Sviluppatore: Eden Industries Publisher: SEGA Piattaforma: PS4 Genere: Gioco di Ruolo Giocatori: 1 PEGI: 12 Prezzo: 14,99 €

Nel 2015 Eden Industries dava alla luce un progetto che aveva fallito nella raccolta fondi su Kickstarter, ma che aveva trovato la fiducia di Atlus. Citizens of Earth si presentò come un gioco di ruolo vecchio stile, improntato a esplorazione, grinding e combattimento a turni e condito di un’abbondante dose di ironia, ma incapace di superare la mediocrità nei giudizi della critica internazionale. A quattro anni di distanza lo sviluppatore canadese torna a esplorare il genere e arricchisce la serie estendendone gli orizzonti oltre la Terra, con il Citizens of Space che ci apprestiamo a recensire.

Qualcuno ha visto il mio pianeta?

Il gioco non si dilunga troppo prima di coinvolgerci e introdurci alla storia. Prendiamo infatti il controllo dell’ambasciatore della terra presso la Federazione Galattica, a cui, come da tradizione della serie, possiamo dare liberamente un nome. Arrivato in questa sorta di ONU interplanetario, il nostro tronfio protagonista fa le sue prime conoscenze: un assistente, una sorta di marinaio spaziale, un robot. Ma i rappresentanti della Federazione lo aspettano in consiglio.

Dopo una rapida esplorazione dell’ambiente che ci circonda – facoltativa, in quanto possiamo anche dirigerci direttamente verso il nostro obiettivo, anche se così facendo perderemmo molto di ciò che il titolo ha da offrire – arriviamo alla riunione, dove ci presentiamo a un auditorium tutt’altro che amichevole. Giunti al culmine del discorso, mostriamo un’immagine del nostro amato pianeta solo per scoprire con orrore che è scomparso. Quale miglior missione per un neo-ambasciatore straripante d’ego che salvare la sua amata Terra? Meglio ancora se ad affiancarlo c’è un esercito di strambi cittadini spaziali pronti a combattere al suo posto.

Un GdR con combattimento a turni

Chi conosce Citizens of Earth non ha bisogno di sapere che anche il suo seguito rientra nello stesso genere: un gioco di ruolo tradizionale basato su esplorazione, dialoghi e combattimento a turni. Le prime due caratteristiche divengono evidenti fin dai minuti iniziali, quando l’assistente ci invita in consiglio ma il gioco ci lascia liberi di muoverci dove e come vogliamo. La Federazione Galattica, e così tutte le altre location che visiteremo, è ampia, strutturata, quasi labirintica, stracolma di personaggi secondari, nemici e oggetti nascosti che ci fanno abbandonare la via diretta verso l’obiettivo per perderci nelle sotto-trame e nella ricerca di materiali e denaro.

Il combattimento viene introdotto poco più tardi, dopo la scoperta della sparizione della Terra, ed è uno degli aspetti migliori del gioco. Parliamo di un sistema a turni classico, nel quale i cittadini che abbiamo reclutato e che sono idonei alle battaglie affrontano uno o più nemici contemporaneamente. Nella fase di attacco possiamo scegliere tra diverse categorie e tra diverse azioni per ognuna, sia in senso offensivo che in senso di protezione o potenziamento della nostra salute, in base ai punti energia spendibili che abbiamo a disposizione. In ogni caso, portare a compimento l’azione passa per un minigioco, più simile a un QTE a dire il vero, nel quale premere tasti al momento giusto per massimizzare l’effetto.

In fase di difesa, subiremo sì l’azione nemica, ma potremo contrastarne la portata in termini di danno con un altro QTE che consiste nel premere con tempismo un tasto a comparsa casuale: più saremo precisi, meno saranno i punti salute persi. In nostro soccorso arriva anche il protagonista, che possiamo usare per fornire ai cittadini cibo o altri oggetti di potenziamento, spesso fondamentali, o per attuare mosse politiche in modo da facilitare il combattimento. Non solo, ma altri cittadini non utilizzabili in battaglia possono essere impostati in modo da coadiuvare e sostenere i nostri “guerrieri”, il che dà un’idea della complessità e della varietà di situazioni che si possono creare.

Avere successo in uno scontro determina la conquista di denaro, oggetti e soprattutto punti esperienza, che permettono di far salire di livello i cittadini e di aumentarne le statistiche. Solo potenziandoli, infatti, potremo prendere parte alle battaglie più difficili senza morire miseramente. Per questo, al termine di un combattimento è possibile sia uscire, se non vogliamo perdere tempo, sia avanzare a una fase successiva in cui i nemici aumentano, per avere la possibilità di accumulare più esperienza.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
Articolo precedenteDreams: Media Molecule sta pensando a come ricompensare i creatori
Prossimo articoloForager: annunciata l’edizione fisica
Avatar
Classe ’85, divido il tempo tra la moglie e i tre figli e le più svariate passioni. Amo la lettura, la scrittura e i videogiochi e recito dal 2004 con l'Associazione Culturale VecchioBorgo. Eterno bambino, amo la vita e guardo sempre allo step successivo, soprattutto se è più in alto del precedente.