Tra i progetti più travagliati degli ultimi anni c’è sicuramente il film di Uncharted, realizzato da Sony Pictures e forse pronto ad arrivare nelle sale cinematografiche (qualora queste dovessero riaprire) nel corso del prossimo anno.

Il protagonista non poteva che essere l’atletico e temerario Nathan Drake, interpretato dal giovane attore inglese Tom Holland che si era già detto entusiasta per le scene d’azione del film. Non è tutto oro quello che luccica, però, perché durante una recente intervista proprio Holland si è detto insoddisfatto della sua recitazione nei panni dell’avventuriero di Naughty Dog. Tra i problemi più grandi dell’attore c’è la necessità di apparire eroico e “figo” in determinate scene, forzando quindi la recitazione e sacrificando la naturalezza e la spontaneità.

Questo, sempre secondo le parole di Holland, non significa necessariamente che Uncharted sia un brutto film (dato che nemmeno lui ha ancora visto il prodotto finito) ma più semplicemente che a suo dire interpretare Nathan Drake sia stato un errore. Resta da capire se queste parole non esattamente al miele influiranno sull’affluenza del pubblico al botteghino. Forse sarebbe stato meglio interpellare il buon Nathan Fillion…