Sviluppatore: Daedalic Entertainment Publisher: Daedalic Entertainment Piattaforma: PS4 (disponibile anche per Mobile) Genere: Punta e Clicca Giocatori: 1 PEGI: 16 Prezzo: 19,99 €

Harvey ha detto di no

Un altro elemento che rende Harvey’s New Eyes un punta e clicca atipico è il suo stile narrativo, lineare ma incentrato sui divieti che gli adulti daranno alla protagonista Lilli e che la stessa dovrà superare. Di tanto in tanto infatti al giocatore verrà impedito di eseguire determinate mosse, necessarie per proseguire, a causa della comparsa di un coniglio blu che ricorderà alla ragazza le sue interdizioni. A questo punto sarà possibile entrare in aree oniriche in cui l’elemento gotico del gioco sarà ulteriormente amplificato e nelle quali Lilli potrà superare le proibizioni completando una serie di richieste e sbloccando le intransigenze in una ruota delicata che aggiungerà un ulteriore elemento di puzzle all’avventura. Per poter compiere alcune azioni sarà necessario ricordarsi di selezionare la giusta disobbedienza, come ad esempio la possibilità di giocare con il fuoco o di mentire.

La volontà di aggiungere un elemento inedito all’avventura si perde però nel ridotto numero di volte in cui tale funzione verrà utilizzata. Al termine di una storia dalla durata decisamente breve, circa quattro ore, ognuno dei numerosi poteri verrà utilizzato al massimo un paio di volte. Un’occasione sprecata.

edna and harvey new eyes

Stile Daedalic

Nelle prime fasi della nostra recensione abbiamo sottolineato come non fosse necessario aver giocato il primo capitolo di Edna & Harvey per apprezzare la storia. La scelta di Daedalic è stata quella di creare una storia parallela a quella principale, volta probabilmente a unire i personaggi in un eventuale terzo capitolo. Per quanto encomiabile, però, questa scelta potrebbe rendere il gioco insapore a chi ha imparato ad apprezzare i numerosi riferimenti che gli sviluppatori fanno alle loro opere più di successo, qui quasi del tutto assenti. Molto valido è invece il comparto grafico, che non si discosta dallo stile visto in opere come The Whispered World e nello stesso Deponia, anche se alcune ambientazioni e soprattutto alcuni personaggi, come la madre superiora oppure la stessa Lilli, sono più curati e caratterizzati di altri. Orecchiabile la colonna sonora, che ha il merito di non assalire mai il giocatore lasciandogli spazio per pensare, mentre il doppiaggio è decisamente sottotono e non si farà mai ricordare per qualità, complice anche l’assenza della lingua italiana.

Pressoché nulla la rigiocabilità del titolo. Terminata la campagna della durata di quattro ore abbondanti non ci saranno motivi (se non i trofei) per rimettere mano al titolo, dato che non ci saranno minigiochi extra o collezionabili da raccogliere.

Trofeisticamente parlando: gli occhi della tigre

La lista trofei di Edna & Harvey: Harvey’s New Eyes, come in ogni buon punta e clicca che si rispetti, nasconde numerose coppe mancabili legate a specifiche azioni da compiere all’interno del gioco. Oltre a questo, molte azioni dovranno essere ripetute svariate volte, come cambiare potere o navigare in sezioni di gioco. Richieste noiose per un Platino ottenibile comunque in una manciata di ore sfruttando la nostra immancabile guida ai trofei.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
6/10
Articolo precedenteDisintegration gratis su PlayStation 4 per il week-end
Prossimo articoloCuphead su PlayStation 4 è ufficiale, ecco il trailer di lancio
Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.