Sviluppatore: Ronimo Games Publisher: Ronimo Games Piattaforma: PS4 Genere: Strategico Giocatori: 1-2 (Online: 1-2) PEGI: 12 Prezzo: 14,99 €

Correva l’anno 2015 quando i ragazzi di Ronimo Games, un piccolo studio di sviluppo fondato da ex-studenti della Utrecht School of the Arts, rilasciavano su Wii U il secondo capitolo di Swords & Soldiers. L’interessante side-scrolling in 2D non abbandonò però mai i confini della console Nintendo, lasciando soprattutto i possessori di PlayStation delusi e rammaricati. Questo strategico in tempo reale proponeva una formula piuttosto originale, sostituendo i lunghi e tediosi scontri tipici del genere con battaglie veloci e dinamiche.

Swords and Soldiers 2 recensione

A distanza di tre anni, Swords & Soldiers 2 è però alla fine approdato sull’ammiraglia Sony con la versione Shawarmageddon. Rispetto al titolo originale, questa edizione va a colmare una delle principali lacune che erano emerse in passato: la mancanza del comparto online. Grazie a ciò, l’offerta proposta riesce così a essere più sostanziosa, andando a proporre un’interessante alternativa alla campagna principale. Accanto a tutto ciò trova anche posto una modalità split screen, utile per affrontare un amico in avvincenti combattimenti in locale. Insomma, questo interessante strategico sembra avere molte frecce al proprio arco. Sarà veramente così?

A spasso con i vichinghi

A differenza del primo capitolo, in Swords & Soldiers 2: Shawarmageddon prenderemo possesso di un unico esercito guidato dal carismatico Redbeard. L’obiettivo sarà semplice: utilizzare il vostro esercito per recuperare la sacra pecora dalle grinfie nemiche! Andando avanti con la campagna principale assisteremo alla crescita della nostra armata che si arricchirà di demoni, persiani e di altri tipi di unità ispirate ai mondi più fantasy. Durante il completamento dei circa trenta livelli disponibili, lo stile cartoonesco e la freschezza delle linee di dialogo contribuiranno a rendere l’esperienza rilassante e divertente, elevando così l’aspetto artistico a livelli ben superiori alla media. I modelli disegnati a mano in alta definizione saranno solo la ciliegina sulla torta.

Swords and Soldiers 2 recensione

Ma come funziona esattamente Swords & Soldiers 2? Nulla di più semplice. Agli estremi del lineare campo di battaglia troveranno posto le roccaforti delle due fazioni in gioco. Tramite la raccolta di risorse (oro e mana) i giocatori potranno evocare unità, costruire edifici e lanciare potenti incantesimi. L’obiettivo sarà quindi quello di utilizzare la vostra armata per distruggere la base nemica. Per rendere più facile il raggiungimento della vittoria, i ragazzi di Ronimo Games hanno deciso di aggiungere la possibilità di creare dei “campioni” dall’immenso potere distruttivo. Queste unità speciali, molte delle quali figlie di diverse mitologie antiche, saranno dotate di particolari abilità capaci da sole di ribaltare completamente l’esito di uno scontro. Conoscere le vostre unità e le loro debolezze sarà il principale ago della bilancia tra vittoria e sconfitta.

Gran parte della storyline principale, completabile in non più di una decina di ore, finirà però per causare diversi grattacapi, principalmente per colpa di alcune impennate sul fronte della difficoltà. Accanto ad alcune missioni che si completeranno letteralmente da sole, vi imbatterete in alcuni scenari aperti in cui avrete totale libertà d’azione. In questi sarà necessario fare affidamento sulle proprie capacità dato che il più piccolo errore potrà farvi perdere terreno. Oltre agli obiettivi relativi al singolo scontro, sarà possibile completare anche una serie di incarichi ben più complessi concernenti il tempo impiegato, il mancato utilizzo di incantesimi o la raccolta di risorse. Se deciderete quindi di concentrarvi sulle missioni aggiuntive, preparatevi a giocare e rigiocare i vari scenari diverse decine di volte. Ottenere tutte le medaglie non sarà affatto una cosa semplice.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
Articolo precedenteEvent Horizon annuncia Dark Envoy, un GdR non lineare dalle grandi aspettative
Prossimo articoloWWE 2K20, The Fiend di Bray Wyatt è il bonus preorder
Avatar
Ivan, tra studio e basket, riesce a ritagliarsi il suo angolo della giornata per immergersi nel magico mondo dei videogiochi. Gioca un po' di tutto ma i generi preferiti sono: gli shooter (TPS e FPS) e gli action (in particolar modo quelli con una forte componente stealth). Se gli date un controller... sogna!