Sviluppatore: Cradle Games Publisher: tinyBuild Piattaforma: PS4 Genere: Action RPG Giocatori: 1-2 (Online: 2-4) PEGI: 12 Prezzo: 34,99 €

Esiste un genere videoludico su cui i videogiocatori stanno dibattendo ormai da anni per delinearne i confini precisi: quello souls-like. Un punto d’incontro è stato delineato dalla presenza di almeno tre caratteristiche: esiste la meccanica del trial and error, i punti di salvataggio e di riposo sono fissi e si possono utilizzare svariate tipologie di armi in base alle statistiche del proprio personaggio. Oltre questi punti, i confini del genere sfumano verso la diatriba. Ed è così che arriviamo a Hellpoint, titolo d’esordio di Cradle Games, videogioco spiccatamente souls-like che prova a ritagliarsi un suo spazio e una sua identità.

Hellpoint

Dei cosmici, una stazione spaziale e un buco nero… cosa può mai andare storto?

Hellpoint, esattamente in linea con il capostipite del genere a cui appartiene, ha una storia oscura e misteriosa, che si scopre solamente attraverso descrizioni, linee di dialogo di vari NPC e messaggi lasciati dagli ex-coloni della stazione spaziale Irid Novo. La stessa, un tempo apice dei traguardi scientifici umani, è ora completamente devastata e invasa da esseri provenienti da altre dimensioni e da cosmici malvagi.

I videogiocatori sono chiamati a interpretare una creatura denominata genericamente Progenie, creata per mano dell’Autore con il solo scopo d’indagare sulla serie di eventi che hanno portato a una tale catastrofe: la Fusione. La sinossi alla base non è certo innovativa, ma rimane comunque affascinante. Hellpoint non potrà che portare almeno un briciolo d’interesse in tutti i videogiocatori, soprattutto in quelli appassionati di sci-fi.

Hellpoint

Delineare la propria identità

Passiamo ad analizzare il gameplay di Hellpoint. Ciò che hanno fatto i ragazzi di Cradle Games è stato, sostanzialmente, prendere idee qua e là da titoli Souls e souls-like già presenti sul mercato, aggiungendoci qualcosa di loro e mescolando il tutto. Detto così sembrerebbe che il gameplay sia impiastricciato, confuso, poco originale; la verità è che gli sviluppatori sono stati davvero in gamba a combinare le meccaniche più interessanti da vari titoli e a fonderle in un mix che diverte il videogiocatore e gli infonde la voglia di continuare a sperimentare nuove combinazioni di armi e armature.

Al contempo, però, non si avverte un incentivo a farlo, perché, strano ma vero, la difficoltà è tarata verso il basso; pertanto si può tranquillamente arrivare alla fine di Hellpoint semplicemente aggiornando le armi e le armature che più ci sono piaciute fin dall’inizio. Menzione d’onore va al sistema di sblocco delle abilità delle singole armi; continuando a utilizzare una specifica arma sbloccherete lentamente abilità attive e passive che vi torneranno utili e che potrebbero farvi preferire un’arma a cui magari non avevate dato la giusta importanza.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
Articolo precedenteHearthstone: l’espansione Follia alla Fiera di Lunacupa è ora disponibile
Prossimo articoloTHQ Nordic, ufficiale l’acquisto di Purple Lamp Studios
Valerio Domenici
Instancabile videogiocatore sin dalla più tenera età, non ha mai smesso di coltivare la propria passione. Detesta i giochi sportivi e si narra che stia ancora cercando l'ultimo collezionabile in Hyper Light Drifter...

Facci sapere come la pensi. Per noi è importante.