Sviluppatore: Level-5 Publisher: Bandai Namco Piattaforma: PS4 Genere: Action RPG Giocatori: 1 PEGI: 12 Prezzo: 69,99 €

Non solo combattimenti

Uno dei maggiori pregi di Ni no Kuni II è senz’altro la sua varietà e versatilità; come da tradizione, Level-5 ha affiancato all’avventura classica tante modalità secondarie che comunque risultano tutt’altro che marginali. Tra tutte le novità, spicca la sezione gestionale: Evan, per realizzare il suo sogno, dovrà gestire e far crescere Eostaria. Curare e ampliare il nostro regno sarà fondamentale per la progressione nell’avventura e, a volte, addirittura obbligatorio per il prosieguo della trama. Potremo sviluppare armeria e forgia (per creare armi e armature migliori), potenziare i mercati (per ottenere oggetti utili nella creazione degli equipaggiamenti o necessari a completare missioni secondarie), migliorare la gilda degli esploratori, i laboratori magici e tecnologici, senza dimenticare il campo d’addestramento e la caserma.

Più cittadini si uniranno a Eostaria (di solito attraverso il compimento di appositi compiti assegnati dagli stessi) più denaro e risorse otterremo, grazie ai quali potremo ampliare il regno e acquisire nuove risorse per l’avventura. Nonostante il sistema sia molto semplice e immediatamente assimilabile, questa modalità calza a pennello nella produzione, rendendola ancor più variegata. Ci sono poi le schermaglie, in cui controlleremo le truppe del nostro esercito; anche in questo caso, pur avendo una struttura molto semplice, la modalità è divertente e offre sfide sempre nuove al giocatore.

Infine, tra le modalità completamente inedite, c’è la presenza delle Porte oniriche. Superandole ci ritroveremo in dungeon generati in maniera procedurale, nei quali potremo trovare ricompense rare o addirittura introvabili altrove. Più tempo passeremo all’interno di questi labirinti, che non ci permetteranno neanche di accedere alla mappa, più il livello di pericolo crescerà e di conseguenza anche la potenza dei nemici. Naturalmente a ciò si unisce la classica esplorazione, in un mondo più grande rispetto a quello del primo, e le quest secondarie intese nel modo più classico. Il fatto che ognuna di esse abbia una storia, più o meno grande, ma comunque sempre ben curata e mai uguale all’altra, ci ha impressionato.

Artisti leggendari

Come vi abbiamo già detto in apertura, lo Studio Ghibli non ha rinnovato la sua collaborazione con Level-5, ma questo non ha intaccato lo stile e la qualità del comparto tecnico. L’unica mancanza evidente è quella delle cutscene realizzate in stile lungometraggio animato, completamente sostituite da intermezzi in grafica di gioco. La partecipazione di Yoshiyuki Momose è evidente, soprattutto per chi ha già apprezzato il primo episodio o per gli estimatori di pellicole come La città incantata o Principessa Mononoke, per le quali Momose ha lavorato come animatore.

Tecnicamente, soprattutto nelle città, tutto è curato nel più minimo dettaglio. Dalla magica isola sul mare di Talasside al modernissimo paese in ottone di Sequonia, ogni luogo è caratterizzato in maniera straordinaria. La perfezione è raggiunta anche dal livello di frame rate e pulizia grafica, sempre impeccabile. Certo, lo stile chibi dei personaggi nella world map e nella città di Eostaria, a parte la scelta stilistica che può piacere o meno, presenta delle texture non sempre curate nel dettaglio e, durante alcuni salvataggi automatici, il frame rate ha delle incertezze, ma parliamo comunque di piccole imperfezioni che non inficiano il valore della produzione.

Di altissimo livello anche il comparto sonoro, con qualche tema ripreso e rielaborato dal primo episodio e tracce del tutto inedite. Ogni musica è memorabile, messa al posto giusto nel momento giusto e capace di caratterizzare ogni luogo e situazione. Anche in questo caso la presenza di Joe Hisaishi si fa sentire, vista la qualità e lo stile di ogni composizione sonora. Nota finale per la buona qualità del doppiaggio, presente sia in lingua inglese che giapponese, ovviamente accompagnato da sottotitoli in italiano.

Trofeisticamente parlando: un regno da costruire

Ni no Kuni II offre 51 trofei, Platino compreso. Ottenere il massimo trofeo sarà più una questione di tempo che di abilità, un po’ come per il primo episodio. Viste le tante quest secondarie e attività collaterali, la conquista del Platino potrebbe portarvi via tra le settanta e le ottanta ore. Per ulteriori dettagli vi invitiamo a consultare l’elenco trofei in italiano del gioco, già presente sul nostro forum.

1
2
3
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
9/10
CONDIVIDI
Articolo precedentePro Evolution Soccer dice addio alla Champions League
Prossimo articoloDLC gratuito e importanti aggiornamenti per Songbringer
Gennaro Favatà
Detto anche Giovanni, dagli amici di Ubisoft. Newser, inviato, grafico e se sei fortunato lo trovi anche sul forum di PlayStationBit. Ama alla follia fumetti, cartoni animati, videogiochi e quanto di più colorato e nonsense ci sia, non disdegnando però generi più dark come l'horror e il noir. Inoltre, come ogni eroe che si rispetti, sa trattenere il fiato per dieci minuti.