Sviluppatore: Zen Studios Publisher: Zen Studios Piattaforma: PS4 Genere: Sport Giocatori: 1-8 (Online: 2-8) PEGI: 3 Prezzo: 14,99 €

Avete presente l’amico più giovane e sfigatino della compagnia? Quello che non è mai al centro dell’attenzione, a cui non ti rivolgi se cerchi emozioni forti, ma che è simpatico, onesto e quando ci parli ti ci trovi bene, e per questo non lasci mai che si allontani dal gruppo? Ecco, così è per il minigolf, che dopo una certa età cominciamo a considerare un passatempo per bambini, ma che, mazza alla mano e buca in vista, riesce sempre a trasmetterci sensazioni positive e spensierate. Le controparti virtuali non sono sempre capaci di ricreare le stesse emozioni, potendo sì contare su una maggior libertà nella creazione delle buche, ma anche su un minor coinvolgimento, tuttavia ciò non ha impedito a Zen Studios di proporci la sua versione con Infinite Minigolf. Scopriamo insieme che cosa si sono inventati per tenerci sulle pist… ehm, davanti al televisore.

Pronti, via!

Iniziare una partita a Infinite Minigolf è semplice come mandare la pallina in buca nella prima pista di qualunque minigolf reale; un comodo menù in una schermata coloratissima e cartoonesca, che dà immediatamente una direzione precisa al gioco, ci introduce alle diverse modalità, che potremmo raggruppare nelle due classiche categorie del singolo e del multigiocatore. Da soli possiamo cimentarci in una partita veloce o in un più strutturato torneo e proprio quest’ultima è la scelta che viene più spontanea e che consigliamo per prendere dimestichezza con il gameplay. Il quale, per darvi un’idea, si basa tutto sulle due levette analogiche: la sinistra dà la direzione, la destra imprime potenza al tiro.

I tornei, nello specifico, sono partite contro altri tre contendenti controllati dall’intelligenza artificiale. Giocati su dieci percorsi, la loro classifica è stilata non solo in base al numero di colpi utilizzati per andare in buca, bensì in base al punteggio ottenuto secondo moltiplicatori che vedremo più avanti. La versione base di Infinite Minigolf comprende tre location (Giant Home, Nightmare Mansion, Santa’s Factory), ognuna con diversi tornei, ma è possibile scaricarne gratuitamente altre due (Tortuga, Hangar 37) per espandere l’esperienza e aumentare la longevità del gioco. Ogni torneo può essere affrontato in tre diverse difficoltà (casuale, normale e difficile) nelle quali variano il numero di ostacoli e l’abilità degli avversari, ma non il layout generale della pista.

Mi pista es tu pista

La modalità partita veloce, diversamente da quanto si potrebbe immaginare, non ci permette di scegliere una delle buche presenti nei tornei, magari per fare pratica o per migliorare il nostro record. Al contrario, ci troviamo al cospetto di piste casuali scelte tra le decine di migliaia create e condivise dalla community cross-platform di Infinite Minigolf. Lo scopo del gioco non cambia: dobbiamo fare buca entro dieci tiri e massimizzare il punteggio per entrare nelle classifiche globali, prima di passare alla buca successiva. Una modalità di ricerca ci permette, per completezza, di cercare piste con caratteristiche specifiche.

L’argomento partita veloce introduce per l’appunto il tema della creazione e condivisione dei tracciati, una delle caratteristiche su cui il gioco punta maggiormente. Un completissimo e intuitivo editor di piste, accessibile dalla sezione del gioco in singolo, ci dà la possibilità di sbizzarrirci creando piste improbabili e riempiendole di ostacoli, bonus, potenziamenti e quant’altro, per dare finalmente forma ai sogni proibiti della nostra infanzia da minigolfisti. A lavoro ultimato potremo condividere la creazione con la community ed essere finalmente parte di un meccanismo che potremmo definire “social minigolf” e che moltiplica infinitamente la longevità del gioco.

Una longevità che, per concludere la copertura delle modalità disponibili, potrete prolungare ancora dedicandovi al multigiocatore. Che si tratti di sfidare i vostri amici o familiari in locale, passandovi il DualShock, o di cimentarsi in tornei o match uno contro uno online, le possibilità non mancano. Se poi siete tra i possessori del PlayStation VR, potrete fruire di Infinite Minigolf in un modo tutto nuovo, immersivo e interattivo all’ennesima potenza. I contenuti, insomma, non mancano.

A caccia di punti

Ciò che rende interessante il gameplay di Infinite Minigolf è la sua natura arcade, che mette da parte realismo, simulazione, leggi fisiche e regole, per lasciare spazio a un gioco molto più scanzonato e leggero, ma non per questo privo di fasi in cui far lavorare il cervello. Ogni buca, come anticipato, ci permette di totalizzare un punteggio composto da diversi elementi: ci sono il numero di tiri con cui facciamo buca, ognuno dei quali sottrae mille punti al computo finale, il numero di rimbalzi contro le sponde, il tempo trascorso in volo dopo un salto su una sezione in salita, ma soprattutto ci sono i diamanti.

Ogni pista presenta un certo numero di gemme azzurre e un diamante viola. Questi elementi bonus possono trovarsi sul percorso principale, oppure su diramazioni secondarie, o ancora nascosti dentro a oggetti della scenografia o oltre ostacoli particolari. Raccogliere quante più gemme azzurre è importante per arricchire il nostro bottino di punti, ma è soprattutto il diamante viola a meritare la nostra attenzione, dal momento che ci assicurerà un premio di ben duemila punti. In molti casi essere buoni raccoglitori risulterà fondamentale per vincere un torneo, più di quanto lo sia essere realizzatori da uno-due colpi a buca.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
CONDIVIDI
Articolo precedentePlayerUnknown’s Battlegrounds su PlayStation 4: è ufficiale!
Prossimo articoloRainbow Six Siege: svelati due nuovi operatori tramite dei leak
Avatar
Classe ’85, divido il tempo tra la moglie e i tre figli e le più svariate passioni. Amo la lettura, la scrittura e i videogiochi e recito dal 2004 con l'Associazione Culturale VecchioBorgo. Eterno bambino, amo la vita e guardo sempre allo step successivo, soprattutto se è più in alto del precedente.