Home ConsoleNews PS4Gwent, il bilanciamento affidato alla community

Gwent, il bilanciamento affidato alla community

L’aggiornamento 11.10, uscito quest’oggi per Gwent, sarà l’ultimo. Come dichiarato anzitempo dagli sviluppatori, infatti, il supporto al bilanciamento del celebre gioco di carte free-to-play ispirato al mondo di The Witcher è terminato. In sostanza, non ci saranno più modifiche corpose da parte degli sviluppatori al bilanciamento delle carte e, soprattutto, non ne verranno rilasciate delle nuove.

Tuttavia, CD PROJEKT RED ha ben compreso che abbandonare un gioco di carte a sé stesso implica condannarlo a una lenta ma inesorabile morte. Pertanto, d’ora in avanti, il bilanciamento di Gwent sarà affidato alla community attraverso lo strumento del “Consiglio dell’Equilibrio“.

Si tratta di un’opzione presente nel menu principale che consente ai giocatori di Prestigio 1 che hanno ottenuto almeno 25 vittorie nella stagione corrente o ai giocatori che hanno raggiunto il Rank 0 di esprimersi attraverso delle votazioni. Ogni giocatore potrà, una volta al mese, votare un massimo di tre carte o abilità proponendo una modifica al loro potere. Le carte che riceveranno almeno 50 votazioni verranno cambiate, fino a un massimo di 15 carte.

Questo sistema dovrebbe consentire al Gwent di avere un meta mediamente variabile assestato direttamente sul feedback auto-imposto dalla community giocante.

Trovate qui l’elenco di tutte le modifiche apportate con la patch 11.10.

Articoli correlati

Giovanni Paolini
Catalizzatore di flame sul web e drogato seriale di fantacalcio, Giovanni vede il videogioco come un'espressione artistica piuttosto che come un mero intrattenimento privo di contenuti significativi. Per questo motivo, ripudia il 90% dei AAA e si tuffa sfacciatamente nel mercato indipendente, rimanendone il più delle volte scottato seppur senza rimorsi. Amante della musica di qualità, delle narrazioni articolate e di design ispirati, si è tuttavia mostrato fin dall'adolescenza ossessivamente attratto dai personaggi femminili antropomorfi, mistici o animati, universalmente conosciuti come waifu. Rappresenta orgogliosamente la vena toscana del Bit.