Rock of Ages II: Bigger & Boulder – Recensione

Sviluppatore: ACE Team Publisher: Atlus Piattaforma: PS4 Genere: Strategico Giocatori: 1-2 (Online: 2-4) PEGI: 12 Prezzo: 14,99 €

Dai ragazzacci di ACE Team (già noti per l’ottimo The Deadly Tower of Monsters) arriva il sequel di uno dei titoli più strampalati e divertenti mai visti su PlayStation 3. Parliamo ovviamente di Rock of Ages II: Bigger & Boulder che arriva su PlayStation 4 per migliorare quanto fatto dal suo predecessore, apprezzato da pubblico e critica alla sua uscita nel 2012. Senza indugiare ulteriormente, addentriamoci nella rotolante avventura di Rock of Ages II.

Da Sisifo ad Atlante

Nel primo episodio di Rock of Ages impersonavamo Sisifo, personaggio della mitologia greca condannato da Zeus a spingere un masso per l’eternità a causa della sua tracotanza nei confronti degli dei. In questo secondo capitolo invece ci caleremo nei panni di Atlante, anch’esso costretto a subire una punizione divina che lo condanna a reggere il peso dell’intero pianeta Terra. La storia comincia con una divertente cutscene (di cui, tra l’altro, il gioco è pieno) che ci mostra come Atlante perda per sbaglio il controllo della Terra e nel tentativo di recuperarla, per non sfigurare dinanzi a Dio in persona, la confonda con il macigno di Sisifo. Da qui partirà una strampalata avventura che ci porterà nei più disparati luoghi e periodi storici, a combattere guerre facendo rotolare il nostro fidato masso.

In Rock of Ages ce n’è per tutti i gusti: dall’antica Grecia di Eracle, alla Francia di Giovanna D’Arco, senza dimenticare i mulini a vento di Don Chisciotte, l’arte surrealista di Salvador Dalí, la strega della mitologia slava Baba Jaga e tanto altro. Un viaggio tra sedici diverse ambientazioni in cui potremo sfidare l’IA in modalità Guerra o Corsa a ostacoli, da soli o in compagnia di un amico. Il gioco vanta anche diverse boss fight in cui affronteremo nemici come la Sfinge o il Pensatore. Forse si poteva fare qualcosa di più con queste battaglie speciali, che per quanto siano utili ad aumentare la varietà, risultano un po’ troppo semplificate e quindi incapaci di regalare sfide realmente memorabili. Nonostante la durata della storia sia piuttosto contenuta, il divertimento è assicurato grazie all’humor che contraddistingue la produzione, sia nell’aspetto estetico che nel gameplay.

Come si vince una guerra?

Rock of Ages II offre tre diverse modalità, di cui due giocabili anche in multiplayer online: parliamo della modalità Guerra e della Corsa a ostacoli, i due perni attorno ai quali ruota (o rotola, fate voi) l’intera esperienza ludica del gioco. Partiamo dalla più semplice, ovvero la Corsa: dovremo scegliere il nostro masso preferito e gareggiare per arrivare più velocemente possibile alla fine del circuito, evitando i vari ostacoli disseminati per il percorso. Il vero piatto forte della produzione è però la modalità Guerra: in sostanza, dovremo difendere il nostro portone e cercare di sfondare quello nemico, ovviamente con l’ausilio del nostro fidato macigno. Questa modalità, oltre a farci muovere il masso per distruggere le difese nemiche, ci fornirà tutta una serie di armi di difesa da piazzare lungo il percorso che porta al nostro portone. Sarà quindi fondamentale la scelta del macigno, visto che ogni masso ha le sue statistiche e abilità speciali, e delle difese da schierare durante la partita.

Contro il tempo, contro tutti

In queste sezioni in stile tower defense, dovrete scegliere con cura le trappole per il nemico, pensando al posto migliore in cui lasciarle e facendo attenzione alle risorse economiche, visto che ogni difesa avrà un costo e il nostro budget sarà limitato. Avrete a disposizione le difese più disparate: dalle più tradizionali, muri, torri, esplosivi e catapulte, alle più strampalate, come tori rinforzati, balene, mucche adesive, ventilatori e molto altro. Sarete quindi liberi di dare libero alle vostre abilità strategiche e alla vostra fantasia, elaborando tattiche sempre nuove, soprattutto in multigiocatore, che sia locale o online.

Ultima, ma non meno importante, è la modalità Prova a tempo che ci permetterà di percorrere i vari tracciati senza trappole e difese, facendoci gareggiare per scalare le classifiche online e ottenere le varie medaglie messe a disposizione dal gioco. Poche modalità, è vero, ma molto rigiocabili e poco ripetitive (forse solo in lunghe sessioni single player) grazie alla perfetta implementazione del multigiocatore, online e offline, contro e in cooperativa. Forse gli sviluppatori avrebbero potuto inserire altre modalità (come un editor delle mappe o per l’estetica dei macigni), ma tutto sommato Rock of Ages II funziona benissimo anche così e probabilmente altri contenuti avrebbero intaccato la leggerezza e l’immediatezza del titolo.

Un macigno non troppo solido

Non ci riferiamo ai massi presenti nel gioco, ma al comparto tecnico del gioco. Se cutscene e design di ambientazioni e personaggi sono pienamente promossi, grazie a stile e senso dell’ironia unici, non possiamo dire altrettanto del comparto grafico. Il risultato non supera la sufficienza e, nelle fasi più concitate in multiplayer, abbiamo anche riscontrato evidenti cali di frame rate. L’esperienza di gioco non ne risente troppo, ma avremmo gradito qualcosa di più sotto questo aspetto.

Perfetta invece la colonna sonora, piena di brani classici rielaborati e tracce originali che accompagnano in maniera epica ogni momento del gioco. Gli sviluppatori hanno reso la OST pubblica, caricandola sul loro canale Youtube. Ciliegina sulla torta, il gioco è interamente localizzato in italiano.

Trofeisticamente parlando: falla rotolare!

Rock of Ages II porta in dote 14 trofei, tra i quali non figura purtroppo il Platino. Gli obiettivi sono piuttosto variegati, ma abbastanza semplici da sbloccare: vi verrà richiesto di completare partite senza subire danni, usando solo alcune armi di difesa, completare le prove a tempo, battere i boss senza perdere alcun macigno e molto altro. In ogni caso, abbiamo già provveduto a realizzare la guida ai trofei che già potete consultare sulle pagine del nostro forum.

VERDETTO

Rock of Ages II è stato capace di divertirci come pochi altri giochi. Il mix di strategia, con le fasi tower defense, e azione, grazie alle folli rotolate del macigno, è esplosivo. Bene in single player, grazie a una interessante modalità Storia, benissimo in multigiocatore, sia locale che online. Qualche contenuto in più non ci sarebbe dispiaciuto, ma forse è giusto sacrificare qualcosa in favore dell'immediatezza. Il comparto tecnico non è all'ultimo grido, ma le evidenti lacune vengono colmate in pieno dall'ironia e dalla fantasia dei ragazzi di ACE Team.

Guida ai Voti

Gennaro Favatà
Detto anche Giovanni, dagli amici di Ubisoft. Newser, inviato, grafico e se sei fortunato lo trovi anche sul forum di PlayStationBit. Ama alla follia fumetti, cartoni animati, videogiochi e quanto di più colorato e nonsense ci sia, non disdegnando però generi più dark come l'horror e il noir. Inoltre, come ogni eroe che si rispetti, sa trattenere il fiato per dieci minuti.

1 commento

Comments are closed.