Sviluppatore: Uppercut Games Publisher: Uppercut Games Piattaforma: PS4 Genere: Roguelike Giocatori: 1 PEGI: 12 Prezzo: 19,99 €

Quando un team riesce a creare un brand di successo diventa difficile abbandonarlo per dedicarsi a qualcosa di completamente nuovo. Questa linea di pensiero non sembra essere quella dei ragazzi dietro all’eccellente BioShock, che si sono lanciati in una nuova avventura con City of Brass.

La città d’ottone

I più attenti di voi si saranno accorti, consultando la scheda del gioco, che il team responsabile di City of Brass non è lo stesso dietro a BioShock (Irrational Games) bensì Uppercut Games, compagnia che ha però incamerato membri dello staff del titolo 2K. Da questo eterogeneo gruppo di sviluppo è nato City of Brass, rogue-lite in prima persona nel quale saremo chiamati a esplorare la Città d’ottone cercando di portare a casa la pelle e magari qualcuno dei meravigliosi tesori nascosti.

La trama di gioco, come potrete immaginare, è piuttosto semplice. Il protagonista sarà un eroe senza macchia e senza paura che si lancerà nella città armato di una spada e di una frusta pronto ad affrontare mostri e trappole di ogni tipo per superare un totale di tredici livelli di difficoltà crescente. Una sconfitta, come in ogni roguelike che si rispetti, ci obbligherà a ricominciare la nostra avventura da zero, perdendo tutti i potenziamenti e gli oggetti accumulati nel corso della nostra partita ma permettendoci di maturare esperienza, sia fisica che virtuale. Se insomma cercate storie coinvolgenti e trame arzigogolate, non le troverete in questo titolo che punta tutto sul divertimento, sull’azione e sulla morte.

Frusta che ti passa

Per riferirci a City of Brass abbiamo utilizzato non a caso il termine rogue-lite, che indica titoli che sfruttano i concetti tipici dei roguelike ma ne rielaborano o stravolgono alcune meccaniche per offrire un prodotto fresco e innovativo. Una delle variazioni sul tema che il giocatore noterà a partire dall’esaustivo tutorial pronto a spiegarci i comandi di gioco, sarà la visuale in prima persona; proprio come negli sparatutto, a schermo vedremo solo le mani – o per meglio dire le armi – del protagonista. La dotazione iniziale del nostro eroe sarà composta da una spada e da una frusta, utilizzabili la prima per infliggere danni, la seconda per stordire i nemici, far scattare trappole e utilizzare congegni.

Proseguendo nell’esplorazione, al giocatore verrà data poi la possibilità, investendo denaro, di acquistare dai mercanti delle migliorie o dei nuovi pezzi di equipaggiamento, così come alleati o bonus per i livelli. Pur non stravolgendo le meccaniche base del titolo, quindi, ogni partita risulterà diversa da quella precedente sia grazie alla generazione casuale di scenari e di oggetti recuperabili, sia grazie alle scelte del giocatore, che potrebbe optare per equipaggiamenti o bonus diversi in base allo svolgimento della partita.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteFIFA 19: diamo uno sguardo alle novità della modalità Calcio d’inizio
Prossimo articoloYakuza Kiwami 2 conquista la stampa internazionale
Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.