasto è possibile ricominciare lo schema da capo oppure da uno dei checkpoint raggiunti.

Tutto questo contribuisce a rendere fruibile un titolo che nasconde comunque un numero incredibile d’insidie e di sfide da completare. Ogni livello infatti ha la richiesta di fondo di arrivare alla fine del percorso senza cadere, ma nasconde anche prove di miscellanea decisamente folli, come distruggere dei gonfiabili oppure battere il cinque a personaggi nascosti. Ottenere il 100% in ogni mondo si rivela ben presto un’impresa per pochi eletti, un vanto per veri skater pronti a tutto per ottenere la perfezione. Il bello di OlliOlli, del resto, è anche questo.

Con gli occhi del Gnarvana

Se pensate che OlliOlli World sia solo una campagna in singolo e tanti costumi, vi sbagliate di grosso. Roll7 ha infatti reso il suo titolo incredibilmente interattivo, permettendo in ogni schema di sfidare rivali al proprio livello. Da un apposito menu è anche possibile controllare i filmati che mostrano come gli altri utenti hanno affrontato certe prove, per capire come migliorare e imparare dai propri errori.

Se tutto questo non vi basta, sappiate che l’avventura non si ferma al Gnarvana. Una volta raggiunta l’illuminazione infatti si accede a nuove funzioni multiplayer che rendono l’esperienza incredibilmente appagante e soprattutto longeva. Completare la campagna richiede già di per sé una discreta quantità di ore, ma scoprire ogni segreto di OlliOlli World e diventare dei veri dei dello skateboard potrebbe portarvi via svariate settimane di gioco.

Con un gameplay così ricco e appagante, Roll7 non poteva certo peccare di distrazione a livello tecnico. La grafica in stile cartone animato è incredibilmente colorata e piena di dettagli. I mondi sono vivi, movimentati e ricchi di elementi che sono talmente ben integrati da passare quasi inosservati. Rallentando l’andatura però si possono notare creature che ballano, api che sorreggono cartelloni e molto altro ancora. Di qualità sopraffina anche la colonna sonora, che alterna pezzi di vario genere perfettamente pertinenti e mai invadenti. Una vera gioia per occhi e orecchie, con la piccola chicca dei rumori della tavola che escono dal DualSense per aumentare al massimo l’immersione del giocatore.

Trofeisticamente parlando: stilisticamente perfetto

Inutile dire che dietro un gioco all’apparenza semplice ma dall’anima arcade si cela un elenco di trofei tutt’altro che facile da completare. Ottenere il Platino di OlliOlli World richiede infatti una grande dedizione al titolo di Roll7, dato che oltre a coppe di grinding (sarebbe stata strana la mancanza di questo tipo di trofei, visto il tema del gioco) c’è la richiesta di completare ogni sfida. Se volete puntare a completare il gioco al 100%, preparatevi a sputare sangue.

VERDETTO

Senza troppi mezzi termini, OlliOlli World è la sorpresa di questo inizio anno. Il team di Roll7 è riuscito a migliorare un prodotto eccellente, rendendolo accessibile a tutti i giocatori senza però snaturarne lo stile. Chi cerca infatti una sfida degna di questo nome non rimarrà deluso, con tanti obiettivi al limite dell'impossibile e grandi sfide da affrontare anche dopo aver completato una divertente e ricca campagna. Una grafica azzeccatissima e una colonna sonora perfetta per accompagnare le nostre sezioni di skate fanno il resto: OlliOlli World non ha davvero nessun tassello fuori posto e merita di essere giocato sia dagli appassionati di tavole su ruote che dai fan dei giochi arcade. In una parola: gnarvastico!

Guida ai Voti

Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.