Sviluppatore: Bonus Level Entertainment Publisher: EuroVideo Piattaforma: PS4 Genere: Platform Giocatori: 1 PEGI: 7 Prezzo: 19,99 €

Il ritorno di moda dei videogiochi in stile retrò non è più una novità; se da un lato la grafica in pixel art è accompagnata da motori fisici piuttosto avanzati, dall’altro, talvolta, si possono scoprire piccole perle che dai retrogame degli anni ’90 hanno ereditato veramente tutto. E’ questo il caso di FOX n FORESTS, platform sviluppato da Bonus Level Entertainment, che sembra essere un titolo pensato e costruito ad hoc per Super Nintendo e tutta quella generazione di console che su titoli di questo tipo ha costruito un successo planetario.

La volpe e la pernice

In un giorno qualunque, nella foresta, la volpe Rick è in cerca della sua preda giornaliera quando si imbatte in una gustosissima pernice. Mentre studia il modo di catturarla, la preda, Patty, che sembra più intelligente e furba della volpe, legge la situazione e con un gioco di parole riesce a promettere a Rick grossi tesori e pasti sopraffini in cambio del suo aiuto all’albero delle stagioni. La corteccia del maestoso albero è invecchiata con il passare degli anni, affievolendone i poteri, e, approfittando di ciò, una forza misteriosa ha preso il controllo dei boschi alterandone le stagioni e introducendo una devastante quinta stagione. Rick, pronto a imbattersi in questa pericolosa avventura, riceve dal grande albero una balestra da mischia e il potere di cambiare le stagioni a proprio piacimento per superare gli ostacoli sul suo cammino. Dalla trama, dunque, non c’è da aspettarsi granché sia in fatto di contenuti che di longevità, sebbene sia comunque ben raccontata e non esente da colpi di scena.

Il backtracking è la via

Inizialmente partiremo solo con una balestra da mischia, delle normali frecce e il potere di cambiare le stagioni in tempo reale spendendo punti mana, meccanica che rappresenta il fulcro del gameplay. Passare da estate a inverno per eliminare cespugli che limitano la visibilità o congelare dei fiumi che ostacolano il passaggio non è mai stato così semplice. Il cambio di stagione è immediato e richiede pazienza e astuzia, sia per la gestione della barra del mana, sia per la struttura dello scenario, dal momento che cambiare stagione nell’istante sbagliato potrebbe farvi precipitare in un burrone o farvi abbrustolire da una colonna di fuoco prima non visibile.

Iniziata la prima stagione ci si accorge subito della cura e della complessità dei livelli che si espandono spesso sia verticalmente che orizzontalmente. Il motivo di ciò è presto detto; ogni stagione è formata da tre stage principali, di cui uno dedicato solamente alla boss fight e un ulteriore livello bonus sbloccabile, ragion per cui la cura maniacale riposta in ogni singolo livello e la necessità di dover introdurre un backtracking piuttosto accentuato erano essenziali per allungare sensibilmente il tempo di gioco e dare un senso a gran parte delle meccaniche RPG. Proprio queste ultime si consumano principalmente nella Piazza della Foresta, dove troveremo tre mercanti (impersonati dalla tuttofare Patty) in grado di farci acquisire nuove abilità, armi e potenziamenti della salute e della barra del mana, in cambio di un cospicuo numero di monete e quasi sempre di collezionabili sparsi nei livelli (altro motivo che porterà a rigiocare alcuni scenari). Nonostante ciò, comunque, la longevità del gioco non supera le tre/quattro ore.

Essenzialmente, il gameplay ha uno schema ben chiaro; affrontati i due scenari principali di ogni stagione, si sfida il rispettivo boss che, una volta sconfitto, restituisce un pezzo della corteccia magica. Riportato il pezzo al grande albero, si riceve ogni volta un nuovo potere come ad esempio quello di scagliare frecce magiche, dardi infuocati e boomerang che, oltre ad aiutarvi negli scenari successivi, vi permetteranno di esplorare percorsi altrimenti inaccessibili per raccogliere altri semi, essenziali, come abbiamo detto prima, per sbloccare i livelli bonus e soprattutto per proseguire nella storia. Dopo la prima stagione, dovremo piantare tre alberelli per sbloccare la aree successive raggiungendo, per ogni albero, un certo numero minimo di semi magici raccolti.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteStreet Fighter V: presentati finalmente G e Sagat
Prossimo articoloThe Walking Dead: Telltale Games introduce lo Story Builder
Salvatore Terlizzi
E' legato ai videogiochi da quando per la prima volta mette le mani su Monkey Island, da allora comincia ad interessarsi sempre più a titoli di ogni genere e ogni piattaforma. Il suo genere preferito sono indubbiamente le avventure grafiche. Ha una discreta passione per il cinema trash ma niente di serio.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.