Sviluppatore: Zepetto Publisher: Zepetto Piattaforma: PS4 Genere: Endless Runner Giocatori: 1 PEGI: 7 Prezzo: 7,99 €

Il mondo videoludico casalingo sta cambiando. Sempre più persone confrontano i giochi per i dispositivi mobili con quelli di una console dedicata e viceversa. Il mercato si sta allargando e offre, alcune volte, eccezionali capolavori tramutati in giochi da salotto. Oppure l’opposto. Questo è il caso di Flying Bunny, un mix tra uno shoot ’em up e un endless runner, creato dalla software house sudcoreana Zepetto. Si vede tutta la buona volontà di distinguersi dalla massa sotto il lato tecnico per dare vita allo sparatutto a scorrimento definitivo; tuttavia questo potrebbe non bastare a produrre un gioco accattivante e divertente allo stesso tempo.

Coniglietta volante

Flying Bunny non ha una storia di fondo in grado di amalgamare il gameplay con una sceneggiatura ben definita. Si comincia a giocare fin da subito, a capo chino e con il controller tra le mani. Una volta superata la schermata iniziale del menù e selezionata l’unica modalità di gioco disponibile, ci ritroviamo davanti alla scelta del personaggio. Inizialmente quelli disponibili saranno tre: Bunny, la protagonista principale, una coniglietta; Ringring, una stravagante maid dai capelli rosa; e Jey, una classica scolaretta noir. A seguito della scelta fatta, dovremmo decidere quali saranno gli animali che ci terranno compagnia durante il volo. E’ possibile sceglierne uno di tipo passivo, ovvero che attaccherà i nemici assieme a noi di sua spontanea volontà, e uno di tipo attivo, che attiverà delle abilità solamente dopo un nostro specifico comando. Le abilità possono essere offensive, aumentando a dismisura il danno provocato agli avversari, oppure di supporto, in grado di riacquistare vite o potenza di fuoco. La scelta del compagno al nostro fianco è limitata a due per tipo durante le prime uscite tra i cieli, mentre sarà possibile sbloccarne altri una volta che verranno sconfitti i boss.

Come ultima attività decisionale, sarà possibile attivare due tra i cinque vantaggi disponibili. I perk sono: start booster, che permetterà uno sprint iniziale fino alla fine del primo livello; power candy, che aumenterà il danno inflitto ai nemici; blessing of candy core, che ci difenderà dal primo attacco subito dai nemici, extra hit point, che ci regalerà una vita in più a inizio partita; e resurrection, che ci farà risorgere una volta finite le vite in nostro possesso. Una volta concluse le attività di preparazione, possiamo prendere la scopa in mano e partire verso nuove e fantastiche avventure.

A caccia di dolci

Le emozionanti dinamiche di Flying Bunny non sono nuove e, quasi certamente, potremmo paragonarlo a nomi celebri arrivati su PlayStation 4 come il classico Jetpack Joyride. Le meccaniche di gioco sono immediate e perfino banali. L’unica azione disponibile per controllare il personaggio è, appunto, schiacciare un bottone per prendere quota e non fare nulla per abbassarsi. Fine. Non è possibile muoversi liberamente per tutta la schermata, ma solamente spostarsi verticalmente.

L’obiettivo è quello di sopravvivere il più possibile, acquisendo il maggior numero di monete e ingurgitando più dolci possibili per permettere al nostro personaggio di attaccare e sconfiggere gli animali nemici e i boss di fine livello. Per aiutarci durante il tragitto, verranno rilasciati dei benefici temporanei da poter raccogliere, come il magnete per recuperare oggetti distanti, il boost per avere uno sprint improvviso e il gigantismo per essere invulnerabili per una brevissima durata. Esiste inoltre una percorso bonus chiamato LUNARMODE che ci consentirà di volare in una dimensione parallela in cui saranno presenti solamente dessert e monete. Sarà necessario comporre la parola LUNARMODE raccogliendo tutte le lettere sparse nella scenografia.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
4/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteUltimate Fishing Simulator annunciato per il 2019
Prossimo articoloFIFA 19 lancia la Continental Cup 2018 su PlayStation 4
Appassionato di videogiochi di nuova generazione e collezionista di giochi retrò che hanno fatto di PlayStation il prodotto d'eccellenza che conosciamo oggi. Sono un nerd a 360 gradi: oltre ai videogiochi, apprezzo tutto ciò che è arte per gli occhi. Adoro guardare anime preferibilmente in giapponese, leggere manga di ogni genere, amante del cinema cult e fanatico della fotografia.