Sviluppatore: Corecell Technology Publisher: PQube Piattaforma: PS4 Genere: Action RPG Giocatori: 1 PEGI: 12 Prezzo: 29,90 €

Nonostante il non esaltante successo ottenuto dal primo capitolo di AeternoBlade, uscito nel 2014 per Nintendo 3DS e PlayStation Vita, Corecell Technology e PQube Games ritentano la fortuna con il suo seguito diretto, AeternoBlade II, che si presenta come un more of the same del suo predecessore, con qualche naturale, ma solo sporadica, novità, e tanti problemi rimasti ancora irrisolti.

aeternoblade 2

Una trama poco avvincente

L’incipit della storia di AeternoBlade II non è dei più originali. Al contrario, iniziando l’avventura, si avrà la sensazione fin da subito di essere davanti a qualcosa di semplice e di già visto. La vicenda è ambientata non molto tempo dopo gli eventi del primo capitolo, e vestirete ancora una volta i panni dell’eroina Freyja, che sarà chiamata a sventare un nuovo pericolo che mette a serio rischio l’incolumità e l’equilibrio temporale del suo universo, questa volta, però, assieme ad altri due personaggi, Felix e Bernard, che rappresentano di fatto l’unica novità degna di nota del titolo. Anche andando avanti nel gioco la trama fatica a ingranare, e molto difficilmente vi ritroverete presi o coinvolti dagli eventi, a causa di una sceneggiatura scontata e piena di cliché narrativi, e di personaggi anonimi e poco carismatici che fanno poco per entrare nel cuore del giocatore.

Confusione ludica…

Sul fronte ludico, il titolo si presenta come un action in due dimensioni, con varie sezioni di platforming, puzzle ambientali ed elementi GdR e metroidvania, senza talvolta disdegnare una visuale in terza persona dietro le spalle del personaggio. E’ solo in quest’ultimo caso che la telecamera diviene mobile a piacimento del giocatore, ma non senza problemi legati alla sua gestione, in quanto non saranno rari i casi in cui alcuni elementi dell’area di gioco ingombreranno anche abbondantemente il vostro monitor, rendendovi difficile capire cosa stia succedendo. Ciò è ulteriormente aggravato da un problema legato proprio agli spazi in cui agirete, che risulteranno spesso molto ristretti rispetto al numero di nemici a schermo. A questi vanno aggiunti, in alcune situazioni, anche personaggi che dovrebbero fungere da aiuto, ma che il massimo che faranno sarà confondervi e non farvi capire esattamente che fine abbia fatto l’avatar di cui siete in controllo.

aeternoblade 2

Come detto in precedenza, però, la principale novità di AeternoBlade II risiede nella presenza di altri due personaggi giocabili oltre Freyja, che aggiungono un pizzico di varietà in più al gameplay. Questo prevede i classici salto e doppiosalto, schivate, attacchi leggeri e pesanti, spazzate, che potrete unire in varie combo, che possono essere studiate in una sorta di codec, ma delle quali farete spesso e volentieri a meno. Né con particolari effetti a schermo né tramite vibrazioni del DualShock 4 avrete feedback di alcun tipo, facendo piazza pulita dei nemici. Il tutto si traduce in un gameplay alla lunga abbastanza ripetitivo e monotono, composto quasi esclusivamente da un forsennato button mashing di uno o due tasti al massimo che non farà la felicità dei vostri pad.

La protagonista principale è il personaggio più utilizzato nel corso dell’avventura e, tra i tre, è il più equilibrato in termini di forza, velocità e raggio dell’arma. Con Felix e Bernard, invece, la situazione cambia leggermente. Se il primo rappresenta l’alternativa che aggiunge più verticalità all’avanzamento, meno efficace nel buttare giù i nemici, ma più rapido e dal raggio d’azione più ampio, con il secondo potrete infliggere molti più danni grazie alla sua pesante ascia, a discapito, però, di agilità e una minore area di gioco da poter coprire con i vostri colpi. Ognuno dei personaggi avrà poi una propria mossa definitiva da utilizzare esclusivamente solo una volta ricaricata l’apposita barra, che si riempirà gradualmente assieme ai colpi da voi inferti.

aeternoblade 2

Gli eroi del titolo di Corecell Technology, inoltre, hanno a disposizione un potere magico che permette di controllare il tempo grazie al loro AeternoBlade. Consumando la barra del mana, e a seconda del personaggio che starete utilizzando, tramite la pressione del grilletto sinistro in combinazione con un altro tasto (che cambierà in base al potere che vorrete utilizzare), potrete bloccare completamente il tempo per colpire indisturbati i nemici, riavvolgerlo per recuperare la salute e porre rimedio ad azioni sbagliate, o ancora per risolvere puzzle ed enigmi ambientali. Questi ultimi risultano la componente più riuscita del titolo, grazie anche a un discreto level design, pur senza mai eccellere in originalità.