Sviluppatore: Team Reptile Publisher: Team Reptile Piattaforma: PS4 Genere: Picchiaduro Giocatori: 1-4 (Online: 2-4) PEGI: 12 Prezzo: 14,99 €

Se siete stanchi dei classici picchiaduro, abbiamo per voi la soluzione. Stiamo parlando di Lethal League, indie capace di conquistare con la sua semplicità. In fin dei conti, a essere malamente picchiata, è solo una pallina da baseball. Il perché è presto spiegato. Per abbattere gli avversari sarà, infatti, necessario colpirli con la pallina che vaga per tutta la schermata in attesa di mietere vittime. Prontezza di riflessi e calcoli di traiettoria complicano, così, la scalata alla vittoria.

Botte da orbi in amicizia

Gli stravaganti personaggi selezionabili sono dotati di un arsenale altrettanto variopinto e pazzo. Dalla semplice racchetta di ping pong alla nerboruta coda del coccodrillo Latch, non manca proprio nulla. Gli eroi presenti in gioco con i loro sgargianti colori sono il simbolo della semplicità che caratterizza il gioco in ogni sua espressione. Queste prerogative, unite a mappe dalle dimensioni ridotte, fanno sì che Lethal League ricordi vagamente le meccaniche di Pong. Rispedendo la pallina al mittente e angolandola minuziosamente, la velocità di questa aumenta, rendendo il gioco impegnativo anche dal punto di vista strategico.

Sarà fondamentale, infatti, posizionarsi nella maniera giusta, ma soprattutto avere il corretto tempismo per farsi beffe dell’avversario e colpirlo con la massima potenza. L’indicatore posto comodamente nella parte inferiore dello schermo vi indicherà, inoltre, le “modiche” velocità raggiunte dai vostri colpi; dargli un’occhiata, ogni tanto, vi garantirà una risata assicurata.

Lethal League è il gioco adatto a chiunque decida di passare un’ora in compagnia degli amici e divertirsi senza pensiero alcuno. La modalità due contro due, o anche quella tutti contro tutti, garantisce l’intrattenimento per quattro giocatori contemporaneamente. Peccato, però, che il gioco si fermi essenzialmente a questo. Vero che esiste una modalità sfida con corrispettiva leaderboard da scalare in single player, ma è altrettanto chiaro che il gioco sia privo di una vera e propria competizione dettata da un senso di progressione, che avrebbe di fatto garantito una maggiore longevità.

Ad allungare leggermente la durata del gioco, c’è una semplice barra di avanzamento livello che si riempie dopo ogni match. Sarà necessaria riempirla per ottenere i tanto agognati trofei, ma anche per sbloccare le skin (limitate alla solo variazione del colore) dei personaggi. Parliamo, ora, proprio di questi.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteStorm Boy: The Game è ora disponibile su PlayStation 4
Prossimo articoloPrimo trailer per Atelier Lulua: The Scion of Arland
Avatar
Amante dei Digimon più che di ogni altra fattispecie di creaturine e mostriciattoli vari, sviluppa la sua passione per il mondo Nerd e gaming in genere sin dalla tenera età di sette anni, cioè da quando gli è stata donata la prima PlayStation. Non è raro trovarlo in fiera in cosplay o a rincorrere fumettisti ed autori, come si suol dire: "ogni riccio un capriccio".