Sviluppatore: Snap Finger Click Publisher: Vision Games Publishing Piattaforma: PS4 Genere: Party Giocatori: 1-8 PEGI: 3 Prezzo: 19,99 €

In un periodo in cui gli smartphone la fanno da padrone, si tenta sempre più di creare legami tra questi apparecchi e il mondo delle console, come dimostrato dalla gamma PlayLink e come prova a fare il team di Snap Finger Click con il suo gioco stile trivial, It’s Quiz Time.

It's Quiz Time

Lezione di storia

Ogni generazione di console Sony ha avuto dispositivi in grado di modificarne le funzionalità e di andare oltre il semplice controller. Sulla prima PlayStation fu la pistola GCON-45 di Namco, su PlayStation 2 i microfoni di Singstar, la chitarra in plastica di Guitar Hero e gli apprezzatissimi buzzer di Buzz. Proprio questi ultimi, riproposti poi in versione senza filo anche su PlayStation 3, sono stati in grado di animare numerose serate tra amici con domande di ogni genere (grazie alle numerose varianti pubblicate) e un presentatore, peraltro molto simile al nostro Enrico Papi, simpatico e irriverente.

Snap Finger Click, a distanza di anni, tenta di stimolare i giocatori a rispondere alle oltre venticinquemila domande inserite nel database di It’s Quiz Time (stando alle informazioni fornite dal gioco stesso) utilizzando un dispositivo che tutti hanno sempre a disposizione, ossia il nostro telefono cellulare. Proprio come accade per i titoli PlayLink, sarà sufficiente scaricare l’applicazione gratuita da Play Store o App Store per lanciarsi in men che non si dica in una sfida all’ultima risposta con un massimo di otto amici, per serate all’insegna del divertimento e molto spesso dell’ignoranza. Dopo aver eseguito il download dell’applicazione, ci siamo lanciati senza indugio all’interno di It’s Quiz Time per vedere quante ne sappiamo.

It's Quiz Time

Ti scatterò una foto

Al primo avvio di It’s Quiz Time verremo accolti da Salli, la presentatrice robotica del gioco dotata di una voce in stile bot del PC che tenterà di strappare un sorriso ai giocatori nel corso delle partite con battute in realtà poco incisive e frasi fatte dimenticabili. Oltre a ricevere una breve spiegazione da parte della conduttrice, inspiegabilmente privata del petto, verremo chiamati a scegliere un nome e un avatar, che potrà anche essere un nostro selfie. Prese queste importanti decisioni, Salli inizierà a sfruttare il nostro nome (del quale potremo anche correggere la pronuncia o personalizzarlo) per pungolarci con le suddette battute e frasi fatte, cercando di coinvolgere i giocatori proprio come faceva il compianto Buzz… riuscendoci però solo raramente.

La modalità principale di gioco è un quiz diviso in una serie di round, durante i quali, rispondendo in maniera corretta alle domande, otterremo punti necessari anche per la vittoria finale. Le categorie disponibili, almeno a una prima occhiata, saranno davvero tante, e spazieranno dalla geografia alla letteratura intaccando anche il mondo dei videogiochi e la scienza. Altrettanto varie saranno le modalità di gioco disponibili e che terranno sempre alto il livello di attenzione dei giocatori.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
6/10
Articolo precedenteGran Turismo Sport, in arrivo il circuito di Laguna Seca e il primo DLC a pagamento
Prossimo articoloSid Meier’s Civilization VI approda su console: lo strategico è ora disponibile su PlayStation 4
Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.