Nello scorso week-end è stata lanciata la closed beta test version 1.0 di JUMP Force, titolo crossover molto atteso in Giappone ma che potrebbe riscuotere un buon successo anche in Italia.

Dal trailer di lancio dell’E3 2018 si intravedevano i personaggi di quattro saghe celebri: Dragon Ball, Naruto, One Piece e Death Note. Nelle ultime settimane sono arrivati annunci che hanno ufficializzato la presenza di un cast ancora più ampio, e non escludiamo la possibilità che possa aggiungersi qualche altro posto a tavola. Noi abbiamo provato la closed beta e vogliamo esporvi il nostro pensiero a riguardo.

Benvenuti su Nintendo… PlayStation 4!

Aprendo la beta siamo stati accolti da una scelta piuttosto insolita, ovvero quella di un avatar. Avete capito bene, un avatar che ricorda molto la scelta apportata dall’altro importante brand nipponico in campo videoludico, Nintendo, con la creazione dei Mii. In questa beta ci sono sei avatar predefiniti (appartenenti ai mondi di Dragon Ball, One Piece e Naruto), ma si tratta di una soluzione provvisoria. Molto probabilmente sarà possibile creare il proprio avatar avendo a disposizione una moltitudine di accessori e di alternative estetiche.

Verremo quindi catapultati in un enorme hub, nel quale sarà possibile dialogare con determinati NPC appartenenti ai vari mondi animati e iniziare a giocare. Nella beta era possibile solamente dedicarsi agli scontri online e a battaglie contro una CPU dalla difficoltà preimpostata, ma fra le varie alternative abbiamo notato il negozio (sia di gioco che premium, quindi attenzione a questa variabile), la modalità a missioni, eventi, clan e un luogo chiamato ricompense.

Non sappiamo il risvolto che possa avere questa selezione di voci in JUMP Force, ma una delle nostre paure è che possa abbracciare lo stile ormai lanciato dai giochi mobile, con missioni giornaliere, ricompense per i tornei PvP online, eventi a tempo limitato e un negozio premium che velocizza l’acquisizione di alcuni fattori determinanti o ne garantisce l’accesso ad altri esclusivi. Abbiamo parlato con tutti gli NPC appostati in zona, e in particolar modo ci ha colpito ciò che ci ha riferito Naruto, vale a dire che possiamo reclutare molti alleati al nostro esercito per diventare sempre più forti. Questo ci fa quindi intuire che partiremo con un roster piuttosto ridotto, per andarlo ad ampliare con il proseguo della nostra avventura.

Aggiungiamo una dimensione

Innanzitutto è il caso di fare il punto sullo stile grafico. Il titolo è stato programmato con il motore grafico Unreal Engine 4, lo stesso utilizzato, ad esempio, per Street Fighter V, Spyro Reignited Trilogy e Marvel vs. Capcom Infinite. Proprio da quest’ultimo riteniamo che JUMP Force abbia preso maggior ispirazione a livello grafico. I personaggi appartengono tutti a serie animate e a fumetti, e la loro riproposizione con questo engine li rende più realistici e con un ottimo effetto tridimensionale (molto simile a quello visto in Dragon Ball Xenoverse 2, sviluppato con Yebis 2).

Nessuna note di merito invece per la colonna sonora, per ora solamente abbozzata seppur ispirata totalmente alle saghe da cui prende spunto. Siamo rimasti spiazzati da come questo titolo ci abbia proiettato in un picchiaduro senza neanche darci una lista dei comandi. Ci saremmo aspettati un breve tutorial, ma in assenza di questo almeno un menù dei comandi sarebbe stato ben accetto. Niente di tutto questo, ci siamo arrangiati con il nostro intuito.