Sviluppatore: Bandai Namco Publisher: Bandai Namco Piattaforma: PS4 Genere: Azione Giocatori: 1 (Online: 2-8 online) PEGI: 12 Prezzo: 59,99 €

Bandai Namco ha da sempre dedicato gran parte delle proprie risorse per l’acquisizione e la creazione di giochi dedicati agli anime più in voga del momento. Dopo il buon lavoro fatto registrare con Naruto to Boruto: Shinobi Striker, i ragazzi di questa software house si sono lanciati nella produzione di alcuni titoli dedicati alle nuove opere del panorama dei battle shonen. Dopo la “fine” di Naruto, infatti, si è creato un grande vuoto che con il tempo sta venendo colmato da opere come My Hero Academia e, appunto, Black Clover.

Scritto e disegnato da Yūki Tabata, Black Clover ha fatto il suo debutto sulle pagine di Weekly Shonen Jump nel 2015 e ha subito saputo attirare su di sé molti fan dei cercoteri, fan rimasti purtroppo senza punti di riferimento. Bandai Namco ha quindi raccolto al volo questa possibilità, regalandoci un titolo che si discosta molto da quanto proposto in passato, sia in termini di gameplay che di storyline. Afferrate quindi il vostro grimorio e preparatevi a fare la conoscenza di Asta e della sua combriccola di combattenti.

No magia, no party!

Nel mondo di Black Clover la magia regola ogni cosa. I maghi più forti sono a capo della società e si occupano della protezione e della crescita del popolo, mentre i più giovani sognano di diventare un Imperatore dei maghi. In tutto questo ha trovato posto Asta, un giovane combattente senza alcuna abilità. Proprio come la serie prodotta da Masashi Kishimoto, questa particolare caratteristica del nostro protagonista provoca, nella gente del suo villaggio, un senso di paura poiché vista come un cattivo auspicio.

Il giovane Asta, insieme all’amico/rivale Yuno, è comunque determinato a diventare un abile combattente e, grazie a una particolare spada capace di assorbire gli incantesimi, inizierà il suo viaggio come membro del Toro nero, una gilda composta dai maghi che nessuno vuole. Bandai Namco ha voluto questa volta puntare su qualcosa di nuovo e questo ha portato alla stesura di una trama inedita, anche se non completamente slegata dal filone principale. Asta e il suo gruppo, comandato dal prestante capitano Yami, se la vedranno infatti con una minaccia proveniente dal passato. Lord Freese, ucciso molti anni prima da un gruppo di nobili, e sua figlia Karna cercheranno vendetta contro quelle famiglie che hanno contribuito alla loro caduta.

La storia proposta in Black Clover Quartet Knights si dimostrerà, nonostante la breve durata, molto interessante e avvincente. Bisogna dire però che in questa opera verrà messa completamente da parte la rivalità con Yuno, relegato a semplice comparsa, così come molti dei personaggi che nell’anime ricoprono un ruolo chiave verranno completamente dimenticati o, nei casi più fortunati, semplicemente citati.

La campagna principale, composta da una decina di missioni che tramite un espediente narrativo dovranno essere giocate due volte, potrà essere completata in una manciata di ore. Tutto questo perché la modalità storia ha la funzione di semplice tutorial, al fine di buttarsi, una volta completata, nel più ostico mondo dei combattimenti online.