Sviluppatore: Last Dimension Publisher: WayForward Technologies Piattaforma: PS4 Genere: Metroidvania Giocatori: 1 PEGI: 7 Prezzo: 17,99 €

Non so voi, ma per quanto riguarda il sottoscritto, quella di risvegliarsi in una tiepida mattina (magari a non troppi giorni dall’undicesimo compleanno) e vedersi recapitare una lettera sigillata da cera scarlatta, con impresso un marchio raffigurante una grande “H”, è sempre stata una fantasia piuttosto ricorrente. Ammetto che, ancora oggi, l’idea mi provoca un qualche brivido d’eccitazione. Non fatevi però fuorviare, cari lettori, poiché dove ci troviamo è notte fonda, quella “H” sta per Hagmore e ogni brivido che sentirete da qui in avanti dipenderà probabilmente dal terrore di cosa potreste incontrare nella prossima stanza in cui metterete piede.

Nel posto sbagliato al momento sbagliato

La Scuola di Stregoneria di Hagmore risulta essere un luogo piuttosto misterioso e ricco di pericoli potenzialmente letali. Lo sa bene la recluta Belle MacFae, che in una notte di fine ottobre, intenta ad allenarsi con i propri incantesimi nei corridoi dell’edificio, viene sorpresa da strani rumori poco distanti da lei. Prima che possa rendersi conto di quel che sta succedendo, una figura in corsa la travolge facendola quasi cadere a terra, per poi dileguarsi rapidamente nell’ombra. A quel punto, una grossa mano alle sue spalle la agguanta e una voce gracchiante tuona: “Signorina MacFae! Ora sei davvero nei guai!”.

E’ proprio dopo questo breve accenno di trama che verremo gettati nel pieno del gameplay, nei panni della giovane maga dai capelli rossi; accusati dal concilio delle streghe di Hagmore di aver rovinato con uno dei nostri incantesimi la fantomatica pozione di Walpurgisnatch, non ci resterà che recuperare gli ingredienti necessari a produrne una nuova: il fiore di crepuscolo, l’artiglio di un lupo mannaro e una squama di drago. Il tempo stringe e anche se gli spiriti della notte sono pericolosamente irrequieti, il fallimento non è contemplato. Pena l’espulsione immediata dalla scuola.

Lasciati liberi sin da subito di esplorare la mappa di gioco e spostarci in una discreta varietà di ambientazioni (come ad esempio una foresta oscura, le segrete della scuola e i fondali acquatici al di sotto di essa), dovremo interagire con i vari personaggi e oggetti sparsi nei posti più impensabili, raccogliendo questi ultimi e talvolta combinandoli tra loro per poterli poi sfruttare dove serve, proprio come nella più classica delle avventure grafiche. A condire il tutto, oltre a una buona dose di sarcasmo nei vari dialoghi, non mancheranno mostri di ogni tipo e oscure presenze che si faranno in quattro per renderci la vita difficile. Eliminandoli ci garantiremo dei punti esperienza, grazie ai quali potremo salire di livello, andando così a migliorare l’efficacia del nostro unico incantesimo d’attacco e aumentando la salute massima di Belle.

Da buon amante dei giochi di ruolo, confesso di aver particolarmente apprezzato quest’aspetto, anche se una maggior profondità in questo senso avrebbe probabilmente contribuito a dare più spessore a tutto l’insieme. Non mancheranno comunque diversi boss (alcuni dei quali piuttosto nascosti e opzionali) e collezionabili. I primi, una volta sconfitti, ci doneranno poteri unici più o meno indispensabili mentre i secondi, oltre a contenere brevi accenni di lore, ci permetteranno (se raccolti tutti) di accedere a un finale segreto.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteUn utente giapponese ha trasformato la sua PlayStation Classic in una console portatile
Prossimo articoloLa locandina di What Still Remains si ispira un po’ troppo a quella di The Last Of Us
Avatar
Classe 1993, dimostra fin dalle sue prime esperienze a riguardo, un interesse passionale per i videogiochi. Non può fare a meno di vederli come una possibile espressione artistica che si risolve in un'esperienza interattiva. Potenziale stupendo, se si apprezza l'arte in ogni sua forma. Genere preferito: GDR! L'immedesimazione, dove possibile, è sempre oro, per lui.