Sviluppatore: Rock Nano Global Publisher: Maximum Games Piattaforma: PS4 Genere: Boardgame Giocatori: 1-2 (Online: 2-4) PEGI: 12 Prezzo: 19,99 €

La giusta intuizione può portare a un successo oltre ogni aspettativa. Proprio il successo spinge però sempre più produttori a investire su una tipologia di gioco specifica, proprio come Rock Nano Global con ArmaGallant: Decks of Destiny.

Questione di gusti

La matematica dice che la somma di due addendi positivi non può che generare un risultato positivo. Da questa regola deve essersi probabilmente originata l’idea iniziale alla base di ArmaGallant, titolo deck-building che mischia meccaniche tipiche dei giochi di carte a quelle dei MOBA e dei RTS. Tutti coloro che si aspetteranno una storia degna di spiegare il legame tra le varie creature che andremo a evocare rimarrà purtroppo deluso; non appena avviato il gioco, questo ci lancerà subito in una serie di tutorial volti a spiegarci le dinamiche e permetterci subito di lanciarci nell’azione.

ArmaGallant, a onor del vero, vizia i giocatori offrendo spiegazioni molto dettagliate, con esempi pratici e soprattutto una partita di prova (ripetibile all’infinito) perfetta per prendere la mano e prepararsi alla lotta. Faremo così la conoscenza delle varie tipologie di carte che compongono i mazzi, molto genericamente divisibili in creature e incantesimi, e soprattutto del sovracitato mix di generi che sarà il filo conduttore della nostra esperienza. Vediamo quindi assieme più nel dettagli come si svolgerà una partita di ArmaGallant.

Conquista i monoliti

ArmaGallant è come detto un deck-building game che metterà due avversari uno di fronte all’altro. Alla base del gioco troviamo, oltre alle carte, i monoliti, strutture circolari che dovremo conquistare per poter intaccare i punti vita del competitor. Ogni monolite conquistato ci permetterà di infliggere danni al nemico; possedere più monoliti si tradurrà in un maggior numero di danni inflitti con il passare del tempo e dunque una vittoria più rapida.

La conquista di questi punti focali sarà affidata alle nostre carte truppa; spendendo infatti una certa quantità di mana, ossia l’energia a nostra disposizione, potremo evocare sulla mappa di gioco un gruppo di guerrieri dotati di una barra di salute e di una precisa tipologia di attacco che potremo muovere e utilizzare in combattimento. Ogni carta sarà dotata di una certa tipologia di attacco, come ad esempio mischia o distanza, e soprattutto apparterrà a uno dei cinque elementi (acqua, fuoco, terra, oscurità e luce) da tenere in considerazione quando andremo a costruire il nostro mazzo. Oltre alle truppe, infatti, il nostro mazzo potrà contenere delle carte incantesimo che potranno essere utili per infliggere danno ai nemici, a curarci oppure a fornire un boost a un dato elemento per un periodo limitato.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
6/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteArriva Desert Child, corse in bici a ritmo di hip hop
Prossimo articoloL’aggiornamento del PlayStation Store del 12 novembre: tutti i nuovi giochi e DLC
Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.