Publisher: Deck 13 Interactive Developer: CI Games
Piattaforma: PS4 Genere: Action RPG Giocatori: 1 PEGI: 16

Quando From Software rilasciò nel “lontano” 2009 il primo capitolo della saga Souls, sicuramente non avrebbe mai immaginato nè pensato che tale capolavoro, per quanto magnificamente completo e minuzioso, si trasponesse in fautore di un nuovo genere videoludico, pronto ad ispirare altri sviluppatori a percorrere la medesima via. Ciononostante, la prima risposta al richiamo del non morto è arrivata in questi giorni da parte di Deck 13 Interactive e CI Games tramite la pubblicazione di Lords of the Fallen. Per quanto la decisione presa sia densa di coraggio da parte del team di sviluppo, visto che battere un obelisco divenuto pietra miliare sul proprio campo è statisticamente impossibile, ciò che è da apprezzare immediatamente è la volontà di aggiornare l’interpretazione del genere, permettendo una visione più ampia dell’universo sopracitato.

Lords_of_the_Fallen_003

Le anime sono molteplici ora…

Prendendo atto di quanto appena descritto, è utopico pensare che il parallelismo con i Souls sia evitabile, pur con tutte le limitazioni del caso. La prima discrepanza è incentrabile sul protagonista, ben presentato all’inizio del gioco; Harkyn rappresenta il classico vichingo burbero di poche parole, un forzuto criminale determinato a raggiungere i propri scopi senza mezzi termini e misure. Al contempo, anche l’incipit narrativo inizia a dispiegarsi fin dal filmato introduttivo, illustrando come il mondo glaciale (all’interno del quale si ambienterà tutta l’azione), sia in uno stato di pericolo imminente. Il clima di tensione è da ricondurre ai Rhogar, guerrieri atti a piegare tutto il regno sotto il peso della paura e dell’aggressività. L’unico modo significativo per eliminare tale minaccia consiste nella sconfitta dei Signori dei Rhogar, i capi che tessono le fila del conflitto e che guidano i battaglioni dell’offensiva. Volente o nolente, il futuro del territorio di ghiaccio è nelle mani di Harkyn. Indubbiamente la trama subisce una leggera “tiratura” dato l’unico fine di elargire un motivo per avviare il massacro continuo di nemici da parte del protagonista. Il resto della narrazione potrà poi essere approfondito tramite alcuni papiri recuperabili nelle varie locazioni o sviscerando certosinamente i dialoghi con i vari personaggi, dotati addirittura di scelte multiple per far entrare in campo anche la moralità del giocatore.

lords-of-the-fallen-001

Come sopradescritto, l’editor e la personalizzazione del personaggio sono stati soverchiati e, di fatto, l’unica scelta iniziale andrà ad interessare la tripartita delle classi presenti, le quali andranno ad influire direttamente sulla mobilità che l’alter ego assumerà. Dal più pesante Guerriero, si passa all’intermedio Chierico per poi terminare sull’agilissimo Ladro. In maniera successiva verrà permessa un’ulteriore decisione riconducibile alla categoria magica da infondere al personaggio; anche in questo caso la scelta è triplice: Inganno, Conforto e Rissa. Tali specializzazioni andranno ad amalgamarsi perfettamente con l’equipaggiamento del protagonista e forniranno le basi per sviluppare una notevole capacità strategica di incantesimi.

Energia, non vita!

Pad alla mano, Lords of the Fallen trasmette immediatamente un dejà-vù made in Boletaria, salvo il fatto del combat system più rude, che restituisce una maggior sensazione di pesantezza del personaggio (acuita ulteriormente dalla classe del Guerriero). Questa disposizione di gameplay predispone all’attenzione più assoluta nei confronti della stamina, in quanto le possibilità di dipartita si concentrano quasi unicamente nei casi in cui la barra dell’energia risulta vuota. La cura riposta nel sistema di combattimento è quindi abbastanza ponderata e anche la decina di Boss Fight presenti risultano calibrate per l’equipaggiamento con le quali vengono affrontate (non ci saranno casi frustranti dove Harkyn incorrerà nella morte dopo due colpi consecutivi in stile Queelag). L’intelligenza artificiale degli avversari è di conseguenza dinamica, e porterà loro a modificare i pattern di attacco a seconda della vita rimanente, in modo da rendere lo scontro più variegato e meno “impara e schiva”.

lords_of_the_fallen_007

Il capitolo relativo alla difficoltà, temuto da tutti gli appassionati, si rivela meno ostico di quanto previsto, attestandosi sulla media: non vi saranno parti complesse o avvilenti, ma sezioni all’interno delle quali è richiesto un ragionamento atto ad elucubrare la strategia più adatta per affrontare la situazione spigolosa; se poi aggiungiamo un comparto checkpoint frequente ed un feedback di danno assolutamente alla portata di tutti, il resoconto non può che essere confermato.

2 COMMENTI

Comments are closed.