Sviluppatore: Wish Studios Publisher: Sony Interactive Entertainment Europe Piattaforma: PS4 Genere: Party Giocatori: 2-6 PEGI: 3 Prezzo: 19,99 €

Partita con Dimmi chi Sei!, la linea di giochi PlayLink targati Sony ha sempre mirato al divertimento e alla competizione tra gli amici nella stessa stanza, risultato già raggiunto lo scorso anno con l’appassionante Sapere è Potere, recensito e premiato dal nostro Stefano. Nonostante il meritato successo, i ragazzi di Wish Studios hanno avuto ancora altro da dire, e l’hanno fatto con Sapere è Potere: I Decenni. A primo acchito può sembrare una semplice espansione del videogioco originale, quando in realtà si tratta di una versione alternativa di quanto abbiamo già visto.

Guess my age

Ancora una volta, insieme ai nostri amici, saremo i concorrenti dello show televisivo a quiz in cui la conoscenza sarà la chiave per la vittoria (insieme a un pizzico di fortuna); sfideremo gli altri concorrenti a suon di sapienza e di rapidi tap sullo smartphone per decretare il campione della serata, quest’ultimo premiato dalla maestosa pergamena del sapere, insieme al rispetto oppure al disprezzo degli altri giocatori.

Come suggerisce il nome del gioco stesso, Sapere è Potere: i Decenni è una seconda edizione dello show interattivo di casa Sony incentrato, appunto, su domande che ricoprono specifici decenni. Il modus operandi è lo stesso del gioco base (per così definirlo), ma cambiano drasticamente le domande e le tipologie, queste decisamente più mirate rispetto alla versione dello scorso anno. Questa volta la primissima scelta ricadrà sul decennio in cui saranno “ambientate” le domande a cui abbiamo intenzione di rispondere; dipende dalla propria curiosità e dal quanto ci si senta ferrati su una determinata annata (se siete assi di, che so, Otto sotto un tetto, virate dritti e speranzosi verso gli anni ’90).

Avanti un altro

Scaricata l’apposita applicazione, da non confondere con quella “normale”, e una volta collegati alla rete Wi-Fi a cui è connessa anche la vostra console, il gioco ci chiederà di scattarci un selfie e scegliere uno tra gli stravaganti avatar che impersoneremo, dando così finalmente inizio alla partita. E’ fortunatamente possibile usufruire dell’intero gioco anche senza internet, grazie all’hotspot di PlayStation 4. All’inizio di ognuna delle tre manche, il buffo presentatore ci chiederà di scegliere uno tra i quattro decenni disponibili, dagli intramontabili anni ’80 fino al corrente 2010, rappresentati dalle iconiche porte luminose presenti anche nella scorsa edizione del quiz interattivo.

Scelto il decennio preferito, verremo catapultati in un’altra stanza, in cui selezioneremo una tra le categorie presenti, da TV a film passando dalla musica alla cultura pop. La peculiarità di Sapere è Potere: I Decenni è la presenza di numerose domande dirette al pubblico italiano; giusto per darvi un’idea, ci siamo ritrovati a rispondere a domande con protagonisti Fiorello e Raoul Bova, per citarne alcuni, e altre ancora su fiction e serie TV quali Boris (su cui il sottoscritto è ferratissimo!) e I Cesaroni. Il gioco si compone di tre round, a loro volta divisi in tre domande e una sfida, al termine dei quali vi sarà l’emblematica piramide che già faceva da manche finale del primo capitolo della serie.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteThe Last Remnant Remastered: una serie di trailer mostrano gli ambienti di gioco
Prossimo articoloPlay Modena, novità sul tema spaziale e promozione natalizia
Andrea, seguace del Bit da sempre e suo servo da quasi due anni, vive in una casupola malandata situata sotto un ponte e dentro un cartone in una cittadina di gangster, e sin dalla sua nascita ha sempre avuto un sogno e una passione, entrambi fortunatamente realizzati: mangiare videogiochi e recensire mozzarelle. Grande fan degli Action RPG, non disdegna un bel gioco indipendentemente dal suo genere. Seguendo l'ideologia dei media visti come puri strumenti di divertimento e passione, preferisce godersi un platform piuttosto che sorbirsi i detestabili jumpscare di un horror.