Sviluppatore: Brad Erkkila Publisher: Ratalaika Games Piattaforma: PS4 (disponibile anche per Mobile) Genere: Azione/Avventura Giocatori: 1 PEGI: 7 Prezzo: 4,99 €

Ogni buon cacciatore di trofei che si rispetti conosce la famigerata Ratalaika Games in quanto azienda creatrice di videogiochi veloci e stupidamente semplici da “platinare”. Castle Pals non fa eccezione, anzi, si conferma come uno dei trofei di Platino che i videogiocatori potranno aggiungere alla loro bacheca più facilmente. Ecco la nostra recensione.

Castle Pals

Toh, guarda, un castello inquietante… entriamoci!

Certo Castle Pals non brilla per una trama emozionante e avvincente, ma quantomeno c’è da riconoscere che gli sviluppatori hanno tentato di dare un senso al videogioco; che poi questo incipit sia futile e privo di mordente, non è un’opinione. Fatto sta che Kylee e Owen, fratello e sorella, si imbattono in un castello e decidono di esplorarlo. Tutto qua. I due si faranno strada velocemente attraverso tutto il castello fino ad arrivare ad affrontare il mostro che ne è padrone, una sorta di boss finale, con la cui sconfitta si lasceranno alle spalle la fortezza. Nient’altro da segnalare.

In Castle Pals non c’è molto da fare. Il videogioco è diviso in tre atti, a loro volta divisi in molteplici livelli. Il videogiocatore affronterà la metà di essi impersonando Kylee, la sorella, e l’altra metà controllando Owen, il fratello. Stiamo parlando di un’avventura a schemi platform in cui dovremo evitare trappole e malmenare nemici più o meno strani. C’è una parola da tenere a mente che fa da colonna portante per l’intera struttura del videogioco: semplicità. I sopracitati schemi platform non saranno mai neanche lontanamente impegnativi e i nemici non costituirebbero una reale minaccia, in nessuna circostanza, neanche per un gatto con un controller in mano.

castle pals

Utilizzando la ragazza, Kylee, il videogiocatore potrà letteralmente prendere a pugni i nemici, oltre al convenzionale metodo del saltare sopra la testa degli stessi per sconfiggerli, pertanto i livelli in cui è protagonista Kylee saranno più improntati a menar le mani. Al contrario, quando ci troveremo a controllare Owen potremo solamente svolazzare in giro grazie al cappello a elica di cui è provvisto il simpatico ragazzo, per cui i suoi livelli saranno più indirizzati verso lo scongiurare le trappole del castello.

Tenendo a mente che il livello di sfida complessivo di Castle Pals è tremendamente basso, il videogiocatore non avvertirà mai il senso del pericolo o della sfida, pertanto un buon modo di svagarsi con Castle Pals è… videogiocare mentre si fa altro, come, ad esempio, ascoltare l’ultimo album del gruppo preferito.

castle pals
1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
5/10
Articolo precedenteLet’s Sing presents Queen, annunciata la lista dei brani presenti nel gioco
Prossimo articoloGravity Heroes, diamo uno sguardo alla modalità versus
Valerio Domenici
Instancabile videogiocatore sin dalla più tenera età, non ha mai smesso di coltivare la propria passione. Detesta i giochi sportivi e si narra che stia ancora cercando l'ultimo collezionabile in Hyper Light Drifter...