Sviluppatore: Tamsoft Publisher: Bandai Namco Piattaforma: PS4 Genere: Sport Giocatori: 1-4 (Online: 2-4) PEGI: 7 Prezzo: 59,99 €

Per celebrare al meglio uno dei manga sportivi più apprezzati di sempre, Bandai Namco e Tamsoft portano su PlayStation 4 Captain Tsubasa: Rise of New Champions. Abbiamo indossato gli scarpini e ci siamo schierati a fianco del mitico Tsubasa Ozora per una spettacolare recensione.

captain tsubasa rise of new champions

Che campioni, Holly e Benji

Gli appassionati di manga e anime con qualche decade sulle spalle ricorderanno la trasposizione italiana di Captain Tsubasa che, come vi abbiamo svelato in un ricco speciale, narra le vicende di Tsubasa Ozora, un giovane appassionato di calcio che fin dalle elementari si fa notare per le sue qualità e per il suo innato senso del gol. Tsubasa si lancia in un’avventura costellata di rivalità con altri giocatori fortissimi, tra cui il portiere Genzo Wakabayashi e l’attaccante Kojiro Hyuga.

Captain Tsubasa: Rise of New Champions porta su console il famoso manga, cercando di ricalcarne lo spirito e offrendo ai giocatori un titolo arcade senza compromessi, fatto di tiri a effetto e parate acrobatiche. Potremo scegliere sia di seguire le orme di Tsubasa che la storia di un personaggio creato da noi nella modalità Il Viaggio, oppure sfidare i nostri amici in locale e online nella modalità Versus, creando persino il proprio Dream Team ideale.

Partiamo proprio da Episode: Tsubasa, il ramo della campagna principale dedicata al campione nipponico che parte in medias res, offrendo uno scontro tra Giappone e Germania a cui seguiranno, in una sorta di flashback, le vicende dell’ultimo anno di scuola del calciatore, raccontate tramite una serie di dialoghi a schermo tradotti in un buon italiano alternati alle partite più importanti viste nel manga. Episode: Tsubasa fa in tutto e per tutto da introduzione al gioco tanto che, nelle sue due ore circa di durata, è costellato di tutorial che spiegano al giocatore come utilizzare le straordinarie mosse viste nel manga per avere la meglio sui nostri avversari.

captain tsubasa rise of new champions

Calcio d’inizio

La struttura dei comandi di Captain Tsubasa ricalca quella dei classici giochi calcistici, permettendo di eseguire passaggi corti, lunghi e filtranti oltre che tirare e intervenire in difesa con i tasti frontali. A quelli dorsali è affidata la possibilità di scattare, eseguire dribbling e di attivare la Zona V, una funzione speciale che, una volta disponibile, permetterà per alcuni momenti di ottenere un bonus in Spirito, la barra di energia, oppure di eseguire parate speciali e infallibili.

La grande differenza tra i classici simulatori e Rise of New Champions risiede proprio nel suo spirito arcade dato che, nascoste sotto una struttura volutamente semplice e priva di tatticismi, troviamo meccaniche, tra cui quelle legate ai tiri speciali, alle combinazioni tra giocatori e ai dribbling che, nonostante una generale ripetitività, saranno sempre di grande effetto. Tamsoft ha infatti riservato particolare cura alla riproduzione delle mosse più famose del manga, come il Tiro della Tigre o il Tiro Guidato, creando addirittura scenette speciali per rievocare i momenti più esaltanti della storia, come ad esempio il primo gol subito per colpa della micidiale Catapulta Infernale dei gemelli Tachibana.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
Articolo precedenteRide 4, il nuovo trailer è incentrato sulla modalità carriera e sull’intelligenza artificiale
Prossimo articoloLe guide ai trofei per PlayStation Plus e PlayStation Now di settembre
Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.

2 COMMENTI

Comments are closed.