Dopo l’affascinante notte degli Oscar, anche noi di PlayStationBit abbiamo voluto, nel nostro piccolo, assegnare i premi ai più meritevoli in ambito videoludico. Un’occasione perfetta per svelare i vincitori dei nostri PlayStationBit Awards 2018, insomma.

Nell’apposito album pubblicato su Facebook sono infatti terminate le votazioni, grazie alle quali avete decretato i migliori videogiochi dello scorso anno. Seppur con qualche categoria in meno rispetto all’edizione precedente, scelta pensata al fine di concentrare i voti e rendere la formula più interessante e accessibile, ancora una volta è stata enorme la vostra partecipazione. Prima di partire quindi, un grande ringraziamento a tutti quelli che hanno votato e contribuito attivamente a questo ormai consueto appuntamento degli Awards.

Senza dilungarci oltre, vi lasciamo ai risultati finali, decretati dai vostri voti!

Gioco più atteso del 2019

And the winner is… dopo anni e anni di attesa, Kingdom Hearts III (158 voti). Una vittoria abbastanza scontata, anche considerando che il gioco era in uscita a giorni al momento delle votazioni e l’hype era ormai alle stelle. Secondo posto per The Last of Us Parte II (139 voti) che comunque arriva molto vicino alla vetta, a differenza degli altri titoli in gara che non superano, spesso, i cinquanta voti: Crash Team Racing Nitro Fueled (51 voti), Devil May Cry 5 (26 voti), Sekiro: Shadow Die Twice (16 voti) e infine Anthem, con soli 7 voti.

Miglior trama

La narrativa è una componente fondamentale in un videogioco, anche se negli ultimi anni qualcuno ha provato a farla passare in secondo piano con l’avvento del multiplayer online. A darsi battaglia per questo riconoscimento sono stati principalmente Detroit: Become Human (100 voti) e Red Dead Redemption 2 (86 voti), con Dragon Quest XI (31 voti) e Yakuza 6: The Song of Life (12 voti) che restano in disparte, lontani dai primi due.

Miglior Platino

Ormai lo sapete, abbiamo una passione e un’attenzione speciale per i trofei. Molto probabilmente, se ora ci state leggendo è perché anche voi siete dei cacciatori incalliti; è per questo che abbiamo deciso di premiare i migliori trofei di Platino dell’anno. Con quale criterio abbiamo scelto le nomination? Dal più ambizioso, originale e gradevole, fino a quello che ci ha lasciato incollati allo schermo divertendoci, senza troppe frustrazioni, e che ha strappato un sorriso sulle labbra una volta ottenuto. A vincere è Padre e Figlio (80 voti) di God of War, seguito dal Platino di Spyro Reignited Trilogy, La Dipartita di Nasty (53 voti). Più in basso Anima Oscura (20 voti) del sempreverde Dark Souls RemasteredLeggenda del West (13 voti) di Red Dead Redemption 2.

Sorpresa dell’anno

Titoli che non partivano con i favori del pronostico, ma che hanno saputo conquistare e stupire giocatori e addetti ai lavori; sono loro i nominati nella categoria Sorpresa dell’anno. In una sfida quasi alla pari a trionfare è Dead Cells (15 voti), affiancato da Astro Bot Rescue Mission (14 voti) e Celeste (13 voti). Ultimo posto invece per Owlboy, con appena 4 voti.

Delusione dell’anno

Tanta attesa per ritrovarsi tra le mani un titolo non all’altezza, incompleto o pieno di bug; il vincitore di questo poco lusinghiero premio è, a furor di popolo, Fallout 76 (77 voti). Da Metal Gear Survive (20 voti), The Quiet Man (16 voti) e Battlefield V (14 voti), invece, almeno giudicare dai voti ricevuti, il pubblico non è rimasto particolarmente scottato.

Miglior grafica

L’occhio vuole la sua parte e i giocatori questo lo sanno bene. Il comparto grafico e artistico è sempre più importante e in questa categoria abbiamo scelto quattro giochi che, per realizzazione tecnica o originalità, ci hanno tenuti incollati al televisore. A contendersi il primo posto ci sono i soliti volti noti, ma a vincere è God of War (107 voti), con Red Dead Redemption 2 (75 voti) che deve accontentarsi della seconda posizione. Terzo posto per Marvel’s Spider-Man (18 voti) e ultimo per Dead Cells (2 voti).

2 COMMENTI

Comments are closed.