Sviluppatore: 10tons Entertainment Publisher: 10tons Entertainment Piattaforma: PS4 (disponibile anche per Mobile) Genere: Sparatutto Giocatori: 1-2 PEGI: 18 Prezzo: 14,99 €

Dopo l’esperienza positiva di Neon Chrome, ibrido tra roguelike e twin-stick shooter uscito nel 2016, i ragazzi di 10tons si sono dati da fare per creare una nuova, interessante opera il cui obiettivo è quello di alzare l’asticella e migliorare alcuni difetti del loro primo videogioco. Ecco quindi arrivare su PlayStation 4 JYDGE, definito dagli autori un prequel.

JYDGE

La legge sono io

Se avete vissuto la vostra gioventù nei favolosi anni Ottanta o siete semplicemente appassionati di fumetti cyberpunk, ricorderete con tutta probabilità il giudice Dredd, il cui primo volume venne pubblicato nel 1977 da una rivista, caso vuole, di proprietà di Rebellion Developments. L’opera, diventata un film culto nel 1995, che vantava anche la presenza del mitico Sylvester Stallone, racconta di un futuro distopico in cui, per far rispettare le leggi umane, vengono eletti dei giudici freddi e spietati pronti a tutto, persino uccidere, per adempiere al loro dovere.

Questa è anche la trama di JYDGE, che pesca a piene mani dal passato per puntare tutto sulle sparatorie, abbandonando la generazione procedurale dei livelli e proponendo una serie di missioni collegate tra loro da una semplice trama. “Semplice” è persino esagerato, perché all’infuori di alcuni stacchi in cui apparirà il logo di un’emittente televisiva della città in cui è ambientato il gioco, Edenbyrg, accompagnata da una voce narrante, ci ritroveremo a passare senza soluzione di continuità da una missione all’altra. Nessun collegamento vero e proprio, se non qualche rimando a livello grafico e qualche piccola citazione, anche a quello che dovrebbe essere il sequel di quest’opera, il già citato Neon Chrome. Un vero peccato considerate le premesse e la possibilità di creare una storia intrigante e coinvolgente.

JYDGE

Bastone e bastone

Uno dei punti di forza di JYDGE è rappresentato dalla sua immediatezza; come in ogni buon twin-stick shooter che si rispetti, la levetta sinistra sarà preposta al movimento, la destra alla mira e i grilletti posteriori all’uso delle armi normali e speciali in dotazione al nostro eroe. Nessun meccanismo complicato da assimilare, tanto che verremo subito lanciati nel vivo del gioco senza un minimo di spiegazione. Ogni breve missione ci richiederà di completare un totale di tre diversi obiettivi, di cui almeno uno obbligatorio, e poi di tornare vivi alla nostra futuristica auto della polizia.

Le richieste sono tutto sommato variegate, ma quelle base si ridurranno al salvataggio di ostaggi, all’eliminazione di determinati bersagli o alla sopravvivenza per un certo periodo di tempo a ondate infinite di nemici. Ad affiancare questi obiettivi ce ne saranno di opzionali: aprire tutte le casse, evitare di farsi colpire e perfino completare missioni in maniera stealth. Tutto questo verrà applicato in livelli dalle dimensioni ridotte in cui difficilmente spenderemo più di cinque minuti; tendenzialmente entreremo in azione, uccideremo qualsiasi cosa ci si parerà davanti e usciremo dalla struttura in un minuto o due. La visuale isometrica dall’alto permetterà di avere una panoramica dell’area, così da pianificare l’azione e decidere come sfruttare l’arsenale a disposizione al meglio, evitando ad esempio di colpire ostaggi innocenti la cui morte causerebbe un immediato game over.

JYDGE
1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
6/10
Articolo precedenteLe vendite di PlayStation 4 sono in calo
Prossimo articoloPlayStation 5, ecco il sito ufficiale della console
Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.