Dopo aver annunciato la line-up di luglio, composta da PES 2019 e Horizon Chase Turbo, con una decisione abbastanza sorprendente, Sony ha deciso di sostituire il titolo Konami con la Digital Deluxe Edition di Detroit: Become Human (che comprende al suo interno Heavy Rain, di cui potete trovare la guida sul nostro forum). Una scelta di cui non conosciamo i motivi, ma che sicuramente farà discutere ancora gli iscritti al servizio PlayStation Plus.

Come sempre vi ricordiamo che se siete interessati a seguirci per nuove guide ai trofei e aggiornamenti sul mondo PlayStation potete lasciare un like alla pagina Facebookdiventare follower su Twitterseguirci su Twitch o iscrivervi al canale YouTubesenza scordare la camera di Ludomedia. Per noi è veramente importante. A questo punto non ci resta che augurarvi buona caccia!

Detroit: Become Human (PS4) – Link alla guida ai trofei

Detroit: Become Human, uno dei titoli più attesi dell’anno, è il progetto più ambizioso di Quantic Dream, che ci metterà nei panni di tre androidi in una visione distopica del futuro. I giocatori li controlleranno a turno, svelando sia la propria storia che quella del mondo che li circonda. I personaggi sono Connor, un prototipo creato per aiutare gli investigatori umani su casi che riguardano proprio il coinvolgimento degli androidi; Kara, una fuggitiva che sogna la libertà; e Markus, l’individuo a capo della rivoluzione degli androidi. Sarà un viaggio complesso, pericoloso, emotivo e speranzoso, dove ogni scelta avrà il suo peso.

Horizon Chase Turbo (PS4) – Link alla guida ai trofei

Bolidi accattivanti, velocità, adrenalina e frenesia. Queste quattro parole bastano a descrivere Horizon Chase Turbo, rivisitazione di Horizon Chase per smartphone le cui fondamenta nascono dal capolavoro di SEGA, Out Run, il superbo gioco da cabinato che ha segnato, con la sua semplicità e freschezza, la storia del videogioco arcade. Non è un mistero che i videogiochi odierni abbiano spesso preso ispirazione (talvolta creando dei veri e propri cloni) da opere più gettonate e nostalgiche. Eppure bisogna stare attenti a non cadere nella trappola del già visto, come ha mostrato Sinner: Sacrifice for Redemption, ispirato a Dark Souls e Shadow of the Colossus eppure gradevole e innovativo; sulla stessa barca troviamo, appunto, il titolo di Aquiris, che tenta di dire la sua non limitandosi a copiare e incollare il lavoro altrui. Sarà stato degno del genere a cui si ispira o è solo un altro Super Night Riders?