Sviluppatore: SFL Interactve Publisher: SFL Interactive Piattaforma: PS4 Genere: Sport Giocatori: 1-2 (Online: 1-2) PEGI: 3 Prezzo: 29,99 €

Quando Electronic Arts lanciò sul mercato il mitico FIFA Street, gli appassionati di calcio scoprirono una versione di questo sport in grado di esaltarsi con mosse incredibili e uno stile unico. SFL Interactive prova a scalzare il re dal trono con il loro Street Power Football. Non perdetevi la nostra recensione!

street power football

Parola di Séan

Se pensiamo al calcio freestyle, uno dei nomi che vengono immediatamente in mente è Arnaud “Séan” Garnier (eh, come no NdD), talentuoso calciatore francese divenuto campione mondiale alle Red Bull Street Style World Finals grazie a una combinazione di calcio, basket e break dance. Questo artista di strada è stato scelto per essere il volto principale di Street Power Football, che permette di diventare re delle acrobazie con il pallone e di affrontare una sfilza di avversari e di sfide di difficoltà crescente.

Garnier comparirà in una serie di brevi filmati durante la campagna principale, denominata Become King. Sorvolando sull’assenza totale di lip sync del povero atleta e la traduzione grossolana dei dialoghi in italiano, sarà però evidente l’assenza di una qualsivoglia trama. Il nostro Séan annuncerà semplicemente lo spostamento in una nuova zona e darà il via a una serie di prove da superare, completando specifici obiettivi. Nonostante tutto, la volontà di diventare i re della strada è forte, dunque ci lanciamo palla al piede in area, pronti a segnare.

street power football

Piedi di legno

Le modalità offerte da Street Power Football sono decisamente varie. Oltre al classico match che metterà di fronte da quattro a sei calciatori, si potrà partecipare a sfide uno contro uno, denominate Panna, in cui si otterranno punti facendo tunnel all’avversario; a prove freestyle in cui sfoggiare i propri trucchi migliori; al Trick Shot, in cui colpire con il pallone una serie di obiettivi come bidoni, bottiglie e molto altro ancora.

L’apparente varietà cela però solo in parte le enormi lacune del titolo, a cominciare da una legnosità dei comandi che rende ogni partita una tortura. Negli scontri a suon di gol sarà possibile tirare, passare la palla, usare mosse speciali ed esibirsi in mirabolanti trick per superare gli avversari. Quest’ultima funzione, che per assurdo sembra estranea al resto dell’azione, sarà anche la più problematica, dato che eseguire un numero renderà invulnerabili all’unica tipologia di tackle presente, ossia l’allungo del piede per intercettare il pallone. Come se non bastasse, non ci saranno contromosse per i passaggi alti e i tiri al volo, il che renderà frustrante sfidare un’intelligenza artificiale comunque stupida, in grado di fallire gol a porta vuota e non dotata di un selettore di difficoltà.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
4/10
Articolo precedentePlayStation e i team di sviluppo augurano buon Natale agli utenti con biglietti personalizzati
Prossimo articoloAstrology and Horoscope si aggiorna per il 2021
Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.