Sviluppatore: Solar Sail Games Publisher: Curve Digital Piattaforma: PS4 Genere: Azione/Avventura Giocatori: 1 PEGI: 12 Prezzo: 19,99 €

Una madre, per il bene dei propri figli, è sempre pronta a tutto, persino a dare la caccia a esseri sovrannaturali. Su questo concetto si basa Smoke and Sacrifice, un ambizioso indie dello stesso stampo di Don’t Starve, che promette una maggiore focalizzazione sul comparto narrativo, pur non disdegnando il genere survìval, questo intrecciato a tante meccaniche da altri generi. Le premesse sono buone, ma non bastano di certo a dare un giudizio complessivo sul titolo, che andiamo ad analizzare in questa recensione.

Praise the sun!

Il mondo misterioso di Smoke and Sacrifice è pieno di pericoli, dominato da oscurità e gelo, dietro cui si celano immonde creature intente a uccidere a vista chiunque gli si pari davanti. Solo una ristretta cerchia di persone è riuscita a sopravvivere alla devastazione grazie ai soli artificiali, meccanismi in grado di replicare le proprietà del Sole, gli unici mezzi che garantiscono al villaggio un buon raccolto. Ma tutto ha un prezzo. Per permettere alla comunità di vivere in pace e con l’albero del Sole sempre attivo è richiesto alle madri il sacrificio di tutti i primogeniti.

Così ha inizio la storia di Sachi, costretta per il bene comune a sacrificare suo figlio Lio, che a causa di uno strano dispositivo – a seguito di un rituale – scomparirà nel nulla. Passano ben sette anni dal sacrificio, ma la madre è ancora in pena per suo figlio. D’un tratto i soli artificiali smettono di funzionare e permettono ai mostri di avvicinarsi, e allo stesso tempo un sussurro di una figura misteriosa rivela alla protagonista che Lio potrebbe essere ancora vivo, da qualche parte. Aggirata la Chiesa, Sachi riesce a intrufolarsi all’interno dello strano marchingegno e a farsi trasportare in un mondo sotterraneo abitato da ostilità, tra perfide creature e una misteriosa nebbia nera, capace di far perdere la memoria a chi la oltrepassa.

Comincia così la tragica avventura di Sachi, una storia valida e articolata che ricompenserà il giocatore con le risposte che cerca passo dopo passo. Una componente narrativa di tutto rispetto, che però fa prendere il sopravvento troppo spesso a missioni secondarie ripetitive, NPC poco credibili (in quanto si limitano collettivamente a ripetere le stesse linee di dialogo) e tanti tempi morti.

Crea, distruggi, ripeti

Quello di Smoke and Sacrifice si presenta come un mondo aperto in 2.5D (interamente disegnato a mano) con visuale isometrica. Lo scopo del gioco sarà quello di attraversare l’ambiente, che presenta molteplici biomi, e recarsi nei punti d’interesse elencati sulla mappa sbarazzandosi delle creature avversarie e raccogliendo quanti più oggetti possibili per costruire il proprio equipaggiamento. Il titolo, in ambito gameplay, si concentra con tutto sé stesso sul sistema di crafting, questo onnipresente e a tratti sfiancante, che costringerà minuto dopo minuto a creare armi, armature e oggetti vari intenti a rimpiazzare quelli in utilizzo, che si deteriorano troppo rapidamente. Diversamente dagli altri survival, Smoke and Sacrifice non presenta le classiche barre di fame e sete del personaggio, limitandosi a quella della salute, la quale è possibile riempire solo mangiando e bevendo oggetti grezzi o preparati, e alla barra della luce, un indicatore del mana. A tal proposito, il gioco offre una incredibile quantità di ricette da craftare e svariate possibilità di approccio grazie agli innumerevoli tipi di armi, da bastoni a spade fino a bombe e trappole. Sarà essenziale considerare il passare del tempo, con cicli giorno-notte che fanno la differenza sul campo di battaglia. Ci riferiamo alla nebbia oscura, che nelle ore notturne invaderà il mondo intero e costringerà il giocatore a creare delle speciali lampade (che, come tutti gli altri oggetti del gioco, si scaricheranno in pochissimo tempo).

Passeremo dunque la maggior parte del nostro tempo a collezionare oggetti utili per costruirne di nuovi, mentre l’azione passerà quasi in secondo piano. Questa è ridotta al minimo sindacale. Il movimento della protagonista risulta particolarmente lento e goffo, e di certo non accorrono in aiuto le meccaniche di attacco e schivata. A queste si aggiunge la possibilità di parare gli attacchi, che è quanto di più scomodo si possa immaginare. Premere il tasto relativo alla parata, infatti, scaricherà di molto la barra della luce e avvolgerà per pochi secondi Sachi in una barriera, che limiterà pesantemente i movimenti del personaggio. Considerando l’utilità della barra della luce, che rappresenta la carica di una misteriosa collana che prenderà il posto delle lanterne se scariche, parare diventa più un rischio che una sicurezza. Come se non bastasse, non è presente alcun sistema di level up, e ciò rende futili e snervanti gli scontri con i mostri che non rilasceranno gli oggetti di cui abbiamo bisogno. Una meccanica giusta quella del dosare le battaglie, ciononostante i mostri ci staranno sempre alle calcagna e, se veloci abbastanza, potrebbero non mollare la presa fin quando non ce ne sbarazzeremo, costringendoci a far deteriorare i nostri oggetti inutilmente.

1 COMMENTO

Comments are closed.