Wavetale – Recensione

Sviluppatore: Zoink Games Publisher: Thunderful Publishing Piattaforma: PS4-PS5 Genere: Avventura Giocatori: 1 PEGI: 7 Prezzo: €29,99 Italiano: Audio + Sottotitoli

Di prodotti in cui si vivono le avventure di una persona orfana in cerca di verità, nel mondo, se ne trovano a bizzeffe. Una persona che negli anni si è costruita da sola, magari vivendo con un solo parente che non sia un genitore, anche troppo apprensivo, la voglia di scoperta e riscatto. Insomma, temi già anche troppo analizzati per risultare originali. Ma Wavetale ha quel qualcosa che lo rende interessante, leggero, pur affrontando temi più forti ed attuali, con una voglia di raccontare una storia veramente immensa. E lo fa, anche bene, in realtà. Dai creatori di Lost in Random e Fe, Zoink Games, eccoci, dunque, a vivere un nuova avventura fatta di scoperte, divertimento e tanto umorismo, non certamente un titolo perfetto, ma che a gran voce riesce a dire, dare e far provare, bellissime emozioni al videogiocatore.

Tutti all’arrembaggio!

Protagonista della storia è Sigrid, Siggy per gli amici, Gamberina per sua nonna Doris. Le due vivono tranquillamente a Frutteto Notturno, un piccolo isolotto che si trova nel nuovo mondo, e ordine globale delle cose, di Arenania. Ma il pianeta non è sempre stato così. A causa di una guerra con le losche Zampe Nere, una sorta di fuliggine tossica ha invaso il mondo e molte delle isole sono state sommerse, lasciando quasi tutto ricoperto dall’acqua. Gli attuali abitanti del mondo si muovono con varie imbarcazioni per favorire commerci e simili, facendo sempre ben attenzione a non toccare l’acqua, poiché nasconde dei pericoli sconosciuti.

L’avventura comincia appena Sigrid farà le conoscenze di un’ombra, una sorta di anfibio che si lega, stranamente, ad un solo essere umano. Con questa ombra, la ragazza sarà in grado di camminare e fare surf sull’acqua, dandole la possibilità di raggiungere altri luoghi. Con il nuovo avvento delle Zampe Nere e la fuliggine tossica, Siggy e nonna Doris dovranno mettersi in moto per evitare una guerra, viaggiando per il mondo e incontrando altri strambi personaggi. Un’occasione d’oro per la protagonista di scoprire nuovi luoghi oltre casa propria e la verità sulla sparizione di sua madre Iris.

Il mondo è il tuo acquapark

Wavetale è un titolo action con un mondo quasi del tutto aperto in cui, controllando la protagonista, dovremmo muoverci per assurdi scenari a piattaforme, completare missioni e anche sottoporci a qualche sfida a tempo, ma sempre nulla di impossibile. Indubbiamente, Zoink Games ha voluto puntare tutto sull’eccellente parte narrata e meno sul gameplay, che a tratti sembrerà anche ridondante.

Infatti, il gioco ci porterà a muoverci sempre da un punto A ad un punto B, quasi sempre con una missione nel mezzo, arrivare al traguardo e fare una missione che nella maggior parte dei casi sarà un’operazione di ritrovo di elementi chiave. Il feeling nel compiere queste missioni sarà quello di essere trattati come dei bambini dagli adulti del gioco, il che potrebbe risultare anche una mossa voluta degli sviluppatori, dato che controlleremo una bambina in piena fase adolescenziale.

Tra una piattaforma da scalare e una sfida da compiere, troveremo anche dei semplicissimi combattimenti, risolvibili con lo spam di un solo tasto. Quasi del tutto inutile il comando di schivata. Talmente inutile che probabilmente dimenticherete esista fino a quando non arriverete verso la fine del gioco. Non ci saranno potenziamenti per il personaggio, alberi delle abilità e simili. Dall’inizio avrete già tutto a disposizione dal comparto abilità. Ma se sarete stanchi della skin originale di Sigrid, potrete visitare il negozio di Baine per cambiare abiti e colori. In cambio della visita, il simpatico marinaio vi racconterà delle fantastiche barzellette.

Sole, mare, relax

Ciò che rende Wavetale un bel titolo da giocare è indubbiamente il pacing. Il gioco non ha complessità di trama o di gameplay, si segue tranquillamente anche se decidete di alternarlo ad altri titoli. Ma fidatevi, una volta avviato, probabilmente non lo lascerete fino alla fine. La sensazione di libertà che si prova facendo surf sull’acqua è strabiliante, la colonna sonora rende tutto più emozionante e il ritmo incalzante delle vicende vi faranno vivere delle belle emozioni.

La grafica cartoon e colorata, i volti dipinti a mano dei protagonisti: già dalle prime fasi verrete pervasi da sensazioni di gioia e divertimento. Il doppiaggio totalmente in italiano vi farà subito affezionare ai divertenti personaggi. I piccoli monologhi della protagonista, le sue domande, la sua curiosità, l’apprensività di nonna Doris, vi faranno immedesimare sempre più in Sigrid, fino a farvi anche affezionare a lei e al mondo di gioco.

Purtroppo ma, questo ritmo così incalzante e sostenuto, viene rovinato da piccoli disturbi tecnici. Molte volte vi ritroverete a cadere nelle texture. Che sia dopo un salto, una planata o semplicemente camminando, Sigrid potrebbe incappare in questi glitch, dovuti forse al non corretto caricamento delle piattaforme. La musica, seppur molto bella, alle volte giocherà col volume in automatico, alzandosi e abbassandosi senza motivo apparente.

I dialoghi molte volte non saranno sincronizzati con i testi, rendendo tutto un po’ confusionario. Ma ci teniamo anche a precisare che al momento della stesura di questa recensione il gioco non è ancora ufficialmente uscito, quindi probabilmente vedremo tutto risolto con delle patch.

Trofeisticamente parlando: WavePlatinum

Eccoci alla sezione più amata dai nostri lettori. Il Platino di Wavetale non sarà per nulla complicato da raggiungere; basterà infatti completare la storia principale e superare le quattro sfide di Asta, uno dei personaggi del gioco. Non ci saranno trofei legati ai collezionabili, pur essendo presenti nel gioco sotto forma di diario, o relativi a skin da acquistare e simili. Tutto l’elenco dei trofei è legato alla trama principale e al suo sviluppo. Ci vorranno circa 5 ore per poter sfoggiare, poi, questo fantastico nuovo Platino in bacheca. DING!

VERDETTO

Wavetale è la rilassante ed emozionante avventura di Sigrid, una ragazzina orfana che, in barba al pericolo incombente, decide di partire in viaggio e risollevare le sorti di una guerra passata e del mondo intero. Colorato, graficamente accattivante e con una storia capace di donare belle emozioni, il titolo crolla, però, sul lato gameplay, a tratti molto ripetitivo. Se comunque amate le storie rilassate e volete spettare tra un titolo corposo e l'altro, Wavetale fa decisamente al caso vostro.

Guida ai Voti

Raffaele Verde
Cresciuto a pane e videogiochi, mastica qualsiasi genere videoludico che non sia sportivo. Lettore di fumetti. Fa il cuoco e studia lingue straniere!